bg header
logo_print

Torta al miele e gelsomino, un dolce profumato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta al miele e gelsomino
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Torta al miele e gelsomino, una creativa combinazione di ingredienti

Oggi vi presento la torta al miele e gelsomino, un dolce speciale che vi permetterà di fare bella figura con parenti e amici. Sono tante le particolarità di questa torta, a partire dalla forma che replica l’eleganza delle Charlotte francesi, soprattutto se si pensa che a fungere da corona non sono i classici savoiardi ma delle fette di mela tagliate sottili.

Ma la vera particolarità della torta è il suo impasto, che viene realizzato con farina, burro, vaniglia, panna acida e una delicata miscela a base di tè al gelsomino. Il gelsomino compare anche in fase di guarnizione, ma sotto forma di leggero sciroppo. L’unico difetto della torta al miele e gelsomino, se così si può chiamare, riguarda il procedimento un po’ più complesso rispetto a quello delle altre preparazioni di pasticceria. Tuttavia, vi basterà seguire le indicazioni per ottenere un dolce perfetto!

Ricetta torta al miele e gelsomino

Preparazione torta al miele e gelsomino

Per preparare la torta al miele e gelsomino procedete in questo modo.

  • Grattugiate la scorza del limone e ricavate il succo dalla polpa.
  • In una ciotola trasferite un cucchiaio di foglie da tè, due cucchiai di acqua bollente, un cucchiaio di miele e la scorza grattugiata. Infine, date una rapida mescolata e attendete 5 minuti.
  • Intanto fate ammorbidire il burro ed emulsionatelo con 220 gr. di zucchero e con l’estratto di vaniglia, in modo da ottenere una bella spuma. Integrate la panna acida, la soluzione al tè e le uova (una per volta). Poi montate a velocità bassa integrando poco per volta la farina setacciata insieme al lievito, infine salate leggermente.
  • Ora ungete di burro uno stampo per charlotte e adagiate sul fondo un foglio di carta da forno ritagliato su misura. Poi copritelo con lo zucchero rimasto.
  • Ricavate dalla mela delle fette sottili e foderate le pareti dello stampo, sovrapponendo le mele per qualche centimetro. In questa fase utilizzate un po’ di burro come collante.
  • Versate l’impasto con delicatezza, facendo attenzione a non spostare le mele.
  • Infine, cuocete nel forno preriscaldato a 170 gradi per 80 minuti circa. Fate la prova dello stecchino per verificare la cottura e coprite la torta con un foglio di alluminio.
  • Terminata la cottura sfornate la torta e fatela riposare per 10 minuti, poi prelevatela dallo stampo e capovolgetela su una gratella.
  • Mescolate 75 ml. di acqua con il miele e con le foglie di tè rimaste, poi versate tutto in una pentola e fate bollire a fiamma media. Cuocete per altri 5 minuti a fiamma molto bassa per ottenere uno sciroppo. Incorporate il succo di limone, fate intiepidire e versate il tutto sulla torta ancora calda.

Ingredienti torta al miele e gelsomino

  • 2 mele
  • 260 gr. di farina 00
  • 5 gr. di lievito in polvere per dolci
  • 250 gr. di zucchero semolato
  • 3 uova
  • 180 ml. di panna acida consentita
  • 1 limone non trattato
  • 80 gr. di miele di acacia
  • 3 cucchiaini di foglie di tè al gelsomino
  • 1 cucchiaino di estratto vaniglia
  • 165 gr. di burro morbido più quello per lo stampo
  • un pizzico di sale.

Come preparare il tè al gelsomino?

Come abbiamo visto il tè al gelsomino ricopre un ruolo importante in questa torta al miele, in quanto viene impiegato nell’impasto. Nello specifico il tè viene preparato con soli due cucchiai di acqua bollente, da unire alla scorza di limone grattugiata e al miele. In questo modo si ottiene una sorta di soluzione concentrata in grado di fungere da elemento aromatizzante per la torta.

In genere i fiori lasciano molto a desiderare in quanto a sapore, poiché trasmettono note spesso troppo tenui. Tuttavia non è questo il caso, in quanto il gelsomino spicca per la sua intensità e per il gusto caratteristico. Ad alcuni ricorda la menta, mentre ad altri rileva note balsamiche. In ogni caso impatta in maniera determinante sul sapore della torta, dandole un tocco “floreale” e segnando una profonda discontinuità con gli altri dolci.

Quale miele utilizzare?

a prova di mieleSi fa presto a dire miele, infatti in commercio si trovano molte varietà, ciascuna delle quali presenta un sapore e una viscosità unici. Quale varietà utilizzare in questa torta al miele e gelsomino? In merito avete ampio margine di discrezione, tuttavia è bene non scegliere a caso ma ragionare sul rapporto tra il miele e gli altri ingredienti, in modo da avere un certo equilibrio con gli altri componenti della torta.

Se optate per una varietà leggera di miele, che possa dolcificare e impattare poco sul sapore, la soluzione migliore è data dal miele di acacia. Invece, se desiderate un tipo di miele più intenso, potete scegliere il celebre millefiori o il miele di ulmo. Prendete in considerazione anche le varietà più particolari ed esotiche, come il miele di eucalipto. Se volete saperne di più trovate online un interessante libro sul miele e sul ruolo che gioca in cucina.

Perché abbiamo usato la panna acida nella torta al miele e gelsomino?

La lista degli ingredienti della torta al miele e gelsomino comprende anche la panna acida, nota come creme fraiche. È un intingolo dal sapore particolare che ricorre spesso nella cucina francese. Come suggerisce il nome esprime sentori aciduli, che danno il meglio di sé tanto nelle ricette salate quanto in quelle dolci. La sua presenza rende l’impasto più complesso dal punto di vista organolettico e in qualche modo più vario, senza che questo comprometta la vocazione dolce della torta.

Torta al miele e gelsomino

Come preparare la panna acida? La procedura è molto semplice ma richiede del tempo. Si tratta di creare una soluzione a base di panna fresca e yogurt bianco greco. Poi si lascia riposare il tutto per un giorno intero in frigorifero, in modo che si inneschi un processo di fermentazione. Trascorso questo lasso di tempo, si filtra la soluzione e la si arricchisce con del succo di limone. La panna acida è ora pronta per essere incorporata nell’impasto.

Come rendere la torta al miele e gelsomino a prova di intolleranze?

Nella sua forma base la torta al miele e al gelsomino non è adatta a chi soffre di intolleranze alimentari o disturbi simili, infatti è realizzata con la farina 00, che contiene glutine e quindi non può essere consumata dai celiaci. Allo stesso tempo contiene la panna acida, che a sua volta è composta da panna fresca e da yogurt, ingredienti che abbondano di lattosio. Per fortuna la soluzione è a portata di mano, basta operare delle accorte sostituzioni per rendere la torta al miele e gelsomino un dolce sicuro per chi soffre di celiachia e intolleranza al lattosio.

La farina doppio zero va sostituita con una farina gluten free. A tal proposito potete scegliere la farina che preferite, a patto che la arricchiate con una sostanza legante, come la maizena o la fecola di patate. Per quanto concerne gli altri ingredienti sarà sufficiente sostituirli con versioni delattosate. Il sapore è identico all’originale se si esclude una leggera nota dolce, dovuta alla scomposizione del lattosio in due zuccheri semplici e più facili da avvertire.

Per quanto concerne gli allergici e i sensibili al nichel, purtroppo non c’è nulla da fare. Le foglie di gelsomino, necessarie per preparare il tè, contengono dosi abbondanti di questa sostanza. L’unica soluzione sarebbe escludere l’ingrediente dalla preparazione, ma verrebbe a cadere il vero elemento di novità della ricetta.

FAQ sulla torta al miele e gelsomino

A cosa serve il miele nei dolci?

Il miele ha una tripla funzione nei dolci: lega gli ingredienti, aromatizza e dolcifica. Proprio per questo non stupisce che il miele ricorre in molte ricette di pasticceria.

Che cosa fare con il miele?

Il miele è un alimento molto versatile. Può essere consumato come farcitura per dolci semplici o come guarnizione per dolci da forno. Inoltre, può partecipare agli impasti e ai ripieni. Infine, può giocare un ruolo nei piatti salati, soprattutto se lo scopo è di preparare un piatto agrodolce.

Quale miele usare per i dolci?

Se si intende il miele come alimento di supporto è bene scegliere una tipologia delicata, come il miele di acacia. Invece, se si intende il miele come alimento principale è bene optare per una tipologia più intensa, come il miele millefiori.

Ricette di torte al miele ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...