bg header
logo_print

Pudding alla ricotta e limone con sciroppo, un dolce goloso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

pudding alla ricotta e limone
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Pudding alla ricotta e limone, un dolce al cucchiaio davvero delizioso

Oggi vi propongo la ricetta del Pudding alla ricotta e limone con sciroppo. La prima volta che ho assaggiato un pudding è stato a Londra mentre ero in visita dai miei zii.

Sbagliai clamorosamente la pronuncia ma mi rifeci con i complimenti a mia cugina che l’aveva preparato per accompagnare il thè pomeridiano.

Il suo non era un pudding alla ricotta e limone, e mai mia cugina avrebbe pensato ad inserire il timo in un dolce. Questa ricetta condensa infatti i sapori preferiti dai miei fratelli, i sapori che ricordano loro l’estate e che puntualmente mi chiedono di riproporre in pieno autunno!

Ricetta pudding alla ricotta

Preparazione pudding alla ricotta

Per i pudding preriscaldare il forno statico a 160°. Imburrare ed infarinare gli stampi monoporzione in ceramica. Montare burro e zucchero in una ciotola.
Separare i tuorli dagli albumi ed aggiungere i primi al burro montato.

Aggiungere il latte, la farina setacciata con il bicarbonato, la ricotta e mescolare bene. Per ultimo aggiungere il succo di limone e gli albumi montati a neve fermissima, incorporando questi ultimi con movimenti che vanno dal basso verso l’alto.

Riempire gli stampini per 3/4 ed infornare per 25 minuti circa.

Per lo sciroppo portare a bollore tutti gli ingredienti e far cuocere per 5 minuti. Lasciar intiepidire prima di bagnare i pudding e servire il tutto con una quenelle di panna montata leggermente zuccherata.

Per i pudding

  • 200 gr. di burro morbido,
  • 200 gr. di zucchero semolato,
  • 3 uova medie,
  • 60 ml. di latte,
  • 50 ml. di succo di limone,
  • 125 gr. di farina 00,
  • 240 gr. di ricotta,
  • 10 gr. di bicarbonato,
  • 1 cucchiaio zeste di limone

Per lo sciroppo

  • 200 gr. di zucchero semolato,
  • 180 ml. di acqua,
  • 130 ml. di succo di limone,
  • 2 rametti di timo,
  • 1 cucchiaio di zeste di limone,
  • q. b. di panna fresca da montare.

Goloso pudding alla ricotta e limone, una variante interessante

Oggi vi presento un goloso pudding alla ricotta e limone, un dolce al cucchiaio davvero strepitoso. La ricetta è stata ideata da Rosa D’Anna in occasione del contest “Le intolleranze? Le cuciniamo”. Un evento che ho organizzato per dimostrare che le intolleranze alimentari possono essere gestite anche in cucina, esplorando alimenti suggestivi o reintepretando quelli più consueti. E’ una gara vera e propria, con vincitori e premi, quindi porgo i migliori auguri a Rosa e alle altre concorrenti.

Tornando alla ricetta, essa si ispira ai pudding dolci anglosassoni ma apporta qualche innovazione. Tanto per cominciare, l’impasto fa a meno di uvetta e frutta secca. In secondo luogo viene bagnato in uno sciroppo semplice e di impatto, aromatizzato al punto giusto. E’ interessante anche la guarnizione, che per l’occasione è formata dalla panna fresca.

Le farine per il pudding alla ricotta

Il pudding alla ricotta e limone si fa apprezzare per la texture liscia, ma anche per il sapore corposo che è dato soprattutto dalla farina. Quale farina utilizzare nello specifico? Rosa suggerisce una normale doppio zero, che rende parecchio ma è piena di glutine. Tuttavia, i celiaci dispongono per fortuna di molte alternative.

Chi preferisce i sentori delicati, potrebbe utilizzare la farina di riso abbinata a quella di mais. Chi invece ricerca sentori rustici, e una texture più granulosa, può dirigersi verso la farina di grano saraceno, piuttosto che verso quella di teff. Quest’ultima, per inciso, spicca per le note che richiamano alla nocciola.

Esistono poi anche alternative “esotiche”, come le farine di quinoa e di amaranto. Si tratta di farine iper-proteiche, a tal punto da essere considerate come dei veri smart food.

Latte vegetale o latte classico?

La ricetta del pudding alla ricotta comprende anche il latte. Anche in questo caso c’è da chiedersi: quale latte è meglio utilizzare? Chi non soffre di problemi legati all’assorbimento può procedere con il classico latte vaccino.

Chi invece soffre di intolleranza al lattosio dovrebbe scegliere tra il latte delattosato e il latte vegetale. Il primo si differenzia per il sapore leggermente zuccherino, mentre per il resto è identico all’originale. Il latte vegetale, invece, propone un sapore del tutto diverso che cambia in base all’ingrediente da cui deriva.

Il latte vegetale più consumato, specie per i dolci, è quello di mandorla. Simile per intensità è poi il latte di cocco e il latte di nocciola. Il latte di riso, invece, è molto più leggero ed abbastanza dolce. Sul piano nutrizionale va segnalato un apporto calorico maggiore nei tipi di latte vegetale rispetto a quello classico.

Il latte vegetale abbondano comunque di principi nutritivi, come la vitamina C e i grassi benefici. Per quanto concerne la ricotta, invece, l’unica soluzione consiste nell’utilizzare quella delattosata, che è ugualmente buona e leggera.

Quale burro utilizzare per il pudding alla ricotta e limone?

Anche il burro è parte integrante di questo pudding alla ricotta e limone. Nello specifico, viene lavorato insieme allo zucchero e poi impreziosito dagli altri ingredienti. Solo all’ultimo il burro viene integrato con il succo di limone e con gli albumi montati a neve.

Rosa non indica quale burro utilizzare, di conseguenza potete scegliere liberamente tra il burro classico e il burro chiarificato. La differenza principale riguarda le caseine, che non sono presenti nel burro chiarificato. Di conseguenza, il burro classico è molto più saporito e in grado di coprire gli altri ingredienti, a differenza del burro chiarificato. Quindi tenete bene a mente questo aspetto, e chiedetevi se sia il caso che il pudding sappia di burro.

Il burro chiarificato, invece, può fungere anche da burro di cottura, visto che l’assenza di caseine non produce sentori di bruciato. Di contro, il burro chiarificato è molto calorico, e da questo punto di vista si avvicina agli olii vegetali.

Uno sciroppo semplice ma d’impatto

Tra i punti di forza di questo pudding alla ricotta e limone spicca lo sciroppo, che viene impiegato per bagnare l’impasto. Prepararlo è molto semplice, basta inserire tutti gli ingredienti in una pentola, portare a ebollizione e cuocere per 5 minuti. Ovviamente, prima di utilizzare lo sciroppo è necessario farlo raffreddare.

Lo sciroppo è molto aromatico in quanto preparato non solo con lo zucchero e l’acqua, ma anche con il succo di limone, le bucce di limone e il timo. Il primo garantisce un gradevole sentore aspro, il secondo una nota amarognola, mentre il timo dona un sapore decisamente aromatico.

Lo sciroppo va applicato a pudding già pronto. Per la precisione, viene cotto negli stampi di ceramica ben imburrati per circa 25 minuti a 180 gradi. Mi raccomando, il forno deve essere già caldo.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Rosa D’anna

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...