Parliamo un po’ della caseina e dove la troviamo

Allergia alla caseina
Commenti: 28 - Stampa

Dove troviamo la caseina? Ci sono cibi senza caseina?

Tante persone sono intolleranti al lattosio, ma ci sono tante persone che sono allergiche alla caseina che è una proteina termostabile ed è un allergene attivo presente nel latte. Il latte è un alimento ricco di proteine e di amminoacidi essenziali. Il latte vaccino ha un contenuto medio di proteine che va dal 3,2% al 3,6%. Si tratta per l’80% di caseina e per il restante 20% da proteine del siero del latte. Ciò non toglie che le caseine abbiano un alto valore biologico e sono un’ottima fonte proteica.

Troviamo tracce di caseina in numerosi alimenti, così come in tutti i preparati contenenti latte o prodotti derivati. Si può trovare latte nei prodotti ritenuti privi, perché magari le proteine del latte non sono state tutte distrutte oppure perché c’ è stato un contatto di questi prodotti, nel momento della loro fabbricazione, con alimenti contenenti latte. Anche le formule sostitutive per lattanti, derivate dal latte e sottoposte a idrolisi enzimatica spinta, possono contenere residui di caseina.

La reattività incrociata è possibile con i prodotti lattiero-caseari, in particolare con il formaggio prodotto a partire dal latte di mucca o di pecora.

Nelle persone sensibili al latte, spesso, vengono riscontrante reazioni delle immunoglobuline alla caseina.

La caseina e i suoi derivati sono utilizzati come strutturanti in salsicce, pane, minestre, ragù e altri piatti pronti. Per la sua alta qualità e il suo alto tenore di proteine, la scarsa quantità di lattosio e il sapore neutro, la caseina viene spesso utilizzata come integratore alimentare o per arricchire certi alimenti sul piano nutrizionale. Le caseine sono proteine a lento assorbimento, che permettono di ridurre il catabolismo proteico, garantendo però una sintesi proteica lenta e graduale.

Tra questi ultimi, possiamo citare in particolare i cereali, le formule sostitutive per lattanti nonché le bibite o le barrette energetiche. La si può trovare anche nei succedanei del latte in polvere, nelle salse, nei gelati, nei condimenti, nei prodotti dolciari o nella panna montata.

caseina

Caseina: dove la troviamo?

Perfino nei prodotti che troviamo fra i banchi del supermercato ci sono molte trappole. Mi sono soffermata a leggere le etichette di minestre, salse, condimenti, piatti pronti, ripieni, gelati ecc. e quasi tutte contengono glutine, caseina e lattosio.

Anche i prodotti biologici ne contengono e il fatto che siano BIO non significa che siano sen­za glutine o senza caseina. La raccomandazione per chi ha problemi di intolleranze è quella di leggere attentamente ogni etichetta.

Potete andare sul sicuro solo per: verdure, frutta fresca, carne e pesce al naturale e cereali senza glutine (riso, quinoa, miglio, grano saraceno, mais, amaranto, ma­nioca).

Un’altro consiglio è sicuramente quello di imparare e prepa­rarsi i pasti da soli e con prodotti sicuri. Al ristorante anche chiedere quali sono gli ingredienti dei piatti è un pochino rischioso, perché molte volte non sanno dirvelo con certezza e se dite che siete allergici o intolleranti passate da rompiscatole.

Meno male che la mentalità di chef e ristoratori sta cambiando e in alcuni locali hanno il buon gusto di preparare qualche piatto per celiaci e intolleranti al lattosio. Forse fra qualche anno penseranno anche agli intolleranti al nichel.

Se siete solo intolleranti un piccolo strappo alle regole non è grave! Ma se siete allergici anche la più piccola particella  di caseina, potrebbe scatenare una reazione, talvolta immediata da shock anafilattico oppure a qualche giorno di di­stanza dall’ingestione (stanchezza, insonnia, ansia e addirittura dolori addominali o disturbi digestivi).

Allergia alla caseina: impariamo a conoscerla meglio

L’allergia alla caseina è una condizione molto comune che è possibile riconoscere sia tramite accertamenti medici, sia facendo attenzione ad alcuni segnali del fisico in seguito all’assunzione di latte o anche solo di una fetta di pizza. Quando è bene mettersi in allarme e fare un controllo per appurare l’eventuale allergia alla caseina?

Quando, per esempio, dopo aver bevuto un bicchiere di latte, ci si accorge poco dopo della comparsa di gonfiore alle labbra o dell’insorgenza di orticaria. Questi infatti alcuni tra i numerosi sintomi dell’allergia alla caseina, una sostanza proteica contenuta nel latte.

Allergia alla caseina: i sintomi principali

Ho appena inquadrato due tra i sintomi dell’allergia alla caseina. Quali sono gli altri? Nel novero delle manifestazioni in questione è possibile ricordare anche il gonfiore alla gola e alla lingua, l’insorgenza di prurito forte, l’aumento dei casi di congestione nasale.

Sottovalutare questi sintomi è pericoloso. Se ci si accorge che in seguito all’assunzione di latte o di qualche alimento che lo contiene tendono a manifestarsi è bene consultare il proprio medico, dal momento che il rischio è quello di andare incontro a reazioni anafilattiche (sapevate che l’allergia alla caseina rientra tra le maggiori cause di anafilassi esterne all’ambito ospedaliero?).

Per quanto riguarda la gestione delle tempistiche è bene lavorare sulla tempestività. Se sintomi come orticaria, dolore toracico, gonfiore a carico delle mucose orali e congestione nasale e respirazione difficoltosa si manifestano poco dopo l’assunzione di un alimento contenente caseina è fondamentale contattare il prima possibile il medico di fiducia, dal momento che è molto probabile che vi sia una reazione anafilattica in corso.

Ghee o burro chiarificato

Come viene gestita l’allergia alla caseina?

L’allergia alla caseina può essere gestita senza problemi, a patto che si faccia attenzione ai consigli del medico curante e che li si segua in maniera pedissequa. In generale si può ricordare che gli allergici alla caseina devono portare sempre con sé un autoiniettore di epinefrina (un nome scientifico con cui è nota l’adrenalina), una sostanza a cui fare ricorso in situazioni urgenti in caso di assunzione di alimenti contenenti caseina e di conseguente insorgere di una reazione allergica.

Altro consiglio che viene dato con grande frequenza a chi soffre di allergia alla caseina riguarda l’importanza di avere sempre a portata di mano un antistaminico, la cui assunzione può risultare decisiva per contenere i sintomi.

L’allergia alla caseina è una condizione che, come appena ricordato, può creare dei grossi problemi, ma che può essere in ogni caso gestita senza difficoltà se si ascoltano i consigli del medico e se ci si mette d’impegno per trovare alternative alimentari valide per sostituire il calcio che non si assume con il latte. In questi casi i consigli riguardano soprattutto le verdure e la scelta di assumere verdure come zucchine, spinaci e cavoli (ah, non dimenticatevi di cucinare con margarina vegetale!).

La ricotta contiene caseina? Risponde la Dr.ssa Facioni

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

28 commenti su “Parliamo un po’ della caseina e dove la troviamo

  • Ven 29 Giu 2018 | annapaola ha detto:

    perché l’avena non è permessa ?

    • Ven 29 Giu 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      AnnaPaola l’avena è stata sdoganata da poco per i celiaci facendo, ovviamente, attenzione a leggere le etichette.

  • Gio 4 Apr 2019 | Giovanni ha detto:

    Ma vi rendete conto di che articolo ridicolo avete scritto? Ma veramente la panna montata contiene la caseina?! (Sarcasmo)
    È veramente i peodotti bio possono contenere caseina? ?

    • Gio 4 Apr 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Giovanni mi spiace che lo trovi ridicolo. Lei forse conosce il problema a fondo ma qui vengono lettori che hanno bisogno di conoscere l’ABC. La saluto

    • Mar 9 Apr 2019 | Nunzia ha detto:

      Purtroppo da inesperta questo articolo mi sta aiutando a capire che forse il mio problema non è solo l’intolleranza al lattosio! Anzi, approfitto per chiedere: stasera dopo mesi ho preso una pizza con la salsa e la mozzarella di bufala dopo il primo pezzo ho iniziato ad avvertire un dolore forte al fianco sinistro .terminata la pizza, ho avvertito di nuovo il gonfiore fortissimo sfogo in viso e senso di nausea quindi il mio problema potrebbe essere anche la caseina?!
      E per quanto riguarda invece la panna di soia?! perché mi sono accorta che se ne mangio un po’ di più, inizia a darmi il senso di nausea. anche in quale è contenuta la caseina?!

      • Mar 9 Apr 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

        Nunzia la mozzarella di bufala contiene lattosio. Ci sono alcune marche che producono la stessa senza ma non credo sia questo il caso percui puo’ averle dato dei disturbi. Dovrebbe effettuare il breath test per capire bene la sua situazione.

  • Mer 10 Lug 2019 | cristina bresolin ha detto:

    Buongiorno….io non posso mangiare caseina…..mi Besta prendere prodotti con scritto SENZA LATTOSIO? Cristina

    • Gio 11 Lug 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno , assolutamente no e deve fare attenzione a perfino nei prodotti che troviamo fra i banchi del supermercato ci sono molte trappole. Mi sono soffermata a leggere le etichette di minestre, salse, condimenti, piatti pronti, ripieni, gelati ecc. e quasi tutte contengono glutine, caseina e lattosio.

  • Mar 30 Lug 2019 | Debby ha detto:

    Salve ,da poco siamo entrati per nostra sfortuna in questo mondo ….senza caseina né lattoalbumina… E pure senza soia…. quindi ci stiamo facendo una cultura…. intanto complimenti per l articolo ☺☺☺☺☺… Poi volevo aggiungere di fare attenzione agli animali da latte( mando vitello e maiale)) il maiale ancora nn l ho capito ma la mia allergologa ce li ha severamente vietato. Noi a gogo con latte di riso e mandorla … E per quel che possiamo facciamo tutto a casa

    • Mar 30 Lug 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve non capisco le perplessità sollevate dalla sua allergologa. Il nostro staff medico non ha nulla in contrario

  • Ven 9 Ago 2019 | sandra pieracci ha detto:

    Domanda forse stupida. In mti medicinali c’è il lattosio come eccipiente. In questi casi chi è severamente allergico alla caseina ma non al lattosio può stare tranquillo o meglio evitare?

    • Ven 9 Ago 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve ho chiesto al Dr. Di Stefano e mi ha detto che puo’ stare tranquilla

  • Sab 28 Set 2019 | Amelia ha detto:

    Buongiorno. Anche mio figlio è intollerante al latte vaccino e alla sostanza della caseina già dalla nascita. Ed abbiamo avuto conferma agli analisi del sangue. Essendo ke ha un anno e mezzo. Cosa li potrei dare di latte.? Al momento beve un latte specifico per chi e intollerante al latte vaccino.

    • Sab 28 Set 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Amelia anche mia figlia è nata allergica alle proteine del latte e fino al terzo anno ha dovuto assumere sostituti vegetali.

  • Gio 10 Ott 2019 | manuela ha detto:

    Salve , volevo sapere se nello yogurt c’è caseina ……… grazie .

    • Gio 10 Ott 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Manuela lo yogurt viene prodotto con il latte intero, e quindi contiene tutte le caseine del latte (e anche le proteine del siero).

  • Gio 10 Dic 2020 | Valeria ha detto:

    Ciao. Volevo sapere se la pasta sfoglia Valle’contiene caseina ed anche la Buitoni. Grazie mille.

  • Dom 7 Feb 2021 | rosangela pressiani ha detto:

    Gradirei sapere se la panna fresca senza lattosio contiene caseina. Grazie.

    • Dom 7 Feb 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Quando si è allergici alla caseina, non si può consumare nessun tipo di latticino, neanche quelli dichiarati senza lattosio, perché contengono tutti questa sostanza.

  • Ven 11 Giu 2021 | Carolina ha detto:

    Perdonate la domanda, ma in che alimenti si trova la caseina? Sono sempre titubante quando faccio i miei acquisti

    • Ven 11 Giu 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno la caseina Le caseine sono presenti in tutti gli alimenti base di latte, ma le si trovano in abbondanza soprattutto nel latte coagulato per via presamica o acida, in altre parole, nei formaggi (ricordiamo che esistono due tipi di coagulazione, quella presamica e quella acida. La prima avviene tramite gli enzimi contenuti nel caglio, o presame, la seconda invece aumentando il livello di acidità del latte). Anche se molti li ricercano, non esistono formaggi che non la contengano; al più ci può orientare sulla ricotta che però, lo ricordiamo, non è un formaggio (anche se molti la ritengono tale), bensì un latticino.

      Le caseine si trovano anche nei prodotti dell’industria alimentare (i cosiddetti piatti pronti): salsicce, minestre, ragù, bibite, barrette energetiche, integratori di caseine, latti di proseguimento per lattanti, salse, gelati, prodotti da forno, panna montata e così via dicendo.

  • Ven 11 Giu 2021 | Carolina ha detto:

    Buongiorno, la ringrazio per avermi risposto. Avevo il dubbio su alcuni alimenti e lei mi ha dato la conferma. E’ una proteina che è presente in molti cibi insospettabili.

  • Ven 30 Lug 2021 | Marilu ha detto:

    Buon giorno,
    Sono intollerante alla caseina ma non al lattosio, una nutrizionista mi ha detto che posso mangiare il pecorino, mi confermate? Grazie

    • Ven 30 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Marilù, noi ci basiamo su evidenze scientifiche e ad oggi non ci sono strumenti per accertare un’intolleranza alla caseina, di conseguenza anche alimenti senza caseina e in particolar modo formaggi in quanto Il processo di caseificazione del latte è reso possibile proprio dalla presenza delle caseine che, con l’aggiunta del caglio, tendono a coagulare. Di conseguenza il pecorino non si puo’ mangiare.

      • Ven 10 Set 2021 | Manuela Esposito ha detto:

        Chiedo scusa si dice in giro che la ricotta non avrebbe caseina, è vero??

        • Ven 17 Set 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

          Buongiorno Manuela mi scusi se le ho fatto attendere qualche giorno per la risposta ma ho cercato delle notizie certe. Le trova sull’articolo Formaggi senza lattosio

    • Sab 31 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Risposta dal Dr. Michele Di Stefano: La caseina è una delle principali proteine del latte e si trova, pertanto, in tutti i prodotti che derivano dal latte. L’unica eccezione è rappresentata dalla ricotta, prodotta con il siero del latte, quindi, priva di caseina.
      Il pecorino contiene caseina come tutti gli altri formaggi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza genetica al lattosio

Soffri di intolleranza genetica al lattosio? Scoprilo

Che cos’è l’ intolleranza genetica al lattosio Soffri di intolleranza genetica al lattosio ? Ecco il test per scoprirlo. L’intolleranza al lattosio è un problema molto comune. Secondo alcuni...

Allergia vs intolleranza

Allergia vs intolleranza? Facciamo chiarezza

Due cose da non confondere assolutamente: allergie vs intolleranze alimentari Allergia vs intolleranza? Facciamo chiarezza sulle differenze dei sintomi. Le allergie e le intolleranze sono due...

la salute vien mangiando

Intolleranze e allergie alimentari si combattono a tavola

Intolleranze e allergie alimentari Si fa sempre più attenzione alle intolleranze alimentari e allergie alimentari, sia dal punto di vista della diagnosi medica che dal punto di vista della...

Millefoglie con marmellata di arance

Le migliori ricette senza lattosio per te

Informazioni sulle migliori ricette senza lattosio A tutti è capitato di sentire parlare delle migliori ricette senza lattosio. Approfondirne le caratteristiche è molto importante in quanto...

Allergia alle proteine del latte

Allergia alle proteine del latte e intolleranza al...

Sono tantissime le persone che lamentano di intolleranza al lattosio e allergia alle proteine del latte. Alcune non lo digeriscono e riscontrano mal di stomaco, problematiche intestinali e tanti...

Test genetico per l’intolleranza al lattosio

Test genetico per l’intolleranza al lattosio

Test genetico per intolleranza al lattosio: in cosa consiste? Oggi parliamo del Test genetico per l’intolleranza al lattosio. Nelle scorse settimane vi ho parlato del Breath test o altresì...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti