Insalata di patate e fagiolini con uova sode

Insalata di patate e fagiolini con uova sode
Commenti: 0 - Stampa

Insalata di patate e fagiolini con uova sode. Buoni e leggeri, i fagiolini sono davvero dei legumi piacevoli da mangiare. Ci stanno benissimo con patate e uova sode, per quello faccio spesso l’insalata così. Vediamo però prima da dove vengono, come sceglierli e conservarli.

I fagiolini e gli altri fagioli, come quelli rossi, bianchi e neri hanno tutti il nome scientifico Phaseolus vulgaris. Ci si riferisce a loro come “fagioli comuni”, probabilmente per il fatto che derivano tutti da un antenato comune originario del Perù. Da qui si sono diffusi in America del sud e centrale per mezzo delle tribù indiane.

In Europa hanno fatto la loro comparsa intorno al XVI secolo e di conseguenza in molte altre parti del mondo grazie a commercianti spagnoli e portoghesi. Oggi, i più grandi produttori di fagiolini freschi per la nostra insalata sono Argentina, Cina, Egitto, Francia, Indonesia, India, Iraq, Italia, Messico, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti.

I fagiolini sono conosciuti anche come cornetti

Se possibile, comprate i fagiolini per l’insalata in un negozio o al mercato che li vende sfusi così potete scegliere quelli migliori. Devono essere lisci e avere un colore verde vivo, e senza macchie marroni o ammaccature. Dovrebbero avere una consistenza solida e schioccare quando li rompete. Conservateli freschi senza lavarli in una busta di plastica in frigo, così durano circa sette giorni.

Volete congelarli o comprarli già surgelati per l’insalata? Potete farlo perché si prestano a queste temperature. Diversi studi hanno dimostrato infatti che i fagiolini sono in grado di trattenere gran parte delle sostanze nutritive per 3-6 mesi dopo il congelamento. Se non ne avete freschi tutto l’anno, acquistarli surgelati è un’opzione valida. Se invece volete congelarli voi, cuoceteli al vapore per 2-3 minuti. Toglieteli e lasciateli raffreddare prima di metterli in bustine freezer e conservarli. A me personalmente non piacciono quando li congelo io, trovo che perdano il gusto, mentre quelli surgelati del supermercato sono buoni.

Insalata di patate e fagiolini con uova sode e il pranzo è fatto!

Non dimenticatevi che più li lasciate in freezer, più perdono le sostanze nutritive, quindi forse 6 mesi sono troppi, meglio 3 per questo motivo, sia che li congeliate voi sia che li compriate già surgelati. In sostanza, prima li mangiate meglio è! Vi consiglio ora una ricetta da fare con i fagiolini, un’insalata nutriente e saporita che non annoia mai. Ci sono sia patate che uova, perciò potete mangiare solo questa a pranzo ad esempio, senza dover cucinare mille cose. Ideale se avete fretta o se volete riposarvi per una volta e fare una cosa semplice!

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr di patate
  • 250 gr di fagiolini
  • 2 uova
  • 1 spicchio d’aglio
  • erbe aromatiche a piacere
  • q.b. olio extra vergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Fate bollire le patate con la buccia per circa 35/40 minuti. Lavate e mondate i fagiolini e fateli bollire per circa 15 minuti. Scolate e fate raffreddare.

In un pentolino fate bollire due uova per 9 minuti. Lasciatele raffreddare e sgusciatele. Tagliatele a spicchi.

Sbucciate le patate e tagliatele a pezzetti. Tagliate i fagiolini a pezzetti. Sbucciate l’aglio e tagliatelo a fettine sottili. In una ciotola preparate una vinaigrette emulsionando il succo di limone, il sale, il pepe, le erbe aromatiche, unitevi l’olio e mescolate accuratamente con una frusta.

Riunite in un’insalatiera le patate, i fagiolini e condite con l’emulsione. Adagiatevi gli spicchi d’uova e servite.

5/5 (496 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli allo Skyr

Cetrioli allo Skyr, un’insalatona gustosa

Cetrioli allo Skyr, colore e gusto per un’insalata corposa I cetrioli allo Skyr sono un'insalata molto corposa, che si caratterizza per un sapore composito e per la presenza di molti alimenti...

Insalata di fiori ed erbe con Skyr

Insalata di fiori ed erbe con Skyr, un...

Insalata di fiori, un’idea davvero particolare L’insalata di fiori ed erbe con Skyr è un’idea particolare e solo a primo acchito bizzarra, per un contorno fuori dal comune che premia gusto e...

Insalata di spinaci

Insalata di spinaci, un contorno completo

Insalata di spinaci, una particolare selezione di ingredienti Oggi vi presento una particolare variante dell’insalata agli spinaci, una ricetta che si completa con un'emulsione squisita e...

Bowl con avocado e fiocchi di latte

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte,...

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte, una lista creativa di ingredienti La poke bowl con avocado, edamame e fiocchi di latte è un'insalata molto corposa, che spicca per l’abbondanza di colori...

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-06-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti