logo_print

Ghiaccioli di anguria : I dessert più buoni dell’estate

Ghiaccioli di anguria
Stampa

I ghiaccioli di anguria, ottimi al mare, ma anche per chi resta in città!

L’altro giorno ho preparato i ghiaccioli di melone e oggi cambiamo frutto!! Se siete alla ricerca di una merenda fresca, gustosa e nutriente, il consiglio è di prepararvi dei buonissimi ghiaccioli di anguria. Piacciono agli adulti così come ai bambini, ci offrono una buona dose di vitamine, minerali, antiossidanti e tanta soddisfazione. Prepararli è molto semplice e vi mostrerò alcuni trucchi per renderli ancor più gustosi!

L’anguria è decisamente un frutto perfetto per la preparazione di ghiaccioli e si presenta come un alimento tipicamente estivo. Pertanto, vi suggerisco di provarli al più presto, ma prima di dirvi come fare, ci tengo a raccontarvi qualcosa di più riguardo al frutto protagonista di questo fresco dessert!

Un frutto dalle mille peculiarità…

L’anguria è chiamata anche cocomero ed è il frutto della pianta Citrullus Vulgaris, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, e può arrivare a pesare anche più di 20 kg. Le prime coltivazioni di questo vegetale furono effettuate in Egitto e risalgono a ben 5mila anni fa: le prove scritte le troviamo in numerosi geroglifici! Fin dai tempi antichi; si sapeva già che si trattava di un frutto dotato di numerose proprietà terapeutiche

Non a caso, è composto principalmente da acqua e zuccheri della frutta e regala al nostro organismo dei minerali importanti per il nostro benessere, quali fosforo, calcio, magnesio, manganese, rame, potassio, selenio e ferro; ed elevati livelli di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E e J. Pertanto, già da questo si capisce che i ghiaccioli di anguria possono rivelarsi una merenda coi fiocchi sotto diversi punti di vista, nonché un toccasana per la nostra salute.

Ghiaccioli di anguria

A questo proposito, dovreste sapere che, secondo numerosi studi, il cocomero è ipocalorico, facilmente digeribile e vanta ottime proprietà rimineralizzanti, diuretiche, depurative, disintossicanti, antitumorali e antinfiammatorie. Si rivela un valido alleato contro la stanchezza e la ritenzione idrica. Non solo,  è capace di rinforzare il sistema immunitario, di aiutare a tenere sotto controllo la pressione, di migliorare la circolazione sanguigna. Inoltre il suo consumo può favorire inoltre la salute di pelle e capelli.

Prepariamo i ghiaccioli di anguria!

Sicuramente, le informazioni che avete appena letto vi hanno fatto venire ancora più voglia di prepararli e assaggiarli al più presto, sopratutto adesso che stiamo avendo a che fare con un’estate così afosa. Questa tipologia di dessert è infatti fresca quanto basta e ci aiuta a reidratare il nostro corpo e a rifornirlo di tutti i minerali che perde con la sudorazione.

Tuttavia, ricordate che per preparare dei ghiaccioli di anguria perfetti sotto ogni punto di vista, vi servirà un bel cocomero fresco, ma comunque maturo, e un valido frullatore ad immersione. Sceglietene uno di qualità, con lame e struttura resistente: in questo modo vi offrirà buone prestazioni, ottimi risultati e vi aiuterà ad ottenere la consistenza ideale, tritando persino i semi che potrete dimenticarvi qua e là. Andiamo a preparare i nostri ghiaccioli!

Ingredienti per 5/6 ghiaccioli

  • 2/3 fette di anguria
  • 1 limone bio
  • qualche foglia di melissa o menta

Preparazione

Tagliate la polpa dell’anguria dalla buccia, cercate di togliere tutti i semi, tagliatela a cubetti. Insieme ad alcune foglie di menta ben lavate e unitela al succo del limone in un boccale utile per l’utilizzo del frullatore ad immersione e frullate il tutto fino ad ottenere una polpa liscia.

Versate la polpa in ciascun bicchierino quasi fino all’orlo e mettete i bicchierini nel congelatore per far solidificare. Dopo circa 30 minuti, inserite le cannucce tagliate a metà o i bastoncini di legno dentro ogni bicchierino: la polpa sarà già abbastanza solida da far restare dritta la cannuccia.

Lasciate congelare i ghiacciolini per almeno un paio di ore. Per toglierli dal bicchierino basterà che li teniate in mano per qualche secondo: il calore della pelle farà staccare il ghiacciolo.

Vi serviranno:

  • 6 bicchierini da caffè di plastica
  • Cannucce colorate grosse o bastoncini di legno da gelato
  • Frullatore ad immersione

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


16-09-2017
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti