I golosi cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola

cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola
Commenti: 2 - Stampa

Ortaggi in tavola anche in inverno con i cavolini di Bruxelles gratinati

Oggi proviamo i cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola, siete d’accordo? Poi mi farete sapere! Ho scelto questo piatto per un motivo: il freddo invernale ci mette a dura prova e non solo per via degli sbalzi di temperatura ma anche in cucina, con la preparazione di alcuni piatti a base di verdura.

In estate, si sa, si preferisce consumare ortaggi freschi e crudi, facilmente preparabili, magari in insalata; in inverno, invece, non è sempre così facile trovare dei piatti caldi e naturali che sappiano conciliare il giusto apporto di vitamine al piacere dato dal gusto. Per venirvi incontro ho pensato a una pietanza semplice ma di gran effetto, che vi permetterà di mangiare sano senza però dimenticare il piacere della buona tavola: i cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola!

Le mille proprietà dei cavolini di Bruxelles

Con questo piatto riuscirete preparare un secondo semplice, gustoso ma soprattutto ricco di nutrimenti e sali minerali. Non serve essere dei geni tra i fornelli per potersi permettere un risultato soddisfacente e di sicuro effetto, e i protagonisti della ricetta dei cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola ci aiutano senz’altro! Senza ombra di dubbio, i cavolini sono conosciuti da tutti non solo per la loro bontà, ma anche per le loro proprietà antiossidanti e per i benefici che apportano alla prostata, alla vista, alle ossa e al cervello.

Sono bensì una valida fonte di numerose sostanze utili al corretto funzionamento del nostro organismo: sono ricchi di fibre e vitamine, soprattutto del gruppo A, B, C e K. I sali minerali, come il ferro e il fosforo, sono presenti in concentrazione abbastanza elevata e, secondo le ricerche, le donne possono trovare particolare giovamento dalla consumazione dei cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola, in quanto abbiamo a che fare con ortaggi che agiscono in modo benefico sugli ormoni femminili.

I cavolini di Bruxelles gratinati e il sapore del re dei formaggi

Dovreste sapere inoltre che i cavolini di Bruxelles vantano proprietà antianemiche; sono in grado di stimolare l’attività cerebrale grazie alla sinergia tra acido folico e tiamina, e si abbinano perfettamente con il formaggio che andremo ad usare per la preparazione dei cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola, sia da un punto di vista nutrizionale che terapeutico. Infatti, anche se non sembra, porteremo in tavola uno dei latticini più salutari presenti sul mercato, proprio per via delle sue muffe e dei fermenti lattici che contiene.

Lo zola è quindi un grande alleato per i problemi di costipazione intestinale, ed è infatti paragonabile allo yogurt per la concentrazione di sostanze in grado di stimolare l’attività di evacuazione. Inaspettatamente, è anche ricco di vitamine A, B2, B5 e B12, di calcio, magnesio, sodio, fosforo e selenio. Questo formaggio riesce a trasformare anche i cibi dal sapore più scialbo in veri e propri piatti gourmet. Ma adesso andiamo a provare i cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola… Poi, fatemi sapere che ne pensate!

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr di cavolini di Bruxelles,
  • 100 gr di gorgonzola dolce,
  • 1/2  bicchiere di latte intero consentito,
  • 8 noci,
  • 40 gr di pangrattato consentito,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. pepe e sale

Preparazione

Mondate i cavolini, togliendo le foglie più esterne. Tritate le noci. Metteteli a cuocere al vapore per 15 minuti; poi sistemateli in una pirofila unta con l’olio.

Cospargete i cavolini con il gorgonzola (sciolto a bagnomaria con un goccio di latte), il pangrattato, le noci tritate, un pizzico di sale e una presa di pepe.

Infornate a 200°C per 10 minuti; poi lasciateli sotto il grill per formare una crosticina dorata.

Serviteli caldi in tavola.

5/5 (453 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “I golosi cavolini di Bruxelles gratinati al gorgonzola

  • Sab 27 Feb 2021 | Silvia ha detto:

    Negli ingredienti sono previste le noci. La ricetta di esecuzione non ne parla. Come lamettiamo?

    • Sab 27 Feb 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Silvia ha ragione. Vanno aggiunte prima di mettere in forno la pirofila.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-11-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti