bg header
logo_print

Bucatini con polpo e olive taggiasche, un primo unico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

bucatini con polpo
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 1 ore 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Bucatini con polpo e olive taggiasche, un primo mediterraneo

Oggi cuciniamo i bucatini con polpo, capperi e olive taggiasche, un primo piatto dal forte carattere mediterraneo che chiama in causa alimenti genuini in grado di dare bella mostra di sé, regalando una suggestiva esperienza gastronomica. La ricetta è di per sé molto semplice, infatti basta tagliare il polpo a cubetti (dopo averlo pulito) e cuocerlo insieme ai capperi e alle olive taggiasche. Poi si saltano i bucatini et voilà, il piatto è pronto.

Quando preparare i bucatini con polpo, capperi e olive taggiasche? Certamente vanno bene per un pranzo di tutti i giorni, ma possono essere sfoderati anche in occasioni speciali: dai pranzi conviviali agli inviti più formali. I bucatini si abbinano ad una vasta gamma di secondi di pesce, dai più nobili ai più ordinari.

Ricetta bucatini con polpo

Preparazione bucatini con polpo

  • Pulite il polpo privandolo del becco centrale e delle interiora contenute nella sacca. Lavatelo molto bene e cuocetelo in abbondante acqua bollente per circa un’ora.
  • Scolatelo, spellatelo, eliminate le ventose più grandi, asciugatelo con della carta assorbente e tagliatelo a dadini.
  • Sciacquate i capperi, tritateli insieme alle olive. In una padella scaldate in un po’ di sidro lo spicchio d’aglio tritato, aggiungete i pezzetti di polpo, le olive e i capperi e fate cuocere sfumando con il restante sidro.
  • Regolate di sale e lasciate insaporire per 10 minuti.
  • Fate bollire i bucatini e scolateli al dente.
  • Versate la pasta nella padella del condimento, amalgamate e versate in un vassoio da portata, aggiungendo un filo di olio a crudo.

Ingredienti bucatini con polpo

  • 320 gr. di bucatini consentiti
  • 200 gr. di polpo
  • 80 gr. di olive nere denocciolate
  • 40 gr. di capperi
  • 1 bicchiere di sidro
  • q. b. di olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • q. b. di sale.

Tutte la bontà del polpo

Il protagonista di questi bucatini è il polpo, che conferisce a questo primo piatto di pesce un sapore decisamente “marino” e una consistenza gradevole e morbida al punto giusto. Il polpo è uno degli alimenti ittici più amati in assoluto per i sentori che sa esprimere, ma anche per la sua versatilità. Si pulisce in modo molto semplice e si presta alle preparazioni più svariate.

In occasione di questa ricetta il polpo viene privato del becco e delle interiora, per poi essere tagliato a cubetti e rosolato insieme ai capperi e alle olive.

Il polpo eccelle anche dal punto di vista nutrizionale, infatti è poco calorico (apporta solo 80 kcal per 100 grammi) ed è ricco di vitamine del gruppo B, fosforo e calcio. Inoltre, contiene anche grassi benefici appartenenti alla categoria degli acidi grassi omega tre.

Le proprietà nutrizionali dei capperi

Anche i capperi giocano un ruolo fondamentale in questo primo a base di bucatini. Per l’occasione, i capperi vengono sciacquati per bene e passati in padella con gli altri ingredienti per amalgamarsi al meglio con i bucatini cotti al dente. I capperi sono degli ingredienti preziosi in cucina, esprimono sentori acuti e pungenti capaci di interagire con una vasta gamma di ingredienti.

Sono preziosi anche dal punto di vista nutrizionale, infatti contengono tanta vitamina C, una sostanza utile al sistema immunitario e capace di velocizzare l’assorbimento del ferro. Contengono anche il potassio, che regolarizza la pressione, e tante altre preziose sostanze nutritive. Inoltre, sono ricchi di antiossidanti, che inibiscono i radicali liberi, rallentano l’invecchiamento cellulare e agiscono da antitumorali.

L’unico difetto dei capperi è la quantità di sodio, che è più evidente nella forma sottosale. Per questa ragione dovrebbero essere consumati con prudenza da chi soffre di ipertensione.

Il ruolo delle olive taggiasche nei bucatini con polpo

Chiudiamo questa ricetta con le olive taggiasche, che rappresentano il vero tocco di classe di questi bucatini con polpo. Le taggiasche sono tra le olive più buone dell’agroalimentare italiano e spiccano per l’aspetto, per le dimensioni variabili e per il colore. Questo tipo di olive hanno numerose sfumature di viola, verde, amaranto e vinaccia. Il sapore, poi, si pone a metà strada tra le olive verdi e le olive nere, benché proponga note proprie rendono le olive taggiasche inconfondibili. Ad ogni modo, il loro gusto può essere considerato dolce ed equilibrato, sebbene il retrogusto viri verso l’amarognolo.

Dal punto di vista nutrizionale le olive taggiasche si comportano come gli altri tipi di olive. Sono ricche di vitamina E, che fa bene al sistema immunitario e funge da antiossidante. Inoltre, sono ricche di grassi benefici per il cuore e per la circolazione, a tal punto da esercitare un’azione di controllo sul colesterolo cattivo. Infine, abbondano di antiossidanti e sali minerali, oltre ad apportare una quantità equilibrata di calorie: 110 kcal per etto.

FAQ sui bucatini con polpo

Chi ha il colesterolo alto può mangiare il polpo?

Il polpo, come buona parte degli alimenti di origine ittica, contiene modeste quantità di colesterolo. In ragione di ciò, può essere consumato con un buon margine di sicurezza anche da chi soffre di colesterolemia alta.

Che sapore hanno le olive taggiasche?

Le olive taggiasche si pongono a metà strada tra le olive verdi e le olive nere, ma sono dotate comunque di una propria specificità. A primo assaggio rivelano una certa dolcezza, ma esprimono note amarognole in fase di retrogusto.

A cosa fanno bene i capperi?

I capperi fanno bene a molti organi e favoriscono la salute in generale. Il riferimento è in particolar modo all’abbondanza di antiossidanti, che inibiscono i radicali liberi e abbattono le probabilità di contrarre il cancro.

Ricette con il polpo ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti con asparagi e totani

Spaghetti con asparagi e totani, un primo tra...

Cosa sapere sugli asparagi viola I protagonisti di questa ricetta, nonché gli ingredienti che la valorizzano maggiormente, sono gli asparagi viola. Rispetto agli asparagi classici non si...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...