bg header
logo_print

Vanillekipferl, i biscotti da tè della tradizione tedesca

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Vanillekipferl
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Ricette dal mondo
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Vanillekipferl, dei biscotti deliziosi alle mandorle

Oggi vi presento i vanillekipferl, i biscotti della pasticceria tedesca e austriaca. Si presentano come delle eleganti paste frolle a forma di mezzaluna dalla grandezza di pochi centimetri, cosparsi di abbondante zucchero a velo. Il loro sapore è naturalmente dolce e sa di mandorle, infatti vengono realizzati con le mandorle tritate o con la loro farina.

La ricetta è molto semplice in quanto consiste nel mescolare tutti gli ingredienti, ottenere un impasto uniforme e farlo riposare in frigo. Infine si stendono e si ricavano delle mezzelune. Per farlo potete usare una formina, oppure procedete manualmente se volete donare ai biscotti un carattere rustico e artigianale. La cottura non riserva sorprese, in quanto avviene al forno per un quarto d’ora circa ad una temperatura di 180 gradi.

Ricetta vanillekipferl

Preparazione vanillekipferl

  • Per preparare i vanillekipferl iniziate dall’impasto. In una ciotola riunite la farina di mandorle, il burro, la farina di riso, lo zucchero e i semi di vaniglia.
  • Poi mescolate e formate un impasto. Infine, copritelo con la pellicola alimentare e lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti. Intanto riscaldate il forno a 180 gradi.
  • Stendete l’impasto su una superficie infarinata fino a raggiungere uno spessore di circa 3 mm.
  • Poi tagliate l’impasto a forma di mezzaluna, adagiate le mezzelune su una teglia rivestita di carta forno e cuocete per 12-15 minuti.
  • Infine, lasciate raffreddare i biscotti e guarniteli con lo zucchero a velo.

Ingredienti vanillekipferl

  • 100 gr. di farina di mandorle
  • 200 gr. di burro senza lattosio a temperatura ambiente
  • 250 gr. di farina di riso senza glutine
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • mezza bacca di vaniglia
  • q. b. di zucchero a velo per spolverare

Quali sono le origini dei biscotti vanillekipferl

Le origini dei vanillekipferl sono in parte sconosciute. Si pensa però che siano stati inventati nella bassa Germania intorno al XVII secolo. Da lì si sono diffusi in tutte le aree di influenza austriaca a tedesca, quindi in Ungheria, Repubblica Ceca e Alto Adige.

La variante che vi presento qui rispetta la tradizione ma garantisce piena compatibilità con le esigenze dei celiaci. Al posto della farina normale, infatti, trovate la farina di mandorle e la farina di riso, che sono naturalmente senza glutine. La presenza della farina di riso non deve stupire, infatti è una delle alternative più frequentemente scelte dai celiaci.

La ricetta è compatibile anche con gli intolleranti al lattosio, infatti non contiene latte e suggerisce l’impiego di un burro a basso o nullo contenuto di lattosio.

Burro e vaniglia, un abbinamento ricorrente in cucina

L’impasto dei vanillekipferl vede come protagonisti anche il burro e la vaniglia. Il burro ammorbidisce il sapore e garantisce stabilità, mentre la vaniglia aromatizza i biscotti e li dolcifica leggermente.

Potete scegliere liberamente il tipo di burro che preferite, tuttavia vi consiglio il burro chiarificato in quanto propone un sapore molto più delicato, che non copre gli altri ingredienti. Invece, utilizzate pure il burro standard se desiderate che il suo sapore emerga in maniera significativa.

Per quanto concerne la vaniglia andrebbero utilizzate le bacche, o per meglio dire i loro semi. In questo modo si garantisce anche un elemento di discontinuità a livello di texture, tuttavia potete utilizzare anche un estratto, e il risultato sarà ugualmente perfetto.

Vanillekipferl

Per quel che riguarda gli altri ingredienti troviamo lo zucchero a velo e lo zucchero semolato. Lo zucchero a velo serve a guarnire, vista la capacità di stendere un soffice manto bianco sui biscotti, mentre lo zucchero semolato serve a dolcificare, insieme alla farina di mandorle e alla vaniglia.

Le varianti dei vanillekipferl

I vanillekimpferl sono dei biscotti eleganti, che danno bella mostra di sé con la loro forma a mezzaluna. Tuttavia, sono anche popolari e preparati spesso in ambiente domestico, proprio per questo nel corso degli anni sono emerse alcune varianti. Per esempio, in una delle varianti è previsto l’impiego delle nocciole, che garantiscono un sapore forse meno aromatico ma decisamente più intenso. Alcune varianti abbondando invece con le spezie, integrando nell’impasto un po’ di cannella a supporto della vaniglia.

Rispetto alla versione originale quella che vi presento oggi si differenzia per la presenza della farina 00 e per le mandorle tritate. Il sapore rispetto alla ricetta originale è molto simile, quindi potete procedere in entrambi i modi se non avete esigenze particolari.

Come accompagnare questi ottimi biscotti

La ricetta dei vanillekipferl è davvero unica in quanto permette di ottenere dei biscotti deliziosi, dolci e dall’aspetto singolare. Alla luce di ciò sono perfetti come biscotti da tè, da servire a merenda o durante le visite di amici e parenti. Inoltre, possono essere accompagnati anche al caffè o alla cioccolata calda, proprio come tutti i biscotti della medesima categoria.

Infine, possono essere accompagnati anche da superalcolici, quindi potete servirli con un liquore cremoso. Per qualcosa di più moderato optate invece per lo spumante o per un vino bianco frizzante.

I vanillekipferl sono la dimostrazione di come anche la cucina tedesca sia capace di offrire dei buoni prodotti da forno, da alternare agli ottimi biscotti e frolle che vanta la cucina italiana.

FAQ sui vanillekipferl

Cosa sono i vanillekipferl?

I vanillekipferl sono biscotti realizzati con le mandorle (o con la farina di mandorle), con la vaniglia e con il burro. Hanno la stessa consistenza della pasta frolla.

Dove nascono i vanillekipferl?

I vanillekipferl nascono nella bassa Germania, ma sono ormai diffusi in tutte le zone germanofone, in Alto Adige, nella Repubblica Ceca e in Ungheria.

Cosa bere con i vanillekipferl?

I vanillekipferl sono perfetti con il caffè, con la cioccolata calda e con il tè. Possono essere accompagnati anche da alcolici, come liquori cremosi o spumanti.

Ricette di biscotti ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...