Ricetta della Torta salata con puntarelle

Torta salata con puntarelle
Commenti: 0 - Stampa

Torta salata con puntarelle da leccarsi i baffi.Volete preparare una torta semplice e gustosa che può costituire un piatto unico? Oggi vi propongo una soluzione che fa proprio a caso vostro: la torta salata con puntarelle, ricotta e acciughe.

Vi assicuro che farete anche una bella figura senza preoccuparvi troppo di stare delle ore in cucina. Io le trovo meravigliose, e un giorno per un pranzo a casa di amici, il mio compito era di portare qualcosa di sfizioso che andasse bene a piccole porzioni come aperitivo oppure merenda a metà pomeriggio.

In seguito, a casa, la torta salata con puntarelle, ricotta e acciughe è diventata un piatto unico da leccarsi i baffi ! E mi invento sempre nuovi ingredienti e nuovi abbinamenti.

Esploriamo le proprietà delle puntarelle

Questa torta salata con puntarelle, ricotta e acciughe non è solo un ottimo piatto unico per celiaci, ma anche un toccasana per la salute! A ricordarcelo ci pensano le proprietà delle puntarelle. Questi ortaggi sono caratterizzati da un’importante quantità d’acqua. Questo li rende ipocalorici e ottimi per chi segue una dieta dimagrante. Da ricordare è anche il notevole contenuto di calcio. Tale caratteristica rende l’assunzione delle puntarelle congeniale per mantenere la salute delle ossa.

Grazie al loro sapore amaro, si possono definire come delle ottime alleate dell’efficienza digestiva. Come non ricordare poi la presenza di vitamina A e B, ottimi antiossidanti? No n c’è che dire: uno degli ingredienti principali di questa torta salata è un vero alleato del benessere.

Torta salata con puntarelle

Gli straordinari benefici delle acciughe

La torta salata con puntarelle, ricotta e acciughe ha un altro ingrediente che la rende speciale. Di cosa si tratta? Delle acciughe appunto. Elencare tutti i benefici vorrebbe dire scrivere pagine e pagine. Io mi limito a ricordare un aspetto importante come l’assenza di carboidrati, il che le rende ottime in caso di dieta dimagrante, e la presenza di una buona quantità di proteine e di amminoacidi.

Caratterizzate dalla presenza di grassi omega 3, le acciughe sono contraddistinte da proprietà benefiche importantissime relative alla salute del cuore e al benessere dell’apparato cardiovascolare in generale.

Ricchissime di selenio, fanno la differenza per quanto riguarda la funzionalità della tiroide! Si tratta davvero di un super alimento, che rende questa torta salata non solo una soluzione perfetta per i celiaci, ma anche un piatto unico speciale in tutti i sensi!

Dopotutto le torte salate sono così: semplici da preparare, permettono di dare spazio al proprio talento culinario, di abbracciare la sana abitudine del riuso e di soddisfare anche i palati più ostinati oltre che le esigenze dei celiaci, che hanno tutte le possibilità di mangiare bene anche dopo la diagnosi.

Ed ecco la ricetta della Torta salata con puntarelle

Ingredienti per 6 persone

  • 2 rotoli di pasta briseè consentita
  • 400 g di puntarelle
  • 100 g di ricotta consentita
  • 75 g di parmigiano reggiano  grattugiato 48 mesi
  • 100 g di acciughe fresche
  • 30 g di burro chiarificato
  • q.b. olio  extravergine d’oliva
  • q.b. timo tritato
  • 1/2 bicchiere di latte intero consentito
  • un gambo di sedano
  • una carota
  • uno scalogno
  • uno spicchio di aglio
  • 4 uova
  • la mollica di 1 panino consentito
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Preparate farcitura: Mondate e tritate la costa di sedano, la carota e mezzo scalogno. Lavate accuratamente le puntarelle, scolate le e tagliatele a listarelle. Pelate e tritate lo spicchio di aglio.

In un tegame fate scaldare l’olio e fatevi appassire il trito di sedano, carota e cipolla. Aggiungete le puntarelle e mescolate. Mettete il coperchio e lasciate cuocere per quindici minuti, poi aggiungete la metà dell’aglio e un cucchiaio di timo tritato. Mescolate e fate addensare il liquido di cottura.

Togliete il tegame dal fuoco e incorporate la metà del parmigiano, la ricotta e un uovo. Bagnate la mollica d pane nel latte, poi scolatela e strizzatela.

Pulite e tritate 4 acciughe. Tritate lo scalogno rimanente e unitela all’aglio tenuto da parte. In una ciotola sbattete un uovo ( e amalgamatevi la mollica di pane; aggiungete le acciughe, il trito di scalogno e aglio, il burro, il parmigiano e il timo rimanenti. Salate, pepate e mescolate.

In un piatto fondo rompete e sbattete un altro uovo. Pulite e diliscate il resto delle acciughe, lavatele, asciugatele con carta assorbente e passatele nell’uovo sbattuto.

Srotolate i due dischi. Ungete una teglia con un cucchiaio di olio e foderatene il fondo e le pareti con il primo disco, facendolo sbordare. Versate all’interno il composto e livellate la superficie. Disponetevi sopra uno strato di acciughe.

Chiudete la torta con il secondo disco di pasta e ripiegate i bordi premendoli con le dita. Rompete e sbattete l’uovo rimanente con un po’ di acqua fredda e spennellate la superficie della torta. Infornatela e lasciatela cuocere per venticinque minuti, fino a quando la superficie diventa dorata e croccante. Servite la calda, tiepida o fredda.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un...

Pizza tricolore

Pizza tricolore con Exquisa, ottima per il 2...

Pizza tricolore con Exquisa, gusto e colore per uno snack gustoso La pizza tricolore con Exquisa è una suggestiva idea per festeggiare il 2 giugno all’insegna del gusto. In quel giorno si celebra...

Pizza con patate e lardo

Pizza con patate e lardo, una variante grassa...

Pizza con patate, lardo e miele, un’eccezione alla regola La pizza con patate, lardo e miele non è certamente il più dietetico degli snack. D’altronde, ben poche pietanze possono considerarsi...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-12-2009
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti