Tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe

Tartare con olive taggiasche
Commenti: 0 - Stampa

Un antipasto con la tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe

La tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe si presenta come un ottimo antipasto o come un secondo di classe e ampiamente dotato di eleganza. La gustosità delle olive scelte per questa ricetta avvolge il resto degli ingredienti, permettendovi ogni volta di fare una bellissima figura con gli ospiti.

È facile da preparare e gli alimenti da utilizzare sono facilmente reperibili, nonché carichi di nutrienti importanti per il nostro organismo. Perciò, se avete intenzione di preparare un piatto diverso dal solito, questa pietanza si rivela la risposta che stavate cercando. Scopriamo insieme di cosa si tratta!

Alla scoperta della tartare e delle caratteristiche della nostra ricetta

La tartare è una preparazione di origine francese, a base di carne bovina che deve essere sminuzzata e poi battuta sul tagliere, esclusivamente con la lama di un coltello, fino a raggiungere una consistenza morbida, Va consumata cruda. Sembra che il suo nome derivi da una leggenda secondo la quale, i Tartari, popolo nomade originario dell’Asia centrale, non avendo tempo di cucinare, ponevano la carne sotto le selle dei propri cavalli per trovarla macinata al momento del pasto.

Semplice da preparare e versatile, presenta numerosissime variazioni sul tema e ingredienti, proponendosi come una ricetta fresca che, naturalmente, non richiede alcun tipo di cottura. La ricetta di oggi, ovvero quella della tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe, propone un condimento originale per la tartare di carne, gustoso ma delicato.

Tartare con olive taggiasche

Nella preparazione ho utilizzato le olive taggiasche, una varietà di olive tipiche della Liguria. Il nome “taggiasco” deriva da Taggia, ridente cittadina della Riviera di Ponente, in provincia di Imperia. Ed è proprio qui, ad Arma di Taggia, che le olive taggiasche furono importate dai Cistercensi di Lerino. Successivamente, gli innesti dell’olivo furono portati un po’ in tutte le regioni d’Italia, ma la coltivazione maggiore e originale è sempre rimasta nella provincia di Imperia.

Le peculiarità della tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe

Il frutto, ovvero questa speciale oliva di forma ovoidale, produce un olio di colore giallo-verde, dall’odore e dal sapore fruttato con una decisa sensazione dolce, ma è un alimento molto gustoso e apprezzato anche in tavola. Oggi la utilizzeremo per dare un tocco di gusto a questo piatto, nonché un valido carico di antiossidanti, minerali e vitamine al pasto.

Preparare la tartare con olive taggiasche, capperi e acciughe significa anche regalarsi un buon apporto di proteine e di benefici importanti per l’organismo… ma anche tanto gusto! Provate questa ricetta e fatemi sapere cosa ne pensate!

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr filetto di manzo
  • 3 cucchiai olive taggiasche snocciolate
  • 1 cucchiaio capperi dissalati di Pantelleria
  • 2 filetti acciughe sott’olio del Cantabrico
  • 3 cucchiai di olio d’oliva extra vergine
  • q.b. sale fino

Preparazione

Dissalate i capperi sciacquandoli piu volte sotto l’acqua. Nel mixer tritate finemente le olive, i capperi e le acciughe

Battete a coltello il filetto di manzo, mettetelo in una ciotola, conditelo con olio, sale e aggiungete il battuto di olive, i capperi e acciuga.

Con l’aiuto di un anello tagliapasta, formate con l’impasto di carne una polpetta rotonda e piatta al centro di un piatto. Completate con un filino d’olio d’oliva e completate il piatto con una foglia di insalata e del limone

La tartare può essere preparata leggermente in anticipo ma mai  più di un’ora prima di servirla, e va tenuta in frigo fino al momento di metterla in tavola.

Mio marito ha aggiunto anche della glassa di aceto balsamico IGP alla fine

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-10-2014
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti