Cornbread al miele, tradizionale pane dolce americano

Cornbread al miele
Commenti: 0 - Stampa

Cornbread al miele, un mix di gusto e valori nutrizionali

Il cornbread al miele è un ottimo modo per iniziare la giornata “all’americana”, ovvero con una pietanza sostanziosa, completa e di facile preparazione. Tra l’altro, è una ricetta tradizionale nel vero senso della parola, in quanto non è frutto di un approccio fusion, ma piuttosto di una preparazione che getta le sue origini nel passato precolombiano dello stato americano. Il cornbread, infatti, era il pane tipico degli indiani d’America, che lo preparavano in numerose varianti. Anzi, di norma, nella tradizione americana “cornbread” sta a indicare qualsiasi pane ben lievitato realizzato con la farina di mais. Una farina preziosa e dalle eccellenti capacità panificatorie, capace di offrire molto in termini di gusto ma anche di principi nutritivi, con esplicito riferimento alle vitamine e ai sali minerali.

Il cornbread può essere sia dolce che salato, dipende, appunto, dagli ingredienti “aggiuntivi” che si scelgono per l’impasto. Questa variante, il cornbread al miele, è spiccatamente dolce proprio grazie al miele. Esso viene aggiunto in una seconda fase, e nella fattispecie mescolato con il burro, lo yogurt (altro ingrediente aggiuntivo di questo cornbread) e l’uovo. Questo composto viene poi aggiunto e amalgamato al mix di farina di mais, bicarbonato, lievito e sale. Il bicarbonato è essenziale in questo caso, anche perché consente al cornbread di acquisire una spiccata morbidezza.

Perché abbiamo usato il burro chiarificato?

Uno degli ingredienti principali di questo cornbread al miele è il burro. E’ l’ingrediente più importante del secondo composto, quello che successivamente viene aggiunto alla farina. Come avrete già notato spulciando la lista degli ingredienti, si tratta di burro chiarificato. E’ una variante del burro “normale”, ossia di quello che si trova sempre nei supermercati. E’ ampiamente commercializzato e impiegato in Italia, ma è tipico più delle culture gastronomiche dell’Europa centrale e settentrionale, dove viene utilizzato per friggere, in sostituzione dell’olio.

Cornbread al miele

Ma cos’è esattamente il burro chiarificato? Si tratta del burro privato della caseina. Ha un aspetto meno “bianco”, più tendente al giallo, in alcuni casi addirittura ambrato (spesso è leggermente traslucido). La caseina è la proteina del latte, l’elemento che nel burro tradizionale brucia prima degli altri, rendendo il burro normale poco adatto alla frittura, specie se non accompagnato con l’olio. Il burro chiarificato ha un altro pregio, è molto più delicato in quanto a sapore. Ciò rende questo tipo di burro un ingrediente perfetto per tutte quelle preparazioni in cui il burro non deve sentirsi troppo. Il cornbread è una di queste, infatti viene mescolato insieme all’uovo, allo yogurt e al miele (che invece si deve avvertire distintamente).

Quale yogurt usare per i cornbread al miele?

L’altro ingrediente principale dei cornbread al miele, oltre alla farina di mais ovviamente, è lo yogurt. Badate bene, non basta uno yogurt qualsiasi, bensì la variante classica, quella bianca e non zuccherata. Qualsiasi altra opzione modificherebbe in modo radicale l’equilibrio della ricetta, e probabilmente in peggio. Tra l’altro lo yogurt bianco è un alimento sano, ricco di calcio e di proteine, quasi più del latte normale. Contiene inoltre fermenti lattici in grado di conferire equilibrio e forza alla flora intestinale. Ottimo è anche il contenuto di vitamine, in particolare la B12, che non è presente in nessun alimento di origine naturale.

Io vi consiglio di andare oltre, e di optare per la variante delattosata, ovvero priva di lattosio. In questo modo la ricetta risulta accessibile anche agli intolleranti a questa sostanza, che in Italia non sono pochi. E’ una scelta che giova anche a chi non soffre di questo disturbo, dal momento che rende il latte più digeribile. La rimozione del lattosio, infatti, viene realizzata secondo un metodo che “anticipa” la digestione: si sottopone il latte all’enzima lattasi, il quale scinde il lattosio in glucosio e galattosio. Specifico che questo procedimento non interferisce minimamente col gusto, infatti qualsiasi derivato del latte privato del lattosio è buono come gli omologhi con il lattosio.

Ecco la ricetta dei cornbread al miele:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 270 gr. di farina di mais gialla tritata grossolanamente;
  • 2 cucchiaini di lievito in polvere consentito;
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • 340 gr. di yogurt bianco delattosato a temperatura ambiente;
  • 60 gr. di burro chiarificato;
  • 1 uovo sbattuto;
  • 4 cucchiai di miele.

Preparazione:

Per la preparazione dei cornbread al miele iniziate riscaldando il forno a 200 gradi. Poi cospargete di olio una padella da 30 cm. In una ciotola molto grande versate la farina di mais, un cucchiaino di bicarbonato, il lievito in polvere e un cucchiaino di sale. Amalgamate per bene il tutto aiutandovi con una frusta. Ora prendete un’altra ciotola, mettete il burro chiarificato, lo yogurt che avete a disposizione, l’uovo e 4 cucchiai di miele. Formate un buco all’interno della ciotola contenete la farina di mais e versateci il composto formato con lo yogurt. Mescolate per bene il tutto fino ad ottenere una miscela semi liquida. Poi versate il composto così ricavato nella padella già unta. Infine cuocete per 20 o 30 minuti,  fino a quando l’impasto non sarà leggermente dorato. Completata la cottura in forno, sfornate, tagliate e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti