Pandoro farcito, una variante davvero gustosa

Pandoro farcito
Stampa

Pandoro farcito, una bomba di gusto

Avete mai provato il pandoro farcito? E’ un dolce semplicemente spettacolare, dallo strabiliante impatto visivo e dal gusto corposo. E’ una vera bomba di gusto e – devo dirlo – anche abbastanza calorica. Ma se non si eccede un po’ a Natale, quando farlo? Il mio consiglio è di prepararlo in occasione di incontri con gli amici durante le festività, per accompagnare un dopo cena in allegria o per concludere in bellezza un pasto. La ricetta non è affatto complicata, anche perché “l’impasto” è già pronto, in quanto è rappresentato dal pandoro stesso. Infatti, non dovrete fare altro che preparare la crema e comporre il dolce. Occhio a come affettate il pandoro, i tagli devono essere orizzontali, come se doveste ricavare delle sezioni. Inoltre devono avere uno spessore piuttosto simile. Gli ingredienti sono reperibili, anche perché  la crema è realizzata con la panna, il mascarpone, lo zucchero a velo e la vaniglia.

Il pandoro farcito è il miglior modo per valorizzare il celebre dolce natalizio, anzi per trasformarlo in una torta vera e propria. La crema, soffice e zuccherata al punto giusto, si sposa alla perfezione con il sapore morbido del pandoro, mentre i frutti di bosco aggiungono un gradevole tocco acidulo che spezza in modo elegante. A fare il resto è lo zucchero a velo, che va posto come guarnizione previa setacciatura. Vi consiglio il pandoro farcito anche se siete tra gli estimatori del panettone, nella leggendaria ed eterna “diatriba” tra i due dolci natalizi per eccellenza. Anche perché il pandoro si presta più del panettone alla presenza della farcia. Del resto, l’impasto è simile a quello del pane, pur contenendo le uova, il burro e lo zucchero.

Panna e mascarpone per un pandoro delizioso

Il punto di forza del pandoro farcito, ossia l’elemento che lo caratterizza di più, è proprio la crema. Come ho già detto, è una crema dal sapore spiccatamente dolce e morbidissima. E’ mediamente densa, dunque può essere spalmata con una sac à poche. E’ realizzata a partire dai semi di vaniglia, che aggiungono un tocco aromatico, lo zucchero a velo, la panna e il mascarpone.

Pandoro farcito

 

Non si tratta di una crema dietetica, questo è ovvio, ma ne vale comunque la pena. Il procedimento è semplice e quasi banale. Si tratta di unire tutti gli ingredienti nella planetaria e azionarla. Se non possedete il dispositivo non abbiate paura, otterrete lo stesso risultando sbattendo il composto con la frusta elettrica (in questo caso occorrerà più tempo).

Il ruolo dei frutti di bosco

Il pandoro farcito si fregia anche della presenza dei frutti di bosco. Questi ingredienti si sposano molto bene con le creme a base di panna, e infatti tale abbinamento si trova in numerose ricette. Quali frutti di bosco utilizzare? Avete ampio margine di discrezione in merito. Io vi consiglio di abbondare, e di utilizzare in ugual misura mirtilli, more, ribes e lamponi. Inoltre, essendo di piccole dimensioni, non è nemmeno necessario tagliarli.

In generale, i frutti di bosco non sono solo buoni, ma anche molto salutari. Infatti, si caratterizzano per una concentrazione elevata di vitamine e sali minerali. Nello specifico contengono vitamina C, potassio, manganese e calcio. Sono in genere ricchi di antiossidanti, come le antocianine, sostanze che fanno bene al cuore, supportano i meccanismi di riproduzione cellulare e contrastano i radicali liberi in funzione anticancro.

Ecco la ricetta del pandoro farcito:

Ingredienti:

  • 1 pandoro consentito,
  • 500 gr. di panna fresca consentita,
  • 250 gr. di mascarpone consentito,
  • 25 gr. di zucchero a velo (+ una certa quantità per decorare),
  • 2 bacche di vaniglia,
  • 300 gr. di frutti di bosco misti (mirtilli, more, ribes, lamponi etc.).

Preparazione:

Per la preparazione del pandoro farcito iniziate versando nella ciotola della planetaria il mascarpone, lo zucchero a velo, la panna consentita e i semi delle bacche di vaniglia. Azionate la planetaria e montate per bene, smettete di montare quando il composto è diventato compatto e spumoso. Riducete il pandoro a fette, tagliandolo per corto (come se doveste ricavare delle sezioni). Dovreste ottenere circa 6-7 fette dallo spessore più o meno simile. Versate la crema che avete preparato in una sac à poche con bocchetta liscia da 1,5 cm. Applicate un po’ di crema sulla superficie di ciascun fetta di pandoro, decorando ogni angolo con un ciuffetto.

Su ogni fette disponete anche un po’ di frutti di bosco. Adesso componete il pandoro ponendo una fetta sull’altra, partendo dalla più grande e terminando con la più piccola. Tuttavia, sfalsate ogni fetta, ruotandola un po’ in modo da ricreare l’effetto “albero di Natale”. Su ogni fetta applicate una certa pressione, vi ritroverete con tante “punte” scoperte, che decorerete con un frutto di bosco. Infine, disponete i frutti rimanenti sulla calotta. Terminate guarnendo il tutto con zucchero a velo spolverato con un setaccio.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


13-12-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti