Eliche con fagiolini e olive taggiasche: Bontà italiana

eliche con fagiolini e olive taggiasche
Commenti: 2 - Stampa

Eliche con fagiolini e olive taggiasche: Bontà italiana

Fagiolini nella pasta?? si si : provali con le eliche e le olive taggiasche!. Piatto di punta della nostra alimentazione, la pasta si presenta puntualmente sulle tavole giornaliere di più di 10 milioni di italiani. Osannata ed imitata in tutti i modi all’estero, senza risultati apprezzabili, specie in America, la pasta nel nostro bel paese trionfa su riso, cous cous, ed altri piatti alternativi che si sono cautamente fatti spazio, senza reale successo, tra le nostre dispense.

Il suo gusto, la sua capacità saziante, il suo fascino intramontabile la rendono leader indiscussa nei supermercati presenti su tutto il territorio, alle sue classiche proprietà venendosi di recente ad aggiungere la capacità di dar vita a piatti appaganti a fronte di una spesa contenuta e sostenibile.

Potrà sembrare retorico, ma la pasta è pasta, e se ad essa andiamo ad aggiungere ingredienti salutari quali fagiolini ed olive taggiasche davvero possiamo dire di aver dato vita ad un piatto unico dalle caratteristiche nutrizionali davvero ammirevoli,

Fagiolini: il finto legume dalle proprietà sorprendenti

Diversamente da quello che molti sarebbero indotti a pensare, i fagiolini non appartengono alla famiglia dei legumi, non rappresentando essi il baccello dei fagioli. Ciò non toglie che essi siano all’altezza di questi ultimi.

A ben vedere i fagiolini, a parità di contenuto di grassi pari a zero e di carboidrati, assenti, garantiscono un apporto calorico nettamente inferiore rispetto a quello dei fagioli maturi ed in ogni caso irrisorio, se solo si pensi alle loro sole 18 kcal per 100 grammi di prodotto. A completare il quadro si aggiunge il prezioso apporto di sali minerali, in particolare potassio, indispensabili per mantenere l’equilibrio idrosalino del nostro organismo, nonché il modesto contenuto di ferro e fosforo.

Olive taggiasche: il non plus ultra dei frutti oleosi

Ci sono olive ed olive, lo sappiamo tutti. Olive dal sapore acre, intenso, altre dal retrogusto più dolce, ma è difficile per qualsiasi tipologia di oliva reggere il confronto con quelle taggiasche. Esse devono il loro nome al paese di Taggia, in provincia di Imperia, vicino a Sanremo e quello che le rende privilegiate è la loro raffinatezza chimica e quindi, per l’effetto, quella organolettica e gustativa. L’aroma ed il gusto delle olive taggiasche non trovano pari altrove, e questa caratteristica ne fa uno dei “frutti” più ricercati per la produzione di un olio che si rivela dolce e fruttato come nessun altro al mondo.

Pasta con fagiolini: prova le eliche con le olive taggiasche!

L’abbinamento con la pasta, che ne abbiamo fatto in questa ricetta, mistifica ancor più la bontà di queste olive raffinate, prezioso alleato per la salute del nostro cuore e delle nostre arterie.

Ingredienti per 4 persone

  • 350 gr fusilli integrali La Molisana oppure fusilli gluten free
  • 350 gr fagiolini
  • 20 olive taggiasche
  • 2 cipollotti
  • 2 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe
  • 1 pizzico timo

Preparazione

Mondate e lavate i fagiolini, spezzettateli e fateli cuocere per 10 minuti in abbondante acqua fredda salata.

Scolateli ancora leggermente al dente e ripassateli in un tegame antiaderente con i cipollotti affettati a velo soffritte in due cucchiai d’acqua.

Fateli insaporire regolate di sale e di pepe, spolverizzateli con il timo, aggiungete le olive e fateli cuocere per alcuni minuti.

In abbondante acqua salata cuocete la pasta, scolatela al dente e fatela saltare nella padella con i fagiolini per alcuni minuti. Servitela fumante!

5/5 (488 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Eliche con fagiolini e olive taggiasche: Bontà italiana

  • Lun 1 Ott 2018 | Virginia ha detto:

    Ho giusto nel frigo dei fagiolini già cotti da consumare, le olive taggiasche in casa mia non mancano mai… Oggi provo questa ricetta!!!
    Ps: il Paese si chiama Taggia!! ?
    Ciao ciao

    • Lun 1 Ott 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-04-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti