bg header
logo_print

Sformatini di formaggio per il tuo antipasto

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Sformatini di formaggio
Ricette per intolleranti, Cucina italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 12 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.2/5 (5 Recensioni)

Sformatini di formaggio in quantità!.

Il termine “sformato” indica un composto fatto cuocere in uno stampo e servito per l’appunto ‘sformato’ su un piatto di portata. Per questo tipo di preparazione, ovvero quello degli sformatini di formaggio, comune alle cucine di molti paesi, si impiegano gli ortaggi più diversi, vari tipi di carni o anche carni e verdure assieme; altri sformati ancora si realizzano con riso, pasta e semolino.

In questo caso, andremo invece ad utilizzare uova, latte senza lattosio, Parmigiano grattugiato, burro chiarificato, un paio di caprini, prosciutto cotto e gallette di quinoa polverizzate al posto del pan grattato. Insomma, si avrà una ricetta carica di nutrienti, in particolare proteine, vitamine e minerali.

Ricetta sformatini di formaggio

Preparazione sformatini di formaggio

Spennellate l’interno di 4 scodelline o formine con del burro sciolto e spolverizzatele con il pane grattugiato. Sul fondo di ogni scodellina mettete dei pezzettini di formaggio e di prosciutto cotto.

In una ciotola sbattete le uova con il latte, il parmigiano reggiano grattugiato e un pizzico di sale e pepe.

Mescolate e versate il composto nelle scodelline preparate e fatele cuocere a bagnomaria sul fornello per 10-12 minuti o finché la crema si sarà rappresa.

Dopo qualche minuto sformate il contenuto delle scodelline sul piatto di portata e servite su una crema di piselli o di broccoli o semplicemente una fonduta di formaggio

Ingredienti sformatini di formaggio

  • 3 uova intere
  • 1 bicchiere di latte consentito
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato 36 mesi
  • 20 gr. di burro chiarificato
  • 2 caprini Caprì Mauri
  • 1/2 fetta di prosciutto cotto
  • q.b. pane grattugiato consentito
  • q.b. sale e pepe

I trucchi per preparare al meglio gli sformati

Ma adesso andiamo a scoprire come si preparano gli sformatini di formaggio! Nel caso della verdura, il procedimento è abbastanza semplice: gli ortaggi vanno scottati per una decina di minuti, quindi si tritano fini o si passano al setaccio, si uniscono generalmente a uova frullate, besciamella, mollica di pane inzuppata e aromi vari, e poi si versa il composto in stampi col buco, rettangolari o di altra forma a piacere, ben imburrati e spolverizzati di farina o di pane grattugiato. È molto importante che il rivestimento dello stampo sia omogeneo per garantire in tal modo che lo sformato esca perfetto e non invece ‘terremotato’ .

Sformatini di formaggio

Se al posto delle verdure si usano carni, pesci, salumi oppure formaggi, il procedimento non cambia: gli ingredienti possono essere impiegati crudi o già cotti, ma devono essere comunque sminuzzati. Tutti gli sformati e anche gli sformatini di formaggio che andremo a preparare oggi, possono essere cotti a bagnomaria per un tempo che può variare da un’ora a un’ora e mezza (in questo caso il composto resta molto morbido), oppure al forno per un tempo di un’ora circa (in questo caso si forma in superficie una crosticina dorata e croccante).

Appartengono alla famiglia degli sformati anche alcuni impasti fatti cuocere in un involucro di pasta brisé. A parte questo, ricordatevi che per giudicare se uno sformato è giunto a cottura, basta introdurre un bastoncino di legno e verificare che questo esca ben asciutto.

A tavola con i gustosi sformatini di formaggio

Gli sformati possono essere serviti come antipasto, al posto del primo piatto o della carne (magari con guarnizioni di verdure) in pasti di tono decisamente casalingo, e come contorni. Non importa quando: ogni volta che avrete voglia di mettervi all’opera, sarà il momento di portarli in tavola.

Infatti, gli sformatini di formaggio si rivelano molto versatili e adatti ad ogni occasione. Perciò, io ve li spiego e voi li farete tutte le volte che vorrete! Mi raccomando, scegliete con cura gli ingredienti!

Se vi piacciono gli sformati vi suggerisco lo sformato di bietole. E’ una pietanza salata, ma che si prepara quasi fosse un tiramisù. Nello specifico, la soluzione al caffè è sostituita dalla più classica delle besciamelle, il cacao dal parmigiano, il mascarpone dalle bietole e i savoiardi dal pane morbido.  Se invece volete qualcosa di colorato e particolare ecco lo sformato di cavolo viola. Una di quelle rare pietanze che rappresentano una gioia per la vista e per il palato. Il gusto speciale, la combinazione delicata di sapori vengono valorizzati da un impatto visivo notevole. Insomma, con lo sformato di cavolo viola (ammesso che seguiate la ricetta alla lettera) non è possibile fare cattiva figura.

Ricette sformatini ne abbiamo? Certo che si!

3.2/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...

Involtini di zucchine gialle

Involtini di zucchine gialle, dei rotolini davvero deliziosi

Involtini di zucchine gialle: al forno o in padella? Gli involtini di zucchine gialle, come quelli di carne, si possono cuocere in padella. Questo metodo, sebbene tradizionale, tende ad essere più...

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...