Condimento di Umeboshi un toccasana per la digestione

Condimento di Umeboshi
Commenti: 0 - Stampa

Il condimento di umeboshi fa parte della cucina tradizionale del sol levante e sostanzialmente si basa sull’utilizzo delle prugne salate da cui prende il nome. Per la sua preparazione, di solito, si utilizzano le prugne giapponesi giunte ad un livello di maturità piuttosto elevato. Per via della presenza del β-carotene , il suo colore naturale è bruno aranciato.

Molti, però, preferiscono conferire al condimento un colore rossastro che assume dei toni visivamente più piacevoli. Questo prodotto, infatti, a tal fine, viene colorato attraverso l’utilizzo delle foglie di shiso, una pianta aromatica. Il sapore di questo condimento è un acido marcato e salato, causato soprattutto dalla immersione prolungata delle prugne nel sale.

Condimento di Umeboshi: come si prepara?

Per la preparazione di questo condimento, bisogna avere a disposizione delle prugne salate (umeboshi) fresche e ad uno stato di maturazione avanzato. Come prima cosa, si devono tenere in infusione nell’acqua fredda in modo tale da eliminare il sapore amaro. Poi, è necessario scolarli con cura ed asciugarli utilizzando un panno.

Le prugne vengono collocate sul fondo di un recipiente che deve essere necessariamente sterilizzato utilizzando dell’acqua bollente. Dopo di che, occorre spruzzare dell’acquavite. Una volta ultimata tale procedura, si aggiunge del sale in maniera proporzionata (per ogni chilo grammo di prugne, si possono utilizzare circa 200 grammi di sale) e si comincia a mescolare con cura fino a quando il sale non entra per bene all’interno dei frutti.

Condimento a base di umeboshi

Dal Giappone la salute a portata di mano

Arrivati a questa fase, il condimento giapponese è pronto per l’uso. Ma in realtà, come accennavamo qualche rigo prima, vi è la tendenza a colorarlo di rosso, utilizzando le foglie di shiso e si fa fermentare. Si ricorda che tali foglie devono essere lavate utilizzando acqua fredda e mescolate con del sale marino. Il miscuglio viene creato facendo degli strati in modo tale che possa essere favorita la fermentazione delle prugne.

All’interno del recipiente si introduce un peso per pressare le prugne in salamoia. Questa procedura ha una durata che varia dalle quattro alle cinque settimane. Nel momento in cui il condimento viene portato a fermentazione, le prugne vengono ritirate e fatte seccare.

Sono tante le proprietà benefiche per l’organismo dell’uomo del condimento giapponese di umeboshi. Potrebbe essere un toccasana per chi ha dei problemi di digestione oppure è alle prese con la acidità allo stomaco, ma anche per coloro che soffrono di patologie intestinali, come dissenteria e colite, ad esempio. A quanto pare è anche molto d’aiuto nel caso in cui si è affetti da febbre o raffreddore.

La sua azione, inoltre, tende a depurare sia il fegato e i reni per via della presenza piuttosto elevata di sostanze come ferro, fosforo e calcio. Contro i problemi legati alla circolazione, la stanchezza o debolezza, agiscono gli effetti benefici del condimento di umeboshi su cui in modo rilevante inciderà la combinazione tra il sale dell’acido citrico.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

limone

Limone: usi nell’alimentazione e nella pulizia

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...

07-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti