bg header
logo_print

Assaggiamo la tartare di branzino con insalata di cedro!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

tartare di branzino con insalata di cedro
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Una scelta leggera ma gustosa? La tartare di branzino con insalata di cedro!

Se non sapete cosa preparare per riuscire a stupire i vostri ospiti con poco, sappiate che la tartare di branzino con insalata di cedro è sempre la scelta giusta! È un piatto fresco e leggero, perfetto per la bella stagione e per quando si desidera cenare o pranzare con qualcosa di gustoso ma non troppo pesante. Questa pietanza può essere servita come secondo piatto, magari subito dopo un primo di mare, ma può anche costituire uno sfizioso piatto unico, capace di lasciare un posticino per il dolce o il gelato, immancabili in estate!

Ricetta tartare di branzino con insalata di cedro

Preparazione tartare di branzino con insalata di cedro

Pulite i filetti di branzino, facendo attenzione a rimuovere ogni lisca presente nella polpa; quindi tagliateli a cubetti dal lato di circa 0,5-1 cm, conditeli con il timo e fateli riposare in frigorifero.

Pelate a vivo il cedro, dividete gli spicchi e metteteli in una terrina.

Tagliate le ciliegie a metà, denocciolatele e dividetele in quarti. Infine, mettete tutto da parte.

Impiattate mettendo parte del branzino in un coppapasta e, pressandolo in modo da fargli mantenere la forma, conditelo con il limone e il sale. Poi guarnite utilizzando il cedro e le ciliegie, e insaporite con il timo e il pepe di timùt.

Decorate a piacere e quindi servite.

Ingredienti tartare di branzino con insalata di cedro

  • 200 gr. di filetto di branzino già pulito
  • 4 cedri
  • 50 gr. di ciliegie
  • 2 rametti di timo
  • Il succo di un limone
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe di timùt 

Semplice da preparare ma di sicuro effetto, questa tartare di branzino con insalata di cedro è adatta persino per un antipasto genuino e leggero, e in ogni caso si presenta come una ricetta assolutamente idonea per chi è a dieta o per chi segue un’alimentazione ipocalorica, utile per mantenere sotto controllo la linea. È infatti un piatto che, pur soddisfacendo il palato, contiene pochissime calorie a fronte di un ottimo contenuto nutrizionale…

Particolarmente ricco di vitamine e minerali

Sebbene non si tratti di un piatto vegetariano né tantomeno vegano per via della presenza del pesce, la tartare di branzino con insalata di cedro resta un piatto da non sottovalutare perché, oltre a essere buonissimo, non contiene né glutine né lattosio. Pertanto, è perfetto per i celiaci, per chi soffre di intolleranze e anche per chi ha problemi di digestione. Ma uno dei punti di forza di questa tartare sta nelle numerose proprietà nutritive del branzino.

Dotato di una carne bianca, tenerissima e di un sapore delicato, questo alimento è ricchissimo di proteine e povero di grassi. Rappresenta inoltre una fonte notevole di sali minerali come ad esempio potassio, magnesio, calcio, ferro e soprattutto fosforo: tutte sostanze fondamentali per il benessere dell’organismo a ogni età, che renderanno la tartare di branzino con insalata di cedro un piatto ancor più prezioso! Ma non è tutto: questo pesce contiene persino massicce quantità di vitamine: in particolare A, B3, C ed E.

Tartare di branzino con insalata di cedro: la ricetta perfetta

La tartare di branzino con insalata di cedro è molto più di una semplice ricetta culinaria; è un vero e proprio elisir di benessere per il nostro corpo. Il cedro, l’ingrediente segreto di questa delizia, offre una serie di benefici straordinari, soprattutto per coloro che soffrono di problemi digestivi o irregolarità intestinali.

Il cedro è una vera miniera di flavonoidi, con una concentrazione particolarmente elevata di esperidina, uno dei suoi principali componenti. Questo lo posiziona tra gli alimenti più preziosi per il nostro organismo, grazie alla sua potente azione antiossidante. Grazie al cedro, la tartare di branzino non è solo incredibilmente gustosa, ma anche straordinariamente nutriente.

Ma non è tutto. Le proprietà benefiche del cedro non si fermano alla sfera digestiva. Questo frutto è anche noto per le sue qualità germicide, disinfettanti e stimolanti. Ciò significa che, oltre a soddisfare il nostro palato, questa tartare può anche svolgere un ruolo attivo nella promozione della nostra salute.

La bellezza di questa ricetta sta anche nella sua facilità e velocità di preparazione. La tartare di branzino con insalata di cedro può essere realizzata in un battibaleno, trasformando ogni pasto in un’autentica celebrazione del gusto e del benessere. È una pietanza ideale per le calde giornate estive e le fresche serate primaverili, ma può anche essere la protagonista di occasioni speciali o di cene informali tra amici e familiari.

Non sottovalutate il potere del cedro nella vostra dieta. Grazie alla sua combinazione di gusto e salute, la tartare di branzino con insalata di cedro è molto più di una semplice ricetta: è un’autentica opera d’arte culinaria che sa prendersi cura del vostro corpo e del vostro palato allo stesso tempo.

Come fare a pulire e a sfilettare il branzino e i pesci a lui simili?

Innanzitutto, se non disponete degli appositi attrezzi per pulire il pesce, munitevi di coltello sfiletta pesce, dalla lama molto flessibile e affilata; di forbici da cucina e procuratevi lo “squamatore”, ovvero l’attrezzo che permette di togliere facilmente le squame del pesce. In alternativa, utilizzate un coltello da cucina dalla lama bene affilata, per non rovinare le carni durante la sfilettatura.

Per preparare la tartare di branzino con insalata di cedro, dovreste sapere che la prima operazione da compiere è l’evisceratura del pesce: lo si appoggia su di un tagliere e con le forbici si pratica un taglio verticale, che dal ventre arriva dritto fino sotto la testa. Con le mani, si eliminano le interiora.

Si eliminano poi le pinne: quella dorsale, quelle laterali e quella caudale. Con lo squamatore, passato più volte dalla coda alla testa, (o con la lama di un coltello) squamate accuratamente il branzino, evitando di spargere le squame. Lavatelo sia dentro che fuori, sotto l’acqua corrente e poi mettetelo nuovamente sul tagliere e con il coltello sfilettate il pesce ed eliminate le branchie e la testa.

I passi successivi e poi la preparazione della tartare di branzino con insalata di cedro

A questo punto, incidete la coda e partendo dall’alto, incidete la parte dorsale del pesce lungo la colonna vertebrale, muovendo la lama in senso orizzontale rispetto al piano di lavoro. Otterrete così il primo filetto. Staccando la carne dalla lisca centrale, procedendo allo stesso modo, ricaverete il secondo filetto. Ora, aiutandovi con il coltello, togliete la pelle ai filetti di branzino. Con l’ausilio di una pinzetta, eliminate invece le eventuali spine rimaste.

Il gioco è fatto: i filetti di branzino sono pronti per essere utilizzati e adesso potrete preparare la tartare. La soddisfazione a piatto ultimato sarà davvero indescrivibile!

Ricette con branzino ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...