Scopriamo le migliori ricette di biscotti per intolleranti

biscotti per intolleranti
Commenti: 0 - Stampa

Il lattosio e il glutine sono un problema? Ecco i biscotti per intolleranti!

Come ben sapete, al giorno d’oggi le persone che soffrono di intolleranze alimentari sono tantissime, per non parlare dei celiaci in costante aumento. Proprio per questo, oggi ho deciso di affrontare l’argomento, parlando nello specifico dei biscotti per intolleranti. Il piacere di portare questi dolci snack sulla tavola, sia per la colazione che per la merenda o l’ora del tè, non si dovrebbe togliere a nessuno… neanche a coloro che hanno bisogno di stare alla larga dal glutine e/o dal lattosio!

Fortunatamente, siamo arrivati al punto in cui la richiesta di questi prodotti alimentari free-from è così elevata che l’offerta è sostanzialmente aumentata e tende crescere ancora. Infatti, se fino a poco tempo fa c’erano solamente pochi tipi di biscotti per intolleranti, attualmente c’è l’imbarazzo della scelta: senza latte, senza burro, senza glutine e, in alcuni casi, ci sono persino biscotti preparati senza uova. Trionfano la semplicità, il biologico, l’integrale e le etichette più pulite…Tutto bene direi, ma se volessimo prepararli in casa?

Biscotti privi di glutine e/o lattosio… li prepariamo così!

Preparare i biscotti fatti in casa non è una cosa da tutti i giorni. Tuttavia, se vogliamo farlo, possiamo farlo nel modo giusto, puntando su leggerezza, digeribilità e genuinità. Possiamo scegliere ingredienti di qualità e perfetti per preparare dei biscotti per intolleranti e, in particolare, possiamo prediligere innanzitutto diversi tipi di farine o anche mix di farine gluten-free, che possono decisamente fare la differenza e fornirci tanta bontà e un sostanzioso nutrimento. Qualche esempio?

biscotti con mirtilli disidratati

Sicuramente, tra le più adatte alla preparazione dei dolci troviamo quella di riso, quella di miglio e quella di castagne, senza dimenticare la farina di quinoa e la farina di soia… Ma ce ne sono davvero tantissime e questo ci permette decisamente di sbizzarrirci in cucina. Per quanto riguarda il lattosio, possiamo eliminarlo dalle nostre colazioni portando in tavola dei biscotti per intolleranti preparati con bevande alla soia, al riso, al cocco o alle mandorle, al posto del latte vaccino. Anche in questo caso, le alternative sono numerose!

Alcune interessanti ricette per preparare dei gustosi biscotti per intollerantI

Potendo contare anche su latte di mucca senza lattosio, proposti da varie marche, e sul burro chiarificato (privo di lattosio e caseina), abbiamo la possibilità di portare in tavola tantissimi tipi di biscotti per intolleranti… davvero per tutti i gusti! Avete voglia di provare qualche ricetta e di mettervi all’opera?

Questa lista è solo una parte delle ricette che troverete su NonnaPaperina.it! Insomma, con gli ingredienti giusti e con alimenti di qualità, possiamo assaporare dei biscotti per intolleranti fatti in casa ogni volta che vogliamo, puntando ogni volta su un sapore diverso e su un nutrimento unico!

Gelatina di melone, prosciutto croccante e biscotti al fonio

Quando organizzo una cena, penso per prima cosa alla qualità degli ingredienti. Anche oggi non faccio diversamente e vi propongo una ricetta sana con tanto gusto: la gelatina di melone, prosciutto crudo croccante e biscotti di fonio. Potrete servire questo piatto originale come finger food da condividere con i vostri amici e/o familiari durante un’occasione speciale. Si tratta di simpatici bicchierini riempiti con della fresca gelatina di melone, guarniti poi a dovere con del croccante prosciutto crudo, una piccola manciata di edamame e i biscotti realizzati con la farina di fonio, naturalmente senza glutine.

Il fonio, tutta l’autenticità e la tradizione del sapore di una volta!

Tra gli ingredienti protagonisti della gelatina di melone, prosciutto croccante e biscotti di fonio, vi è appunto il fonio. Per molti di voi sarà ancora un alimento poco conosciuto, ma vi assicuro che, una volta che lo utilizzerete, poi, non potrete più farne a meno!

Per prima cosa, il fonio è senza glutine, quindi è un valido alleato di tutti coloro che soffrono di celiachia o intolleranze alimentari. In secondo luogo, è ricco di fibre e proteine, ma anche di sali minerali come zinco, magnesio e calcio. Un’altra curiosità da considerare dal punto di vista ambientale e umanitario: alcune ricerche stanno dimostrando che estendere le coltivazioni di fonio in Africa (paese di cui è originario) potrebbe fare la differenza per le popolazioni colpite da siccità e carestie. Tutto grazie ad alcune caratteristiche, come il fatto che i suoi grani hanno bisogno di pochissima acqua per crescere e il lungo sistema di radici contrasta l’erosione del suolo.

 Il latte di miglio, per intolleranti al lattosio e al glutine

Il latte di miglio è sicuramente un’altra buona opzione rispetto al latte vaccino. Non si trova facilmente perché è una di quelle bevande vegetali un po’ di nicchia, difficilmente commercializzate dalla grande distribuzione. Niente panico, però, se volete provare questo valido sostituto vegetale al latte vaccino, basterà richiederlo nei negozi specializzati di prodotti biologici. Per chi non lo conoscesse a sufficienza, il miglio è una pianta erbacea annuale (della famiglia delle graminacee) coltivata e prodotta soprattutto in alcuni paesi quali Cina, India e Nigeria. È qui che il miglio trova delle buone condizioni per la coltivazione, non richiede, infatti, grosse quantità di acqua e ha bisogno di un clima più caldo rispetto alla media dei cereali. Da noi, in Europa, invece, le coltivazioni di miglio sono piuttosto rare. È considerato, infatti, un cereale minore che nei paesi industrializzati ha perso importanza economica: pensate che l’unico utilizzo che ne viene fatto è come mangime per uccelli. Ho scelto di inserirlo tra gli ingredienti della gelatina di melone, prosciutto croccante e biscotti di fonio, perché il miglio vanta numerose qualità nutritive e, caratteristica fondamentale per un cereale, non contiene glutine. Via libera, quindi, al latte di miglio non solo per gli intolleranti al lattosio, ma anche per gli intolleranti al glutine e i celiaci. Gli intolleranti al nichel, invece, devono berlo con moderazione e nei giorni liberi della dieta a rotazione.

 Ed ecco la ricetta della gelatina di melone, prosciutto croccante e biscotti di fonio

 Ingredienti:

  • 600 gr di melone
  • 20 gr di zucchero semolato
  • 15 gr di colla di pesce
  • 100 gr di prosciutto crudo
  • 80 gr di edamame

Per i biscotti:

  • 205 gr di farina di Fonio 
  • 100 gr di farina di nocciole
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 80 gr di latte di miglio a temperatura ambiente
  • 45 gr di olio di cocco
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • un pizzico di bicarbonato

Preparazione

In una ciotola capiente mescolate la farina di fonio e quella di nocciole, lo zucchero e un pizzico di bicarbonato.Aggiungete l’uovo, l’olio di cocco e mescolate.

Versate gradualmente il latte e impastate con le mani per qualche minuto. Coprite la ciotola e mettetela in frigo a riposare per una mezz’ora circa.

Trascorso il tempo di riposo prelevate dell’impasto, lavoratelo con le mani e formate i biscottini, schiacciateli e disponeteli su una teglia foderata con carta forno. Con il manico di un cucchiaio di legno formate una piccola conca dentro i biscotti e riempiteli con la confettura (poca altrimenti in fase di cottura quest’ultima fuoriuscirà).

Infornate a 180° C per circa 15 minuti.Parallelamente, frullate al mixer il melone con lo zucchero, unite la colla di pesce precedentemente ammorbidita in acqua e sciolta.

Versate la purea di melone nei bicchierini e lasciate rapprendere in frigorifero.

Tagliate il prosciutto crudo a cubetti, fatelo rosolare in padella senza condimento e scolate su carta assorbente.

Completate i bicchierini con il prosciutto croccante, gli edamame e servite con i biscotti salati.

Buon appetito!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Veggie burger

Veggie burger: idee e consigli per ottimi panini...

Veggie burger: idee e consigli per preparare degli ottimi panini vegani gourmet Negli ultimi anni i Veggie burger sono di grande tendenza, non solo tra vegetariani e vegani che per scelta non...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

energy drink

Un energy drink con aloe vera per la...

FAB, non il classico energy drink Il FAB è un energy drink molto particolare, infatti, la lista degli ingredienti che lo compone è stata pensata per offrire un concreto aiuto in caso di stanchezza...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti