Una ricetta per Natale: Strudel con pere e fichi secchi

strudel con pere e fichi secchi

Oggi vi regalo una ricetta per Natale !

E non poteva mancare una dolce ! Lo strudel con confettura di pere e fichi secchi è una variante molto sfiziosa del tipico dolce austriaco (ma anche tedesco, ungherese e altoatesino) famoso in tutto il mondo. La variante che vi presento oggi gioca un po’ con gli ingredienti e offre sentori molto suggestivi, capaci di valorizzare una ricetta che mette d’accordo tutti. Ad ogni modo, al netto delle modifiche, lo strudel con confettura di pere e fichi conserva lo spirito dello strudel originale. Come quest’ultimo, infatti, non è solo buono ma anche bello da vedere. Ovviamente, per servirlo nel modo migliore, vi consiglio di curare anche il servizio. A tal proposito, io mi affido al servizio Brandani, che spicca per eleganza e creatività, offrendo veri e propri componenti di design.

Tornando a questo strudel, un’importante variazione sul tema è sicuramente l’impasto. Al posto della tradizionale pasta frolla, infatti, troviamo la pasta sfoglia. Una soluzione che conferisce al dolce una certa friabilità e che lo rende più facile da preparare, soprattutto se si opta per il classico acquisto al supermercato. Ovviamente potete scegliere di realizzare la pasta sfoglia in casa, e in questo caso ne trarrete sicuramente una maggiore soddisfazione. A questo proposito vi consiglio di consultare la ricetta sulla pasta sfoglia, che ho pubblicato su Nonnapaperina.it.

Una confettura speciale per lo Strudel con pere e fichi secchi

La differenza più importante tra lo strudel con confettura di pere e lo strudel tradizionale riguarda il ripieno. Nella fattispecie, le classiche mele sono sostituite da una confettura sfiziosa, che propone sentori diversi dal solito, ossia la confettura di pere e pepe rosa. La ricetta è molto semplice, e consiste nella cottura delle pere insieme al lime e allo zucchero. Il composto va poi frullatore e riscaldato nuovamente. Una volta raggiunta la consistenza desiderata, non rimane che arricchire con un po’ di pepe rosa.

Strudel con confettura di pere

Per realizzare la confettura di pere e fichi secchi vi consiglio di utilizzare le pere Williams, che rappresentano un ottimo compromesso tra solidità e succosità. Per quanto concerne lo zucchero, dovreste optare per quello di canna, che conserva un po’ di melassa e sentori di caramello. Di pepe rosa, invece, bastano appena due cucchiai. L’abbinamento, ve lo anticipo, può apparire strano in prima battuta, ma quasi subito si rivela suggestivo e azzeccato. Anche in questo caso, vi consiglio di consultare la ricetta della confettura di pere e pepe rosa.

Il contributo dei pinoli di cedro

Uno dei punti di forza di questo strudel con confettura di pere e fichi secchi risiede nel ripieno. Esso, infatti, è realizzato con la confettura e con un composto di altri ingredienti. Tra questi, spiccano i pinoli di cedro, che sono ben altra cosa rispetto ai pinoli classici, sia in quanto a potere organolettiche che a valori nutrizionali. Sono, infatti, profumati, aromatici e fanno bene alla salute.

Per esempio, i pinoli di cedro sono ricchi di vitamine E e B. Stesso discorso per i sali minerali, con esplicito riferimento al fosforo, al magnesio, al ferro, allo zinco e al potassio. Soprattutto, come buona parte della frutta secca, sono ricchi di acidi grassi omega sei, che fanno particolarmente bene all’apparato cardiovascolare e aiutano a prevenire le malattie cardiache acute.

Vi consiglio alcune ricette di Natale molto semplici ma d’effetto

  • Avete mai provato il pandoro farcitoE’ un dolce semplicemente spettacolare, dallo strabiliante impatto visivo e dal gusto corposo. E’ una vera bomba di gusto e – devo dirlo – anche abbastanza calorica. Ma se non si eccede un po’ a Natale, quando farlo?
  • Il semifreddo al torrone è un dessert molto particolare, in quanto si caratterizza per un uso non convenzionale del celebre dolce natalizio. Tuttavia, la sua presenza basta per qualificarlo come dolce riservato alle festività del Natale e del Capodanno.
  • Le mandorle e le nocciole pralinate sono molto particolari, facili da preparare e gustose. Si tratta di dolcetti davvero saporiti, che uniscono la dolcezza della copertura al caramello alla croccantezza delle mandorle o delle nocciole. Amate soprattutto dai bambini, non ci si stancherebbe mai di gustarle.
  • La mousse al torrone è un dessert davvero squisito, dal grande impatto visivo e facile da preparare. Visti gli ingredienti in gioco, tra cui spiccano il torrone e il pandoro, lo consiglio soprattutto per le festività natalizie. Potrebbe essere un’idea sfiziosa per concludere il pranzo di Natale o per impreziosire il momento della merenda.
  • Crostino di panettone con namelaka: ultra cremoso! La namelaka è un termine che arriva dall’Oriente, in particolare dal Giappone ed è traducibile come “ultra cremoso – estremamente cremoso”. La consistenza particolarissima di questa crema non manca di colpire i suoi fortunati assaggiatori ed è questo anche il nostro obbiettivo con questo dolce natalizio.

Ecco la ricetta dello strudel con pere e fichi secchi:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita,
  • 3 pere,
  • 150 gr. di fichi secchi,
  • 100 gr. di confettura di pere e pepe rosa,
  • 1 uovo,
  • 60 gr. di amaretti consentiti,
  • scorza grattugiata di un limone,
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere,
  • 2 cucchiai di zucchero di canna,
  • 2 cucchiai di zucchero a velo,
  • 40 gr. di pinoli di cedro.

Preparazione:

Per la preparazione dello strudel con confettura di pere e fichi secchi iniziate e preparate il ripieno lavando e sbucciando le pere, poi rimuovetene i semi interni e tagliate la polpa a cubetti. Prendete una ciotola e versate i cubetti di pera e i fichi fatti a pezzi (lasciatene un po’ da parte). Poi unite i pinoli, lo zucchero, la cannella e la scorza di limone grattugiata. Mescolate il tutto con cura e lasciate riposare per circa 20 minuti. Ora tritate gli amaretti e fate a cubetti i fichi rimanenti. Stendete la pasta sfoglia, spalmate la confettura e adagiate il composto di fichi, pere e il trito di amaretti.

Create un rotolo con la pasta sfoglia e date una spennellata di uovo sbattuto alle estremità per chiudere per bene lo strudel. Con un coltello praticate dei tagli sulla superficie del rotolo, e spennellate (sempre con l’uovo) lungo tutta la superficie. Ricoprite la teglia con carta da forno e cuocete lo strudel in forno per 25 minuti a 180 gradi, o almeno fino a quando lo strudel non si sarà dorato. Sfornate e lasciate raffreddare prima di spolverare la superficie dello strudel con lo zucchero a velo. Infine, tagliate lo strudel a fette e servite.

Una ricetta per un felice Natale

E dopo avervi dato la ricetta chiudo con una poesia che mi ha molto colpito e vi auguro un felice e sereno Natale

“L’amore non sta nell’altro, ma dentro noi stessi.

Siamo noi che lo risvegliamo.

Ma, perché questo accada, abbiamo bisogno dell’altro.

L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.”

 P.Coelho

Il bambino guardava la nonna scrivere una lettera. A un certo punto, le domandò: “Stai scrivendo una storia che è capitata a noi? E che magari parla di me.”

La nonna interruppe la scrittura, sorrise e disse al nipote: “È vero, sto scrivendo qualcosa di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita con la quale scrivo.

Vorrei che la usassi tu, quando sarai cresciuto.” Incuriosito, il bimbo guardò la matita, senza trovarvi alcunché di speciale. “Ma è uguale a tutte le altre matite che ho visto nella mia vita!” “Dipende tutto dal modo in cui guardi le cose.

Questa matita possiede cinque qualità: se riuscirai a trasporle nell’esistenza, sarai sempre una persona in pace con il mondo. ”

Prima qualità: puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una Mano che guida i tuoi passi. ‘Dio’: ecco come chiamiamo questa mano! Egli deve condurti sempre verso la Sua volontà.

“Seconda qualità: di tanto in tanto, devo interrompere la scrittura ed usare il temperino. È un’operazione che provoca una certa sofferenza alla matita ma, alla fine, essa risulta più appuntita. Ecco perché devi imparare a sopportare alcuni dolori: ti faranno diventare un uomo migliore. ”

Terza qualità: il tratto della matita ci permette di usare una gomma per cancellare ciò che è sbagliato. Correggere un’azione o un comportamento non è necessariamente qualcosa di negativo: anzi, è importante per riuscire a mantenere la retta via della giustizia. ”

Quarta qualità: ciò che è realmente importante nella matita non è il legno o la sua forma esteriore, bensì la grafite della mina racchiusa in essa. Dunque presta sempre attenzione a quello che accade dentro di te.

“Quinta qualità: essa lascia sempre un segno. Allo stesso modo, tutto ciò che farai nella vita lascerà una traccia: di conseguenza, impegnati per avere piena coscienza di ogni tua azione.”“ —

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

1 commento su “Una ricetta per Natale: Strudel con pere e fichi secchi

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta soffice con ribes

Torta soffice con ribes per una merenda da...

Torta con ribes, un delicato equilibrio di sapori La torta soffice con ribes è il perfetto esempio di come sia possibile preparare un dolce squisito ed esteticamente gradevole con una manciata di...

abbuffate natalizie

Le abbuffate natalizie, alcuni consigli per porre rimedio

Le abbuffate, un rischio anche per chi soffre di intolleranze alimentari Natale e Capodanno sono tempi di abbuffate. Buona parte della tradizione italiana, infatti, si fonda sul mangiare bene e...

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

24-12-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti