Triangoli con broccoli e feta, un ottimo antipasto

Triangoli con broccoli e feta
Stampa

Triangoli con broccoli e feta, come valorizzare la pasta sfoglia

I triangoli con broccoli e feta sono una pietanza che ripercorre la tradizione della rosticceria italiana. Lo fa, però, in una prospettiva salutista, come si evince da una lista di ingredienti che premia l’impiego delle verdure. Il riferimento è, in particolar modo, alla presenza delle cimette di broccoli. Si tratta di un ingrediente dalle straordinarie proprietà nutrizionali, molto spesso messo in secondo piano, nonostante il suo consumo sia comunque diffuso. Le cimette di broccoli, proprio come i broccoli stessi, sono ricchi soprattutto di sali minerali, nello specifico contengono grandi dosi di calcio, ferro, fosforo e potassio. Sono anche ricchi di vitamine, soprattutto di vitamina C, che contribuisce a rafforzare il sistema immunitario. Stesso discorso per la vitamina B1 e la B2. I broccoli, inoltre, sono ricchissimi di fibre, che contribuiscono a riequilibrare la flora intestinale e risolvere i disturbi digestivi più lievi.

Nei broccoli è contenuto anche il sulforafano, un formidabile antiossidante che agisce in funzione anticancro. Nella ricetta dei triangoli con broccoli e feta, le cimette dei broccoli vengono prima bollite in semplice acqua salata, poi passate nell’olio caldo e infine unite e ben amalgamate a un composto di feta sbriciolata e ricotta. Esso servirà, successivamente, per farcire dei fagottini di semplice pasta sfoglia. Siamo di fronte, quindi, a un piatto all’apparenza molto semplice, che non pone difficoltà di sorta nella preparazione, ma che può regalare molto sotto il profilo nutrizionale e organolettico.

Le insospettabili proprietà nutrizionali dei pistacchi

I triangoli con broccoli e feta sono soprattutto buoni. Il merito va ad una lista di ingredienti che non lascia nulla al caso. Ne è dimostrazione la presenza dei pistacchi, un tipo di ingrediente che raramente ricorre nei pezzi di rosticceria. In questo caso vanno utilizzati i pistacchi già tritati, che vanno a formare il composto insieme alla ricotta, alla feta e ai broccoli. La presenza dei pistacchi tritati conferisce un ulteriore sapore a questi triangoli, una corposità gradevole al palato e qualche elemento nutritivo in più.

Triangoli con broccoli e feta

E’ infatti solo un pregiudizio quello che vede il pistacchio come un ingrediente da evitare. Certo, si tratta pur sempre di frutta secca e quindi in grado di apportare numerosi lipidi. Tuttavia, il pistacchio contiene sostanze benefiche, in quanto composte principalmente da acidi grassi omega tre e omega sei. Per quanto riguarda l’apporto calorico siamo su livelli abbastanza sostenuti, tuttavia è sufficiente non abusare dei pistacchi per non mettere in pericolo la linea. D’altronde, questa ricetta impone un dosaggio piuttosto equilibrato.

La feta, un formaggio sapido e squisito

La feta, utilizzata nei nostri triangoli con broccoli, è uno dei formaggi greci più famosi in assoluto. Si caratterizza per un gusto molto sapido e per una struttura particolare. La sua consistenza è friabile, e ciò la rende l’ingrediente perfetto da integrare in preparazione di questo tipo. Infatti, è sufficiente sbriciolarla con le mani e mescolarla agli altri ingredienti per ottenere composti sfiziosi ed equilibrati sotto il profilo organolettico. D’altronde, è esattamente quello che accade in questa ricetta: la feta sbriciolata va unita alla ricotta, alle cimette dei broccoli e ad altri alimenti. Tutti insieme formano la farcitura di questi deliziosi triangoli con broccoli e feta.

La feta è un formaggio realizzato con latte di capra e di pecora, a pasta semidura. Si caratterizza per un colore bianco candido e per la totale assenza di crosta. Sotto il profilo nutrizionale apporta tantissime proteine dall’alto valore biologico, un certo numero di grassi ed elevate quantità di calcio e fosforo. Da questo punto di vista, ha ben poco da invidiare a formaggi ben più quotati come il nostro Parmigiano Reggiano.

Ecco la ricetta dei triangoli con broccoli e feta:

Ingredienti:

  • 1 foglio di pasta sfoglia consentita,
  • 300 gr. di broccoli,
  • 200 gr. di feta consentita,
  • 150 gr. di ricotta consentita,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 2 cucchiai di pistacchi tritati,
  • qualche rametto di timo fresco,
  • 2 cucchiai di latte consentito,
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei triangoli con broccoli e feta iniziate lessando le cimette di broccoli per 10 minuti, poi rosolatele leggermente in un tegame con olio ben caldo e con uno spicchio d’aglio. Cuocete così per 10 minuti, poi rimuovete l’aglio e conservate in una ciotola, affinché si raffreddino. Sgocciolate per bene la feta, poi sbriciolatela e versatela in una ciotola con la ricotta. Infine, mescolate e amalgamate, regolando il tutto con un po’ di sale.

Poi aggiungete il pepe, i pistacchi tritati e il timo fresco sminuzzato. Aggiungete anche le cimette, mescolate ancora e amalgamate per ottenere un composto abbastanza compatto. Ora adagiate la pasta sfoglia su una superficie piana, tagliatela in quattro quadrettoni e farciteli con il composto. Unite i lembi opposti di ciascun quadrettone, formando così un fagottino. Chiudete per bene e date una spennellata con il latte, infine cuocete al forno per circa 25 minuti a 180 gradi.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


21-02-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti