Mantecados alle mandorle, deliziosi dolcetti spagnoli

Mantecados alle mandorle
Commenti: 0 - Stampa

Mantecados alle mandorle, tra tradizione e sperimentazione

I mantecados alle mandorle sono tra i dolci più famosi della Spagna. Secondi solo ai leggendari churros, spiccano per la ricchezza degli ingredienti e per la facilità di preparazione. Di base, sono realizzati con lo strutto, la farina di grano e il burro tradizionale. Il protagonista è la mandorla, che dona corpo all’impasto e lo caratterizza con il suo inconfondibile sapore. La variante che vi propongo oggi, però, è un po’ diversa. Sia chiaro, rispetta al 100% lo spirito della ricetta originaria, ma si distingue per la presenza di determinati ingredienti. In primo luogo, la farina doppio zero è sostituita dalla farina di cocco e da quella di mandorle. Ciò fa di questi mantecados dei biscottini assolutamente gluten-free. Secondariamente, il burro tradizionale è sostituito dal burro di arachidi e dal burro di mandorle, rendendo questi biscotti “vegan”.

Lo zucchero, poi, è sostituito dal miele e dallo xilitolo. Siamo di fronte, quindi, a una variante più accessibile e addirittura più salutare. Di certo, è una variante in cui le mandorle giocano un ruolo ancora più da protagonista, dal momento che intervengono anche sottoforma di farina. Il procedimento è comunque lo stesso dei mantecados originali, infatti gli ingredienti dell’impasto vengono riscaldati insieme al burro e trasformati in un composto pastoso. Il composto, poi, viene brevemente cotto al forno (dopo un periodo in frigo), non prima di aver ricreato la forma di deliziosi biscottini. Specifico, infine, che per la ricetta ho tratto ispirazione dal sito Mamalotties.com.

Tutti i pregi della farina di mandorle

La farina di mandorle, insieme a quella di cocco, è un po’ l’anima di questi mantecados alle mandorle. Il suo pregio più importante è l’assenza di glutine, che la rende compatibile con le necessità degli intolleranti a questa sostanza e dei celiaci. La farina, inoltre, contiene la stragrande maggioranza delle caratteristiche dell’alimento fresco che, è bene ricordarlo, fa parte della categoria “frutta secca”. Dunque è ricca di grassi “buoni”, che giovano all’organismo. Il riferimento è agli acidi grassi omege tre, un vero toccasana per l’apparato cardiovascolare, ma anche per la funzione visiva e cognitiva.

Mantecados alle mandorle

Le mandorle, e di conseguenza anche la loro farina, sono ricche di vitamine, e in particolar modo di vitamina E. Essa agisce in funzione antiossidante, contrastando gli effetti dei radicali liberi e contribuendo alla prevenzione del cancro. Discorso simile per i sali minerali, e in particolare per il fosforo e il magnesio. Per quanto concerne l’apporto calorico, nonostante il riferimento ai grassi, non si discosta molto dalle altre farine. Il sapore, infine, è più delicato e si fa sentire senza coprire gli altri.

Come fare il burro di mandorle per i nostri mantecados?

Una delle caratteristiche principali di questi mantecados alle mandorle è la natura vegan. Essa è testimoniata dall’assenza dello strutto e del burro tradizionale, che caratterizza invece la ricetta tradizionale. Questi ingredienti sono sostituiti dal burro di arachidi e dal burro di mandorle. Su quello di arachidi non c’è molto da dire, dal momento che è diffuso e consumato anche in Italia. Il burro di mandorle, però, merita più spazio. E’ ricco di omega tre, dovuti alla presenza delle mandorle intere, che mantengono i loro nutrienti nell’intero processo di trasformazione.

Processo che non è poi così complicato, infatti il burro di mandorla può essere fatto anche in casa. A tal proposito vi consiglio di dare un’occhiata alla ricetta del burro di mandorle che ho pubblicato su Nonnapaperina.it. E’ veramente semplice, e richiede un solo ingrediente: le mandorle. Si tratta di essiccarle a 50 gradi e di frullarle fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Il risultato è eccellente in termini di gusto e di applicazioni in cucina.

Ecco la ricetta dei mantecados alle mandorle:

Ingredienti:

  • 100 gr. di olio di cocco,
  • 200 gr. di burro di arachidi liscio naturale,
  • 50 gr. di burro di mandorle naturale,
  • 12 cucchiai di arachidi in polvere,
  • 8-10 cucchiai di farina di cocco,
  • 1 cucchiaino di estratto di burro (o vaniglia),
  • 1/2 tazza di xilitolo,
  • 4 cucchiai di miele o agave,
  • 3/4 di tazza di mandorle tritate.

Preparazione:

Per la preparazione delle mantecados alle mandorle iniziate preriscaldando il forno a 200 gradi. Poi mettete a riscaldare in una padella l’olio di cocco, il burro di arachidi e il burro di mandorle. Dopo che il burro si sarà sciolto, aggiungete gli altri ingredienti secondo l’ordine in cui appaiono nella lista. Quando si saranno amalgamati e trasformati in un composto pastoso, spegnete il fuoco. Trasferite il composto in una ciotola e conservate in frigo per circa 15 minuti.

Rivestite una teglia con la carta forno e adagiateci su delle palline create con l’impasto. Schiacciate con l’apposito strumento affinché assumano la forma di un biscotto (potete farlo anche con le mani). Cuocete al forno per 10 minuti in modo che si dorino all’esterno e rimangano morbidi all’interno. Quando i biscotti sono cotti, conservateli in frigo per circa 15 minuti, in modo che si induriscano leggermente e perdano la loro naturale friabilità.

5/5 (416 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti