bg header
logo_print

Liquore di genziana, due soluzioni per stupire gli amici

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Liquore di genziana
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.9/5 (51 Recensioni)

Liquore alla genziana con i fiori o con le radici

Il liquore di genziana è un’ottima idea per garantirsi un fine pasto dal buon impatto visivo. E’ un liquore gustoso, non troppo pesante e persino salutare. Deriva ovviamente dalla genziana, una pianta floreale che viene impiegata sia nella medicina naturale che a scopo ornamentale. Infatti, tra le altre cose, si fa apprezzare per i fiori dalla forma particolare, tendenti al blu elettrico e al viola.

Ricetta liquore genziana

Preparazione liquore di genziana

Preparazione liquore di genziana con i fiori:

Per preparare il liquore di genziana con i fiori iniziate proprio dai fiori. Lavateli sotto l’acqua corrente e asciugateli velocemente. Poi riempite una pentola con due litri di acqua e immergeteci i fiori e la stecca di vaniglia.

Ora accendete il fuoco e portate a bollore, infine fate bollire per 10 minuti. Terminata la cottura, spegnete il fuoco e filtrate il liquido con estrema cura. Poi integrate lo zucchero e mescolate fino a completo scioglimento. Fate riposare per una notte intera, poi unite un litro di alcol e imbottigliate.

Preparazione liquore di genziana con le radici:

Inserite tutti gli ingredienti, eccetto l’alcol e lo zucchero, in un contenitore di vetro scuro riflettente. Fate macerare per 40 giorni in un luogo fresco e al riparo dalla luce. Trascorso questo lasso di tempo, filtrate e aggiungete 300 millilitri di alcol e 300 grammi di zucchero.

Mescolate con cura fino a quando lo zucchero non si è sciolto del tutto. Se necessario, filtrate ancora una volta prima di imbottigliare. Lasciate riposare il liquore due o tre mesi prima di consumarlo.

Liquore di genziana con i fiori

Per 3 bottiglie di liquore:

  • 50 fiori di genziana freschi,
  • 400 gr. di zucchero,
  • 1 stecca di vaniglia,
  • 1 lt. di alcool alimentare,
  • 2 lt. di acqua.

Liquore di genziana con le radici:

Per 3 bottiglie di liquore:

  • 1 lt. di vino bianco secco,
  • 40 gr. di radici di genziana essiccate,
  • mezza stecca di cannella,
  • buccia di 1 limone biologico (limone non trattato),
  • 8 chiodi di garofano,
  • 300 ml. di alcool,
  • 300 gr. di zucchero.

Quali parti della pianta si utilizzano per preparare il liquore di genziana? La scelta, di norma, sarebbe tra il fiore e le radici. Ebbene, entrambe le soluzioni sono ottimali, quindi da provare. Proprio per questo, vi propongo due ricette: la ricetta del liquore di genziana con i fiori e la ricetta del liquore di genziana con le radici. Le due bevande si differenziano sotto molti aspetti. Il liquore con i fiori ha un sapore più delicato e un colore più chiaro. E’ una pianta di tipica che cresce spontaneamentee sulle pendici del Gran Sasso ma  è molto diffusa anche in altre regioni alpine e sugli Appennini.

Il liquore con le radici, invece, ha un sapore decisamente più forte, simile al caramello, e un colore che vira sull’arancione scuro. Differiscono anche per le spezie aromatiche “a supporto”: nel primo caso troviamo la vaniglia, nel secondo caso la cannella e i chiodi di garofano. Il procedimento, di contro, è simile e differisce rispetto ai liquori casalinghi. Infatti, la fase di macerazione degli ingredienti avviene in totale assenza di alcool, che viene aggiunto dopo. Anche la preparazione della “componente di sciroppo” è diversa. Lo zucchero, infatti, va integrato non nell’acqua, ma nella soluzione liquida arricchita con gli altri ingredienti. Diverso il periodo di riposo pre-consumo, che deve essere sempre abbondante. Di norma è bene aspettare due o tre mesi, invece del classico mese e mezzo.

Un approfondimento sulla genziana

I fiori di genziana sono di norma eduli, ovvero commestibili, dunque non devono essere sottoposti ad alcun trattamento prima di essere utilizzati per la preparazione del liquore di genziana. Discorso diverso per le radici. Di norma, sono tossiche e causano una pesante indigestione, per questo motivo vanno essiccate. A tal proposito, in commercio si trovano radici di genziana già essiccate e pronte per l’uso. I fiori di genziana non presentano grandi proprietà nutrizionali, tuttavia, come tutti i fiori eduli, hanno buon apporto di vitamine e sali minerali, oltre a sostanze che aiutano nella prevenzione del tumore e delle patologie cardiovascolari. Le radici sono molto più interessanti, infatti hanno formidabili proprietà digestive.

Tanto i fiori quanto le radici essiccate esercitano alcune discrete proprietà curative, a tal punto da essere utilizzate nella medicina naturale. Possono aiutare l’organismo nella difesa dalle infezioni, curano l’affaticamento e riducono i sintomi dell’anemia. Sono antiemetiche, ovvero inibiscono il vomito, inoltre aiutano il corpo ad espellere eventuali parassiti intestinali. In passato la genziana veniva utilizzata per “scacciare” il verme solitario. Dai fiori si estrae un buon olio essenziale, utile nella cosmetica e nella cura della pelle. La genziana ha poche controindicazioni. Al di là della tossicità delle radici fresche, si segnala una certa pericolosità per le donne in stato interessante.

Liquore di genziana

Quali aromi usare per questo liquore?

Come si prepara liquore di genziana? Le due ricette del liquore di genziana sono simili in quanto a procedimento, ma vengono realizzate a partire da ingredienti diversi. La questione non riguarda solo le componenti della pianta, ma anche gli alimenti di supporto, che fungono da bilanciatori del sapore o da spezie. Nello specifico, il liquore con i fiori di genziana si fregia della presenza della vaniglia, mentre il liquore con le radici richiede l’uso dei chiodi di garofano e della cannella. Attorno alla vaniglia ruotano dei pregiudizi in quanto è considerata troppo calorica, e responsabile dell’apporto eccessivo di calori nei dolci e nelle creme. In realtà la vaniglia incide poco sul valore complessivo delle calorie, in quanto bastano quantità minime. La sua presenza è utile, perché non si limita ad aromatizzare, ma anche dolcifica. Inoltre, contiene la vanillina, un’ottima sostanza antiossidante.

Per quanto riguarda la cannella e i chiodi di garofano, siamo di fronte a due spezie che presentano  molti pregi e pochi difetti. Anch’esse sono ricche di sostanze antiossidanti, inoltre intervengono sulle infiammazioni e contribuiscono a ridurre il dolore, quando non è provocato da infezioni. Il liquore di genziana con le radici si fregia anche della presenza della buccia di limone. Essa arricchisce la soluzione che, in una fase avanzata della ricetta, darà vita alla bevanda. La buccia di limone, inoltre, equilibra il sapore, conferendo un lieve tocco di acidità. Mi raccomando, usate solo limoni biologici, in quanto le sostanze chimiche utilizzate in alcune colture si annidano soprattutto nella buccia.

Come e quando servire il liquore alla genziana

Il liquore alla genziana è tradizionalmente servito come digestivo, ovvero dopo i pasti per favorire la digestione. La genziana è una pianta amara e il liquore ottenuto da essa è noto per le sue proprietà digestive e stimolanti. Di solito, viene gustato lentamente in piccoli bicchieri da liquore.

Ecco alcuni suggerimenti su quando e come servire un liquore di genziana:

  • Dopo i pasti : Il momento ideale per servire il liquore di genziana è dopo un pasto abbondante. L’amaro aiuta ad attivare le secrezioni digestive e può contribuire a una migliore assimilazione del cibo.
  • Temperatura : Solitamente, il liquore di genziana viene servito leggermente freddo. Puoi mettere la bottiglia in frigorifero per un po’ di tempo prima di servirlo, ma assicurati che non sia troppo freddo da intorpidire i sapori.
  • Bicchieri : utilizzare piccoli bicchieri da liquore o bicchieri appositi. Poiché si tratta di un liquore amaro, le quantità servite sono solitamente piccole, più simili a un amaro da sorseggiare che a una bevanda da bere a grandi sorsi.
  • Decorazioni : Non è comune aggiungere decorazioni al liquore di genziana, poiché il suo sapore amaro è l’elemento principale. Tuttavia, se desideri, puoi decorare il bicchiere con una piccola fetta di limone o arancia.
  • Sorsi lenti : Il liquore di genziana è amaro, quindi è meglio assaporarlo lentamente. Prenditi il ​​tempo di gustare ogni sorso per apprezzarne appieno il sapore e gli effetti benefici.
  • Momenti speciali : Oltre ad essere un digestivo, il liquore di genziana può essere servito in occasioni speciali o come parte di una degustazione di liquori. Può essere un’aggiunta interessante agli eventi o alle scene in cui vuoi offrire ai tuoi ospiti una varietà di bevande.

Ricorda che i gusti personali possono variare, quindi potresti anche sperimentare e scoprire come preferisci gustare il liquore di genziana.

Ricette liquori ne abbiamo? Certo che si!
3.9/5 (51 Recensioni)
Riproduzione riservata

23 commenti su “Liquore di genziana, due soluzioni per stupire gli amici

  • Mar 24 Mag 2022 | Luciano ha detto:

    Liquore di genziana con fiori, gradirei un chiarimento: se metto 2 litri d’acqua e un litro di alcool come ottengo 1 litro di liquore?

    • Mar 24 Mag 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Luciano con le dosi consigliate riesc a fare 3 bottiglie da 1 lt

  • Sab 25 Giu 2022 | Silvia ha detto:

    Posso sostituire l’alcool con il vino bianco?

    • Sab 25 Giu 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Silvia tutto è possibile, dipende da cosa si vuole ottenere. Si dovrebbe fare delle prove per vedere il risultato. Io non lo cambierei in questo liquore

    • Lun 27 Mar 2023 | Mariaclaudia ha detto:

      Ho seguito la ricetta delle radici di genziana e dopo il tempo stabilito L ‘ho di nuovo filtrato però sul fondo della bottiglia rigorosamente chiusa bene si forma una patina biancastra quindi li filtro di nuovo.Come posso evitare la formazione del deposito?

    • Dom 11 Feb 2024 | ALDO SPANÒ ha detto:

      Di solito la radice di Genziana viene fatta macerare per almeno 40 giorni, nel vino bianco secco. Alcool e zucchero si aggiungono dopo. I “puristi” abbruzzesi non mettono altro.

  • Lun 1 Ago 2022 | Valeria ha detto:

    Che tipo di vino bianco è indicato?

    • Dom 11 Feb 2024 | Aldo Spano' ha detto:

      Pecorino, Trebbiano, Chardonnay. In Abruzzo, il Pecorino è sacro, per ka Genziana.

  • Sab 29 Ott 2022 | Aldo Spanò ha detto:

    Buondì.
    Quanti grammi di radice secca di genziana, per litro di alcool a 95°
    ?
    E quante radici in una soluzione idro-alcolica 50:50 ?
    Preferisco preparare l’estratto ed averlo pronto
    Grazie.

    • Dom 30 Ott 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Aldo io ho utilizzato 40 gr di radice essicata per un litro di vino bianco e 50 fiori per l’altra preparazione

  • Gio 19 Gen 2023 | Ireneo ha detto:

    Salve buongiorno. Cortesemente mi potresti consigliare, nn potendo io, farlo personalmente, una buona ditta che produce “Amaro di Genziana”….. SENZA ALCOOL?. Grazie per la cortese attenzione ed aiuto.

    Cordiali Saluti

  • Mer 8 Feb 2023 | Dolores ha detto:

    Mi hanno regalato della genziana fatta con le radici, ma sa troppo di vino, è possibile fare qualcosa per sistemarne il sapore?

  • Mar 7 Mar 2023 | fulvio ha detto:

    perchè quando unisco alcool al vino la soluzione diventa lattiginosa

    • Mar 7 Mar 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Non è limpido il risultato che si ottiene come puo’ vedere dalla foto. Provi a filtrato con un colino a maglie fini.

  • Gio 1 Giu 2023 | Bruna ha detto:

    Ma perché non viene specificato che la pianta con i classici fiori blu non è Genziana ma Genzianella ? Sono due piante completamente diverse. La genziana fa i fiori gialli e viene alta quasi un metro……

  • Gio 21 Set 2023 | Davide ha detto:

    Buongiorno
    Qualcuno mi ha detto .. di mettere il Vermouth al posto del vino rosso per fare la genziana.
    Mi piacerebbe sapere se… le percentuali di alcool sono identiche .. ?
    Grazie anticipatamente

    • Ven 22 Set 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      La sostituzione del Vermouth al posto del vino rosso per fare il liquore alla genziana può influenzare la percentuale di alcool nel risultato finale, poiché il Vermouth e il vino rosso hanno composizioni alcoliche diverse. Per determinare se le percentuali di alcool sono identiche, è necessario considerare le informazioni sul contenuto alcolico di entrambi gli ingredienti.

      Il vino rosso ha generalmente un contenuto alcolico che varia da circa il 12% al 15%, a seconda del tipo di vino. D’altro canto, il Vermouth è un vino aromatizzato con erbe e spezie e spesso viene rinforzato con alcol aggiuntivo. Il Vermouth bianco solitamente ha un contenuto alcolico compreso tra il 15% e il 18%, mentre il Vermouth rosso può variare da circa il 16% al 22% di alcool.

      Pertanto, se si sostituisce il vino rosso con il Vermouth nel liquore alla genziana, è possibile che il risultato finale abbia un contenuto alcolico leggermente diverso a seconda del tipo di Vermouth utilizzato. Per ottenere una percentuale di alcol simile al vino rosso, è possibile diluire il Vermouth con un po’ d’acqua per raggiungere la concentrazione desiderata, tenendo conto delle percentuali di alcol originali dei due ingredienti.

      Ricorda che, oltre al contenuto alcolico, il Vermouth ha anche un sapore distintivo dovuto alle erbe e alle spezie aggiunte, che potrebbe influenzare il sapore complessivo del liquore alla genziana. Prima di apportare modifiche, ti consiglio di fare alcune prove e di assicurarti che il risultato soddisfi le tue preferenze personali.

      • Dom 24 Set 2023 | DAVIDE ha detto:

        Grazie mille
        Buona Giornata

  • Gio 5 Ott 2023 | Fausto ha detto:

    Salve, con questa ricetta di liquore con radici di genziana quanto è la gradazione alcolica Grazie Fausto

    • Ven 6 Ott 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Per determinare la gradazione alcolica finale di una miscela, è necessario conoscere la gradazione alcolica delle componenti alcoliche e calcolare in base ai volumi. Facciamo alcuni semplici calcoli:

      Vino bianco secco: la gradazione alcolica varia a seconda del tipo e della marca del vino. Una stima ragionevole potrebbe essere intorno al 12% (anche se può variare da 10% a 15% o più). Quindi, per 1 litro di vino, avremmo 0,12 litri di alcool puro.

      Alcool: la gradazione alcolica dell’alcool puro è 100%. Per 300 ml di alcool, avremmo 0,3 litri di alcool puro.

      Sommando questi due valori, otteniamo:
      0,12 + 0,3 = 0,42 litri di alcool puro nella miscela.

      Il volume totale della miscela è:
      1 lt. di vino + 300 ml. di alcool = 1,3 litri.

      La percentuale di alcool nella miscela finale è:
      0,42 litri di alcool / 1,3 litri di miscela = 0,323 o 32,3%.

      Tuttavia, questa è una stima approssimativa, poiché nella realtà, l’evaporazione durante la preparazione e altri fattori potrebbero influenzare leggermente il risultato finale. Inoltre, il volume di altri ingredienti come zucchero, cannella, ecc. può influire sul volume totale, anche se non influenzano direttamente la gradazione alcolica.

      È sempre consigliabile utilizzare strumenti specifici, come un alcolimetro, per misurare la gradazione alcolica effettiva se si desidera avere un valore preciso.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo alla birra

Pollo alla birra, un secondo piatto semplice e...

La carne di pollo, un’autentica alleata in cucina Il protagonista della ricetta del pollo alla birra è ovviamente la carne bianca. Il pollo è una delle carni più consumate in assoluto, se non...

Pere caramellate allo zafferano

Pere caramellate allo zafferano, un aromatico dessert

Pere caramellato allo zafferano, un dolce diverso dal solito Oggi vi presento un dessert fuori dal comune, ovvero le pere caramellate allo zafferano. Si inseriscono nel solco delle “pere cotte”...

pollo Yassa

Il pollo Yassa, un piatto senelagese speziato e...

Alla scoperta del pollo Yassa Lo Yassa è un piatto senegalese a base di pollo e di riso. Un piatto completo, che si fa apprezzare per la varietà dei sapori e per un utilizzo massiccio delle...