Pudding alla ricotta e limone con sciroppo

Oggi vi propongo la ricetta del Pudding alla ricotta e limone con sciroppo. La prima volta che ho assaggiato un pudding è stato a Londra mentre ero in visita dai miei zii.

Sbagliai clamorosamente la pronuncia ma mi rifeci con i complimenti a mia cugina che l’aveva preparato per accompagnare il thè pomeridiano.

Il suo non era un pudding alla ricotta e limone, e mai mia cugina avrebbe pensato ad inserire il timo in un dolce. Questa ricetta condensa infatti i sapori preferiti dai miei fratelli, i sapori che ricordano loro l’estate e che puntualmente mi chiedono di riproporre in pieno autunno!

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ed ecco la ricetta del Pudding alla ricotta e limone con sciroppo

Ingredienti per 6 persone

Per i pudding

200 gr burro morbido
200 gr zucchero semolato
3 uova medie
60 ml latte
50 ml succo di limone
125 gr farina 00
240 gr ricotta
10 gr bicarbonato
1 cucchiaio zeste di limone

Per lo sciroppo

200 gr zucchero semolato
180 ml acqua
130 ml succo di limone
2 rametti di timo
1 cucchiaio di zeste di limone
Panna fresca da montare leggermente zuccherata q.b.

Preparazione

Per i pudding

Preriscaldare il forno statico a 160°.
Imburrare ed infarinare gli stampi monoporzione in ceramica.
Montare burro e zucchero in una ciotola.
Separare i tuorli dagli albumi ed aggiungere i primi al burro montato.
Aggiungere il latte, la farina setacciata con il bicarbonato, la ricotta e mescolare bene. Per ultimo aggiungere il succo di limone e gli albumi montati a neve fermissima, incorporando questi ultimi con movimenti che vanno dal basso verso l’alto.
Riempire gli stampini per 3/4 ed infornare per 25 minuti circa.

Per lo sciroppo

Portare a bollore tutti gli ingredienti e far cuocere per 5 minuti.
Lasciar intiepidire prima di bagnare i pudding e servire il tutto con una quenelle di panna montata leggermente zuccherata.

 

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *