bg header
logo_print

Tacchino con erbe al limone, una ricetta veloce e gustosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tacchino con erbe al limone
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 50 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (406 Recensioni)

Tacchino con erbe al limone, un secondo veloce per le occasioni speciali

Il tacchino con erbe al limone è un secondo piatto perfetto per le occasioni speciali, ma anche per tutte le classiche cene e le divertenti riunioni di famiglia della domenica e delle feste. Non a caso, è una ricetta semplice e al contempo speciale, che conquista i grandi e rallegra i piccini. Prepararla è molto facile e con pochi ingredienti genuini come la fesa di tacchino, il timo, la salvia, il rosmarino, le foglie di porro e il limone, è possibile portare velocemente in tavola un piatto nutriente e leggero.

Pertanto, il gusto non è tutto in questa ricetta: tutti gli ingredienti possono fare molto per la nostra salute e donare un valore aggiunto al nostro pasto oltre che al tacchino. Tuttavia, prima di passare alla lista completa degli ingredienti e alle modalità di preparazione, vogliamo condividere con voi una serie di informazioni che potranno rendere il vostro secondo di carne ancora più soddisfacente.

Ricetta tacchino con erbe al limone

Preparazione tacchino con erbe al limone

  • Lavate, asciugate e tritate le erbe aromatiche. Spremete e ricavate il succo dai limoni. Pelate l’aglio e tritate finemente. Battete un pochino i petti di tacchino.
  • In una ciotola riunite 3/4 quarti del succo di limone, le erbe tritate e l’aglio per preparare la marinatura. Mescolate bene il tutto prima immergere i petti di tacchino. Lasciate riposare per circa un’ora.
  • Ricoprite una teglia con della carta forno. Scolate i petti di pollo dalla marinatura.
  • Adagiate i petti sulla carta forno e irrorate con un filo d’olio e cuocete a 180 gradi per circa 50 minuti. Se si dovesse asciugare troppo irrorate con un goccio d’acqua calda.
  • Una volta pronto, togliete dal forno e tagliate a fettine.
  • In una ciotola mescolate la citronette preparata con il 1/4 di succo di limone, un paio di cucchiai di olio e un pizzico di sale.
  • Mescolate con cura e versate sul tacchino prima di servire in tavola.

Ingredienti tacchino con erbe al limone

  • 600 gr. di petto di tacchino
  • erbe aromatiche (maggiorana origano rosmarino e timo)
  • 1 spicchio di aglio
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 limoni
  • q. b. di sale.

Ecco le caratteristiche da non sottovalutare

Iniziando dal tacchino, è utile sapere che questa carne è la più magra che abbiamo a disposizione e, sempre per quanto riguarda la ridotta quantità di grassi, dovreste sapere che la fesa è la parte migliore. Proprio per questo motivo, si tratta di un alimento consigliato anche a coloro che stanno seguendo una dieta dimagrante e, nonostante l’aggiunta degli altri ingredienti, questo pasto rimane leggero, altamente digeribile e diventa ancora più gustoso. Il tacchino con erbe al limone è un secondo ricco di proteine magre, ovvero quel tipo di proteine che non appesantiscono, ma che si occupano di favorire lo sviluppo della muscolatura, nutrendo correttamente tutti i tessuti presenti nell’organismo.

Nonostante la sua leggerezza, questo secondo piatto si presenta ottimo anche per quanto riguarda la sazietà: riuscirà a riempire lo stomaco senza appesantirlo troppo e, in gran parte, il merito va ancora alle proteine.

La carne di tacchino è ipocalorica e contiene anche molti altri nutrienti come il ferro, lo zinco, il selenio e le vitamine del gruppo B. Grazie a queste sostanze nutritive, si rivela perfetta per favorire la produzione di emoglobina e per promuovere la salute del cervello e dell’apparato endocrino. Essendo ricca proteine e minerali (e contenendo pochi grassi), aiuta l’organismo a mantenere sotto controllo i livelli insulinici ed è perfetta per i bambini, le donne in gravidanza e per chi soffre di disturbi digestivi.

Gli altri ingredienti del tacchino con erbe al limone

Come avrete capito, il tacchino è una carne da non sottovalutare, che va certamente preferita alle altre. Tuttavia, dobbiamo considerare anche che in questa ricetta andremo ad utilizzare il timo la salvia, il rosmarino, le foglie di porro e il limone: tutti ingredienti che rendono questo piatto ancora più ricco di vitamine e minerali, ma anche di antiossidanti e altri fitonutrienti utili per fornire al nostro organismo una valida azione depurativa, idratante, rinvigorente e protettiva.

Pertanto, possiamo dire che la ricetta del tacchino con erbe al limone è una scelta valida per ognuno di noi: può aggiungere valore ad ogni pasto e regalare al nostro corpo un ottimo carico di nutrienti e di benefici per la salute da non sottovalutare.

Un focus sulle erbe aromatiche

Le vere protagoniste di questo tacchino con erbe al limone sono le erbe aromatiche. Come abbiamo visto la loro funzione consiste nell’innescare un processo di marinatura che da un lato pre-cuoce la carne e dall’altro la aromatizza a dovere. Anche perché si utilizza un po’ di tutto: maggiorana, origano, rosmarino e timo.

In particolare la maggiorana sprigiona sentori simili all’origano, ma più amarognoli e delicati. Il timo garantisce una nota pungente, ma allo stesso tempo ricorda il limone (ma non la sua asprezza). Il rosmarino, invece, sostiene il sapore del petto di tacchino, vivacizzandolo e andando oltre la sua tradizionale delicatezza.

Queste erbe aromatiche appartengono a famiglie botaniche diverse, ma si caratterizzano per un profilo nutrizionale simile. Oltre al classico bagaglio di vitamine e sali minerali (tipico di questa categoria) apportano molti antiossidanti, che fanno bene all’organismo in quanto sono degli ottimi anti-tumorali. A vario titolo, poi, espletano funzioni tipiche della medicina naturale: antinfiammatorie, digestive e carminative. Non a caso queste erbe si consumano anche sotto forma di infuso.

Il ruolo dell’aglio nel tacchino con erbe al limone

La marinatura si fregia anche del contributo dell’aglio. Molti potrebbero storcere il naso a causa della sua presenza, infatti non gode di buona nomea. I motivi vanno rintracciati in una ipotetica pesantezza, che si unisce a un impatto negativo sull’alito. E’ tutto vero se si gestisce l’aglio in modo sbagliato, ossia se si utilizzano quantità importanti. Non è questo il caso, visto che per la ricetta del tacchino con erbe al limone basta un solo spicchio.

Non bisogna dimenticare, poi, che l’aglio apporta alcune sostanze benefiche. Su tutte spicca l’allicina, che protegge il sistema cardiovascolare in quanto preserva l’elasticità delle arterie. Si segnalano anche vitamine e sali minerali abbastanza rari, come lo iodio, lo zinco e il manganese. Lo iodio è fondamentale per la funzione della tiroide, lo zinco funge da antiossidante e da sostegno per il sistema immunitario, infine il manganese impatta in modo positivo sul metabolismo energetico.

Certo, gli effetti sull’alito permangono, ma niente che non possa essere risolto con la classica igiene dentale. Molti sopperiscono a questo limite optando per l’aglio nero, che è soggetto a fermentazione, dunque perde parte della sua piccantezza.

Perché utilizzare il limone bio?

Il limone gioca un ruolo fondamentale nel tacchino con erbe al limone, infatti interviene in tre momenti distinti. All’inizio, quando si prepara la marinatura (dove funge da ingrediente base), a fine ricetta (quando si prepara una ricetta con il suo succo) e in fase di impiattamento, quando si utilizzano le fette per decorare e per garantire del succo aggiuntivo.

Vi consiglio di utilizzare il limone biologico sebbene non si utilizza la scorza (i pesticidi si annidano proprio sulla buccia). Questa scelta è dettata di più da una questione di gusto, infatti di norma i frutti bio sono più genuini e saporiti. Ciò vale soprattutto per la citronette, la cui qualità dipende dalle caratteristiche del succo di limone. Ovviamente è bene fare attenzione anche all’olio, che deve essere rigorosamente di qualità ed extravergine di oliva.

FAQ sul tacchino con erbe al limone

Che differenza c’è tra pollo e tacchino?

Il sapore del tacchino è più delicato e meno accennato rispetto a quello del pollo. Inoltre, il tacchino esprime note leggermente dolci. La consistenza, infine, è molto più morbida. In quanto a proprietà nutrizionali le differenze sono esigue, se si esclude la minore presenza di grassi nel tacchino.

Con cosa si abbina il tacchino?

Di base il tacchino si abbina a tutte le ricette che hanno come protagonista il pollo, con i metodi di cottura annessi. Ovviamente tenete conto delle differenze anche sul piano organolettico.

Perché il tacchino fa bene?

Il tacchino è tra i maggiori esponenti della categoria “carne bianca”. E’ un’eccellente fonte di proteine, ma allo stesso tempo contiene pochi grassi.

Ricette con tacchino ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (406 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spezzatino di alce

Spezzatino di alce, un gustoso secondo di selvaggina

Cosa sapere sulla carne di alce Al netto degli ingredienti a supporto, che pure non mancano, la vera protagonista di questo spezzatino è la carne di alce. Si tratta di una carne particolare per...

Pollo alla birra

Pollo alla birra, un secondo piatto semplice e...

La carne di pollo, un’autentica alleata in cucina Il protagonista della ricetta del pollo alla birra è ovviamente la carne bianca. Il pollo è una delle carni più consumate in assoluto, se non...

Gamberoni al forno

Gamberoni al forno, un secondo semplice ma di...

Cosa sapere sui gamberoni I gamberoni al forno e non sono tra i crostacei più amati in assoluto. Il motivo risiede in un sapore decisamente più intenso rispetto ai classici gamberi, che...