Pane alle olive taggiasche : miniera di antiossidanti.

Pane alle olive taggiasche
Commenti: 0 - Stampa

Pane alle olive taggiasche: fragranza dei campi e miniera di antiossidanti. Le proprietà del pane a beneficio della nostra salute sono ampiamente riconosciute, nonché confermate anche in campo medico: il pane rappresenta, insieme alla pasta, l’ingrediente leader della nostra dieta mediterranea.

L’abitudine di aggiungere all’impasto del pane le olive non è certo di nuova fattura: tale tradizione risale alla notte dei tempi.

Trattasi di un abbinamento che si rivela particolarmente apprezzabile dal punto di vista gastronomico, e non solo: come è immaginabile, sotto il profilo nutrizionale i vantaggi sono davvero lodevoli.

Apprezzatissime le olive taggiasche, che, a dispetto delle avversità climatiche che segnano la regione in cui esse sono principalmente prodotte, ossia la Liguria, vantano una produttività elevata e costante ed in ogni caso irrinunciabile, per via del loro essere molto aromatiche, specie se consumate a crudo o nel pane.

Pane: gloria dei campi, ricchezza delle nostre tavole

Recita bene una vecchia poesia dedicata al pane, tratta dall’epoca risalente: “amate il pane, cuore della casa, profumo della mensa, gioia del focolare”. Oggi, a dispetto del tempo, il rispetto per il pane è rimasto inalterato, anzi, si assiste ad una rivalutazione nelle abitudini alimentari di intere famiglie che lo preferiscono addirittura alla pasta.

Questa è una delle ragioni per le quali se ne trovano in commercio davvero tantissime varianti, che non fanno che corroborare la sua validità in termini di valori nutrizionali. Il pane, per via del lievito di birra in esso contenuto, si rivela ricco di proteine e di vitamine del gruppo B, fondamentali per il corretto funzionamento muscolare.

Non trascurabile è anche l’apporto di potassio, che arriva a toccare i 129 mg per ogni 100 gr di prodotto, fermo restando la presenza in esso di altri importanti sali minerali.

Olive taggiasche: le olive nobili e salutari che fanno da scudo al nostro organismo

Il ruolo che le olive assumono nella nostra dieta ha davvero dell’incredibile: basti pensare al condimento più nobile che permea la nostra dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva.

Miniera di antiossidanti, nessun condimento al mondo può eguagliare il frutto della spremitura delle olive, considerato un vero e proprio patrimonio da preservare e tutelare dagli attacchi delle falsificazioni ingannevoli.

Le olive sono state di recente sottoposte a numerose ricerche finalizzate a verificare la presenza di altri potenziali effetti benefici: di recente, ad esempio, è stato dimostrato un nesso di causalità tra il consumo di olive, specie le taggiasche, e la riduzione dell’insorgenza oltre non solo del cancro, ma anche dell’osteoporosi.

Per tutti coloro che ravvisano nel pane un alimento irrinunciabile sulle proprie tavole, ecco di seguito presentata la straordinaria ricetta del pane alle olive taggiasche.

Ed ecco la ricetta del Pane alle olive taggiasche

Ingredienti per 3 pani

  • 500 gr farina tipo 0
  • 800 gr olive taggiasche in salamoia
  • 25 gr lievito di birra fresco
  • 50 gr acqua tiepida
  • 25 gr olio extravergine di olive taggiasche
  • 10 gr sale fino

Preparazione

Sciacquate le olive, snocciolatele e ponetele in una ciotola

In una ciotola fate sciogliere il lievito con l’acqua tiepida e aggiunge tanta farina quanta ne basta per ottenere una pastella molto consistente che fate  lievitare fino a che ha raddoppiato il suo volume.

Su di una spianatoia impastate la farina con l’olio, il sale e un po’ di l’acqua tiepida. Quando è ben amalgamata aggiungete l’impasto con il lievito, lavorate ancora bene l’impasto.

Dopo alcuni minuti unite il sale e dopo altri 5 minuti le olive snocciolate. Continuate a impastare finché le olive saranno ben incorporate nell’impasto.

Infarinate leggermente, ottenuto, ponetelo in una terrina e incidetelo con un taglio a croce. Copritelo con un canovaccio pesante inumidito e lasciate lievitare per circa 2 ore o finché il volume sarà raddoppiato.

Mette l‘impasto su di una spianatoia infarinata, lavoratelo di nuovo e dategli la forma di un filoncino che farete lievitare per almeno 30 minuti in un ambiente caldo.

Scaldate il forno a 210 °C, abbassatelo a 190 °C e cuocete il pane per circa 25 minuti. Il tempo di cottura varia a seconda del tipo di forno e delle dimensioni dei pani.

5/5 (369 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante gluten-free con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine...

Glassa a specchio

Glassa a specchio per dolci gourmet

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, base eccellente per dolci e torte.

Qualche precisazione sulla pasta biscotto Prima di approfondire le ricette delle paste biscotto al fonio, al cacao e al riso integrale è bene fare qualche precisazione sulla pasta biscotto in...

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-12-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti