La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

verbena
Commenti: 0 - Stampa

Le principali caratteristiche della verbena

La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in genere non supera i 60 cm). Il fusto è piccolo ma molto resistente, infatti sostiene un fogliame abbondante e agglomerati floreali di un certo peso.

I fiori, che rappresentano la componente più pregiata, si caratterizzano per il colore lilla chiaro. Alcune varietà presentano tonalità tra il bianco e il rosa pastello e il tenue. Anche la verbena fruttifera, ma i suoi frutti – privi di particolare interesse – sono molto piccoli e delle dimensioni di un seme.

La verbena è  una pianta conosciuta e coltivata da millenni. Attualmente le sue applicazioni sono di natura erboristica e – più raramente – gastronomica. In passato, però, veniva impiegata soprattutto per i riti sacri.

In questo ruolo poteva dire la sua, in virtù di un impatto visivo straordinario, grazie alle splendide tonalità lilla. L’impiego erboristico è attestato anche in età classica, ma ha preso piede soprattutto con l’abbandono della ritualità pagana, quindi dall’alto Medioevo in poi.

E una pianta tutto sommato semplice da coltivare. Non è un caso che rappresenti spesso una delle prime sfide degli appassionati di giardinaggio, una sorta di passaggio obbligato, ma alla portata dei principianti. Può essere coltivata con relativa facilità in vaso, d’altronde non ha esigenze complesse in termini di terreno o di clima.

E’ comunque consigliato dedicare alla verbena un suolo ben drenato e privo di ristagno. Preferisce i luoghi raggiunti dalla luce solare ma non troppo caldi. In questa posizione può difendersi facilmente da funghi e parassiti.

Richiede acqua con estrema regolarità e frequenza, ma il consiglio è di non esagerare con la quantità, anche perché è dotata di una buona resistenza e all’occorrenza è in grado di sopportare periodi circoscritti di siccità.

Le proprietà nutrizionali e terapeutiche di questa pianta

Si declina in molte varietà, tuttavia vale la pena decantare le proprietà della sua varietà più diffusa: la verbena officinalis o verbena comune.

I suoi utilizzi sono attestati in ambito terapeutico, o per meglio dire afferenti alla medicina naturale. Si distingue, al pari di molte altre piante floreali, per le proprietà sedative e moderatamente ansiolitiche.

Insomma, può essere considerato un buon calmante e un eccellente antistress. In particola l’aroma dell’olio essenziale di verbena favorisce anche il buonumore e la concentrazione.

Ma le capacità terapeutiche della verbena non finiscono qui, infatti si fa apprezzare per le sue proprietà antinfiammatorie e antisettiche, che risultano utili per il contrasto alle affezioni dell’apparato respiratorio superiore, come il mal di gola.

Le sue capacità analgesiche sono  nella media, ma comunque utili in caso di artrite. L’impiego della verbena rappresenta un rimedio tradizionale anche per il prurito e persino per le bruciature leggere.

verbena

Le principali varietà di verbena

Come già accennato, esistono molte varietà di verbena. Al di là della verbena comune, o verbena officinalis, troviamo altre specie:

Verbena canadese. A dispetto del nome è originaria negli Stati Uniti. Pur essendo una pianta perenne è collegata all’estate, dal momento che fiorisce soprattutto a fine giugno. E’ una varietà molto colorata.

Oltre al lilla, infatti, i fiori della verbena canadese possono assumere un colore rosa, bianco e persino giallo. E’ utilizzata principalmente come decorazione, ma da essa si ricavano anche delle essenze, infatti è la più profumata.

Verbena peruviana. E’ la varietà più diffusa nel sud America ed è particolarmente apprezzata in Brasile, Argentina, Perù, Venezuela e Uruguay. I fiori spiccano per il colore viola acceso, che spesso assumono tonalità scarlatte.

E’ la tipica pianta da fiori, visto che ne produce in grandi quantità.

Verbena brasiliana. Assomiglia alla verbena comune, ma è molto più produttiva. I fiori sono più abbondanti e si presentano con un lilla più acceso. E’ la pianta più resistente, infatti sopravvive anche alle elevate altitudini in cui è in grado di affrontare indenne il freddo.

Verbene ibride. Più che una varietà si tratta di un gruppo di varietà. Le verbene ibride sono le verbene frutto dell’ingegno dei botanici, che incrociano specie diverse per ottenere piante particolari, soprattutto dal punto di vista estetico.

Alcune verbene ibride si caratterizzano per i colori ancora più sgargianti, mentre altre presentano addirittura due tonalità.

Gli utilizzi in erboristeria

Come già accennato, la pianta della verbena vanta proprietà antistress, rilassanti, antinfiammatorie, analgesiche. Nella medicina naturale può essere impiegata come infuso o tisana. La ricetta della tisana depurativa alla verbena è molto semplice, come potete evincere dalla pagina che le ho dedicato.

Basta immergere le foglie della verbena nell’acqua bollente e attendere dieci minuti. La tisana va bevuta calda, come tutte le tisane, ma all’occorrenza potete trasformarla in una bevanda fredda.

Per farlo vi basta arricchirla con del ghiaccio e con un po’ di menta. Per ottimizzare gli effetti di questa tisana, viene consigliato di berla due o tre volte al giorno. In questo modo risulta efficace soprattutto per combattere lo stress cronico e le condizioni di ansia. Non superate mai le dosi consigliate.

Sempre nell’ambito della medicina naturale, la verbena può essere trasformata in decotto. Qual è la differenza tra tisana e decotto? Per quanto alcuni possano considerare i due termini come sinonimi, in realtà indicano due preparazioni differenti.

La tisana si basa sul processo di infusione, ovvero nell’immersione dell’ingrediente principale nell’acqua bollente a fuoco spento. Il decotto prevede, invece, la cottura in acqua per un determinato periodo di tempo.

Il sapore è davvero forte, per questo viene considerato più come una bevanda medicinale che di consumo. Tale procedimento, però, consente il rilascio di una quantità maggiore di principi attivi.

La verbena in cucina

L’uso della verbena in cucina si è diffuso di recente, ovvero da quando è nata la tendenza a valorizzare i piatti con ingredienti sui generis, provenienti dal mondo della medicina naturale. D’altronde è sempre stata utilizzata come pianta curativa e come risorsa per gli ornamenti.

In ambito gastronomico vengono impiegate le foglie e i fiori. Le foglie hanno un sapore leggermente agrumato, dunque di sovente partecipano alla guarnizione o condimento di carni particolarmente delicate. L’applicazione maggiore è però in pasticceria.

A tal proposito è in grado di spezzare il sapore eccessivamente dolce di certi ingredienti. L’uso della verbena è attestato nella produzione di marmellate, torte alla frutta, cheesecake e panne cotte.

Anche i fiori di verbena vengono utilizzati ampiamente nella pasticceria come guarnizione, sebbene possano occasionalmente partecipare agli impasti e ai composti. Per poter impiegare i fiori della verbena è spesso necessario essiccarli.

Per poterlo fare il metodo di base prevede l’esposizione a testa in giù della pianta in un luogo secco e abbastanza areato, possibilmente al buio o al riparo dalla luce del sole. In questo modo i fiori non perderanno del tutto il proprio colore.

In alternativa è possibile procedere con metodi meno complessi, come la semplice esposizione dei fiori su un piano orizzontale. A tal proposito è bene che i fiori formino un unico strato, senza sovrapporli l’uno sull’altro.

C’è anche chi fa essiccare i fiori al microonde. In questo caso occorre calcolare in maniera estremamente precisa il tempo di permanenza e la potenza del forno.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti