Hamburger, un sandwich apprezzato e famoso

hamburger
Commenti: 0 - Stampa

L’ hamburger è un sandwich apprezzato e famoso in tutto il mondo, che ci è pervenuto dalla città di Amburgo (in tedesco « hamburgers » è il nome dei suoi abitanti), in Germania.

E’ un sandwich composto all’origine solo di pane, polpetta di carne macinata bovina (cotta evidentemente!), insalata, pomodori e salsa.

La ricetta dell’hamburger arrivo’ negli Stati Uniti probabilmente grazie a marinai tedeschi che immigrarono nel XIX esimo secolo. Il panino, costando poco ed essendo ricco di calorie, si serviva durante le traversate sull’Atlantico, dove spesso i viaggiatori poveri, tentando la strada verso una vita migliore, avevano patito la fame.

Oggi, l’hamburger è un prodotto fondamentale di certe famosissime multinazionali statunitense come McDonald (una delle più importanti), ed europee di ristorazione veloce (ovvero i fast food).

Hamburger,  una parola conosciuta in tutto il mondo

L’hamburger è ormai anche simbolo della mondializzazione e della connivenza esistente tra diversi stili di vita ispirati dalla cultura occidentale, presente in numerosi paesi…

Quelli che lo denigrano considerano l’hamburger come un alimento appartenente alla categoria « junk-food », il cibo spazzatura… bisogna sottolineare che rispetto all’antica ricetta tedesca che combinava tanti alimenti ed era nutriente, gli hamburgers preparati nei fast-food hanno molti zuccheri in più e contengono numerose vitamine non necessarie che ci raggiungono lipidi in più ! Un hamburger solo « costa » 500 calorie !!

Hamburger e peperoni

Il recordman del mondo di mangiatore di hamburger (un giapponese di 26 anni e pesando 60 chili) è riuscito ad ingoiare in tutto 69 hamburgers in una sola volta !! E se fate un giro in Pennsylvania (Usa), potrete ordinare i più grossi hamburgers mai esistiti, pesando 6,75 chili l’uno !

  • Puoi utilizzare quasi qualsiasi tipo di carne macinata per fare gli hamburger, compreso la carne di maiale, pollo, tacchino, agnello, bufalo, daino o simili struzzo, o simili, o anche con del sostituto di carne.
  • Se le polpetta si apre, può essere utile per farlo restare unito aggiungere un uovo. Comprare della carne trita stesa può essere utile per risolvere questo problema.
  • Vi è la possibilità di provare diverse varianti, ad esempio poi provare a mettere del formaggio al centro della polpetta prima di cuocerla.
  • Tra le spezie che bene si adattano gli hamburger ci sono il pepe nero, il chili (sia fresco che in polvere), la salsa di Worcestershire e la salsa di soia. Puoi provare a trovare delle buone combinazioni.
  • Quasi tutte le erbe aromatiche possono andare bene, compreso il basilico, l’origano e il prezzemolo.
  • Le polpette possono anche essere affumicate sula griglia. Le polpette affumicate appariranno all’esterno rosse e laccate, ma marroni all’interno. Affumicare la polpetta prima di grigliarla è un ottimo metodo per sigillare i succhi gustosi.

Con cosa li possiamo abbinare gli hamburger?

Si accompagnano bene con patate fritte, purea di patate, spinaci, fagiolini al burro, insalata di patate e prezzemolo tritato. Servono anche per farcire, con foglie di lattuga e fette di pomodoro crudo, panini «giganti » e per gli intolleranti al glutine o i celiaci devono usare il pane consentito. Volendo potrete mettere al centro di ogni hamburger un cucchiaio di salsa ketchup, e unire alla carne macinata un cucchiaio di cipolla tritata finemente, o pepe appena macinato, o un cucchiaio di senape.

Ovviamente in base alla propria intolleranza fate i giusti abbinamenti. Per gli intolleranti e allergici al nichel ci sono delle padelle o delle  piastre in ghisa perfette per questo scopo!

Ingredienti per 4 persone

  • 550 gr di polpa di vitello macinata
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Ponete la carne in una terrina e spolverizzatela di sale e pepe. Amalgamate bene, mescolando con un cucchiaio di legno. Suddividete l’impasto in quattro porzioni, alle quali darete la forma di medaglioni del diametro di circa dieci centimetri.

Meglio se potete adoperare gli appositi anelli, dentro ai quali comprimerete la carne, ottenendo degli hamburgers di forma regolare. Questi anelli si vendono nei negozi di casalinghi e offrono anche una speciale piccola pressa per modellare e comprimere la carne

Ungete gli hamburgers con un leggero filo d’olio da entrambe le parti.

Fateli cuocere sulla piastra rovente per tre minuti per parte, o più, a seconda dei gusti. Serviteli caldissimi, su piatti precedentemente riscaldati.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-06-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti