Hamburger impanati, un antipasto creativo

Piccole delizie che cambieranno in meglio i vostri pranzi o cene

Hamburger impanati, un antipasto creativo. L’antipasto è fondamentale per la buona riuscita di una cena. Se siete alla ricerca di una soluzione creativa oggi voglio proporvene una che vi lascerà stupiti, dal momento che si tratta di un guizzo a dir poco originale. Oggi vi parlo degli hamburger impanati, un antipasto che renderà le vostre cene indimenticabili!

Quando si decide di portare in tavola un hamburger è fondamentale non trascurare il processo di scelta della carne. C’è chi opta direttamente per l’acquisto della trita dal macellaio e per la preparazione dell’hamburger a casa. Per quale motivo? Per il semplice fatto che, in molti casi, gli hamburger che si acquistano nella grande distribuzione sono troppo asciutti.

Si tratta chiaramente di una scelta personale che, nel caso dell’acquisto della carne trita dal macellaio, vede come consiglio migliore quello di prediligere un taglio anteriore. In caso di carni particolarmente magre, come per esempio quella del vitello, esiste un trucco speciale. Di cosa si tratta? Dell’aggiunta di una noce di pane lasciato ammollare in acqua. Provate e vi assicuro che l’effetto finale sarà da leccarsi i baffi!

Hamburger impanati? Attenzione alla cottura!

Scegliere di acquistare la trita dal macellaio e di preparare l’hamburger personalmente può essere una soluzione molto valida per risparmiare e per divertirsi in cucina, ma è bene fare attenzione ad alcuni aspetti, in primo luogo alle modalità e ai tempi di cottura.

Non si può certo mettere in secondo piano il fatto che carni diverse debbano essere trattate in maniera differente, motivo per cui mi preme ricordare che, se è possibile tenere il manzo rosato all’interno, con maiale e pollo è necessario procedere con una cottura profonda, questo per questioni fondamentali di sicurezza alimentare.

Come dimenticare il momento creativo per eccellenza nella preparazione dell’hamburger, ossia la scelta delle spezie per insaporire la carne? In questo caso ci si può davvero sbizzarrire e passare dall’aneto al finocchietto e, in alcuni casi, osare la menta.

Dai che con questi piccoli hamburger impanati stupirete i vostri ospiti e appagherete sia dal punto di vista estetico, sia per quanto riguarda il palato! Cosa aspettate? Correte subito a prepararli per vedere fino a che punto la creatività tra i fornelli può aiutare a dare vita a delle piccole meraviglie, perfette anche per chi soffre d’intolleranza al lattosio e al glutine.

Ed ecco la ricetta deli Hamburger impanati

Ingredienti per 4 persone

  • 8 piccoli hamburger
  • 1 uovo
  • 1 rametto timo
  • q.b. pangrattato senza glutine (gallette di quinoa polverizzate)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale
  • Preparazione

Preriscaldate il forno a 230 gradi. In una ciotola sbattete l’uovo con il sale. Lavate e tritate il timo. Mischiate il pangrattato al timo.  Impanate gli hamburger passandoli nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato.

Ripassateli nell’uovo, poi nel pangrattato. Adagiateli su di una teglia ricoperta da carta forno e infornate per 15 minuti prima di girarli dall’altro altro.

Se non siete intolleranti al nichel potete anche farli friggere in abbondante olio caldissimo. Se prendete questa strada una volta pronta fateli scolare su carta da cucina, poi servite in tavola.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *