Possiamo curare le intolleranze mangiando !

curare le intolleranze mangiando
Commenti: 2 - Stampa

Possiamo curare le intolleranze mangiando ! Anche se sembra un paradosso le intolleranze alimentari possono essere curate mangiando. I problemi con alcuni alimenti possono essere curati con il consumo di altri alimenti.

Il trucco è ovviamente prediligere i cibi giusti, ma anche dedicare delle giornate al detox dell’organismo, portare in tavola gustosi piatti cruditè e, quando è il momento, effettuare dei test infiammatori per capire a quali alimenti dobbiamo prestare più attenzione. Andiamo a conoscere nel dettaglio tutte le caratteristiche di questa interessante soluzione.

Le intolleranze alimentari: ecco cosa dobbiamo sapere

Ci sono oramai molti medici che da sempre si dedicano con interesse allo studio dei rimedi naturali, trovando così tante ottime alternative per tutti coloro che desiderano recuperare la tolleranza di un determinato alimento. Ad ogni modo, prima di iniziare ad agire e ad utilizzare i suoi consigli, è opportuno capire che le intolleranze e le allergie sono due disturbi alimentari differenti che molto spesso confondiamo. Fare chiarezza è decisamente il primo passo.

Le intolleranze alimentari non sono altro che delle reazioni che il nostro organismo ha nei confronti di ciò che mangiamo. Si tratta di sintomi fastidiosi, ma non gravi come quelli causati dalle allergie. Solitamente, si presentano dei malesseri a livello gastrointestinale, difficoltà a digerire un determinato alimento e, a volte, piccoli sfoghi cutanei. Tuttavia, questo non sempre è correlato ad un’intolleranza, ma può anche rivelarsi un semplice problema occasionale.

Possiamo curare le intolleranze mangiando ! Gli esperti dicono di si

Quando i sintomi sono frequenti e si presentano ogni volta che si consuma un particolare alimento, allora possiamo dire che il nostro corpo non lo tollera più, ma per ottenere una precisa e corretta diagnosi è opportuno effettuare dei test. Quando l’esito è positivo, è necessario ridurre il consumo di quel determinato cibo (o più alimenti), ma senza eliminarlo completamente dal proprio regime alimentare. Un’allergia alimentare è invece molto diversa.

In questo caso, infatti, accade che alcuni anticorpi reagiscono all’ingerimento di un alimento o sostanza, scatenando una notevole produzione di istamina e altri elementi infiammatori. In seguito, l’organismo presenta sintomi diversi e spesso gravi, che partono da un semplice prurito e possono finire con uno shock anafilattico. Ognuno reagisce in maniera diversa, ma in questa eventualità è comunque necessario eliminare quello specifico alimento.

Da questo, avrete capito che le intolleranze non devono destare troppe preoccupazioni. Inoltre, la maggioranza di queste problematiche sono temporanee, a parte l’intolleranza al lattosio (dove gli unici prodotti facilmente digeribili sono lo yogurt e il parmigiano) e la celiachia. A questo punto, è il momento di scoprire come possiamo curare le nostre intolleranze mangiando gli alimenti giusti nel modo più giusto.

Il cibo non è un nemico, ma è la soluzione alle intolleranze alimentari

Una volta fatti i test, potrete scoprire precisamente qual è l’alimento che il vostro organismo fatica a digerire. Dopodiché, oltre alla riduzione del consumo di quello specifico cibo, sarà opportuno non allarmarvi e iniziare ad elaborare un piano alimentare sano ed equilibrato. Posso solo che consigliare di  variare spesso, ma anche di effettuare altri piccoli cambiamenti e seguire alcune regole.

Uno dei consigli principali per curare le intolleranze alimentari è quello di scegliere un giorno alla settimana in cui gli alimenti che mangiamo più spesso vengono messi da parte per essere sostituiti con altri, anche perché solitamente sono proprio gli alimenti che mangiamo più spesso che finiscono per scatenare un’intolleranza.

Inoltre, può essere molto utile provare a introdurre nella vostra alimentazione alcuni cruditè di verdure consentiti, utili per depurarvi. La soluzione migliore è tuttavia mangiare frutta o verdura fresca anche a colazione: in quanto questo andiamo a stimolare la risposta tollerogena del nostro organismo.

Un altro consiglio che mi è stato dato più volte dal mio prof. è quello di rispettare un giorno di digiuno il venerdi. In questo giorno bevete molto e fatevi delle tisane depurative.

L’ultimo suggerimento è masticare correttamente: facendo così, potrete gustare al meglio ogni alimento, ma anche favorire la corretta digestione.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Possiamo curare le intolleranze mangiando !

  • Sab 29 Giu 2019 | Nando Romano ha detto:

    Ho fatto i test per le intolleranze e c’è l’esatto numero e tipo di cibi che non posso ingurgitare altro che verdure e crudité per depurarsi! altro che verdura e frutta fresca, ieri ho voluto provare delle susine e prugne fresche! e sono stato male! Ma perché non si da all’ippica, invece di contribuire a rovinare la gente con i suoi consigli da papera?

    • Dom 30 Giu 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno se ha un problema di alimentazione deve rivolgersi a un buon nutrizionista che le indica un dieta corretta in base ai risultati del test che ha fatto Sempre il che effettuato sia attendibile. Non credo proprio che i consigli scritti siano deleteri per la salute delle persone.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Rotolo di focaccia con salame

Gli insaccati e i salumi sono sempre gluten-free?

Alimenti gluten-free, una questione delicata Tra gli insaccati, i salami sono davvero privi di glutine? Il dubbio emerge sempre quando si scopre di essere celiaci. D’altronde la paura più grande...

utensili da cucina

Utensili da cucina: attenzione alla contaminazione

Organizzarsi con gli utensili da cucina per evitare la contaminazione dei cibi? Come evitare la contaminazione degli utensili da cucina? Come organizzarsi al meglio per evitare che il glutine possa...

News su Celiachia e intolleranza al glutine

News su Celiachia e intolleranza al glutine

Un'intolleranza sempre più diffusa tra adulti e bambini. News su Celiachia e intolleranza al glutine. La celiachia rappresenta un’intolleranza sempre più diffusa, motivo questo per essere al...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti