Parliamo un po’ della caseina e dove la troviamo

Tante persone sono intolleranti al lattosio, ma ci sono tante persone che sono allergiche alla caseina che è una proteina termostabile ed è un allergene attivo presente nel latte.

Della caseina ne troviamo delle tracce in numerosi alimenti, così come in tutti i  preparati contenenti latte o prodotti derivati. Si può trovare latte nei prodotti ritenuti privi, perché magari le proteine del latte non sono state tutte distrutte oppure perché vi è stato un contatto di questi prodotti, nel momento della loro fabbricazione, con alimenti contenenti latte. Anche le formule sostitutive per lattanti, derivate dal latte e sottoposte a idrolisi enzimatica spinta, possono contenere residui di caseina.

La reattività incrociata è possibile con i prodotti lattiero-caseari, in particolare con il formaggio prodotto a partire dal latte di mucca o di pecora.

Nelle persone sensibili al latte, spesso, vengono riscontrante reazioni delle immunoglobuline  contro la caseina.

Caseina: dove la troviamo?

La caseina e i suoi derivati sono utilizzati come strutturanti in salsicce, pane, minestre, ragù e altri piatti pronti. Per la sua alta qualità e il suo alto tenore di proteine, la scarsa quantità di lattosio e il sapore neutro, la caseina viene spesso utilizzata come integratore alimentare o per arricchire certi alimenti sul piano nutrizionale. Tra questi ultimi, possiamo citare in particolare i cereali, le formule sostitutive per lattanti nonché le bibite o le barrette energetiche. La si può comunque anche ritrovare nei succedanei del latte in polvere, nelle salse, nei gelati, nei condimenti, nei prodotti dolciari o nella panna montata.

Nei prodotti che troviamo fra i banchi del supermercato ci sono molte trappole. Mi sono soffermata a leggere le etichette di minestre, salse, condimenti, piatti pronti, ripieni, gelati ecc. e  quasi tutte contengono glutine, caseina e lattosio.

Anche i prodotti biologici ne contengono e il fatto che siano BIO non significa che siano sen­za glutine o senza caseina. La raccomandazione per chi ha problemi di intolleranze è quella di leggere attentamente ogni etichetta.

Potete andare sul sicuro solo per: verdure, frutta fresca, carne e pesce al naturale, cereali permessi (riso, quinoa, miglio, grano saraceno, mais, amaranto, ma­nioca).

Un’altro consiglio è sicuramente quello di imparare e prepa­rarsi i pasti da soli e con prodotti sicuri. Al ristorante se chiedete cosa contiene un piatto è un pochino rischioso, infatti, molte volte non sanno dirvelo con certezza e se dite che siete allergici o intolleranti passate da rompiscatole. Meno male che la mentalità di chef e ristoratori sta cambiando e in alcuni locali hanno il buon gusto di preparare qualche piatto per celiaci e intolleranti al lattosio. Forse fra qualche anno penseranno anche ai “nichelini”

Se siete solo intolleranti un piccolo strappo alle regole non è grave! Ma se siete allergici la più piccola particella di glutine o di caseina, ci sarà sicuramente una reazione, talvolta immediata da shock anafilattico oppure a qualche giorno di di­stanza dall’ingestione (stanchezza, insonnia, ansia e addirittura dolori addominali o disturbi digestivi).

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *