Boulevardier, un aperitivo da assaporare

Boulevardier
Stampa

Un sorso di Boulevardier, come una coccola avvolgente

Considerato dai più come il parente stretto del Negroni, il Boulevardier ha in realtà un gusto completamente differente. Whisky e gin sono agli antipodi dello spettro aromatico e gustativo dei distillati. Il Boulevardier ha il carattere dolce e avvolgente del vermouth e del bitter Campari. I due ingredienti creano un’armonia aromatica perfetta con un whisky fermo. Il gusto abbina salato, dolce e amaro. Lo esaltano, poi, le sfaccettature affumicate del mix. Il vermouth o vermut è un gran protagonista nel Boulevardier, dimostrando la sua eccellente versatilità. Questo vino liquoroso aromatizzato è stato creato nel 1786 a Torino ed è riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale italiano. Ingrediente primario di numerosi cocktail, dal 2017 è un’indicazione geografica registrata.

Le origini del Boulevardier: storia di un classico della Belle Epoque

Per raccontare la storia di com’è nato il Boulevardier dobbiamo fare un salto indietro, agli anni ’20. Siamo in una delle capitali più belle e romantiche del mondo: Parigi. È qui che Edward Erskine Gwynne, scrittore americano espatriato, diede il nome a questo grande classico. Nel corso del suo soggiorno nella Ville Lumière, Gwynne pubblicò una rivista chiamata proprio Boulevardier. Il nome, deriva da boulevard, strada in francese, e identifica una persona “di strada”, nel senso positivo del termine.

Boulevardier

Pare sia stato proprio Gwynne a ideare la ricetta del Boulevardier, variante dell’italianissimo Negroni, in cui al posto del gin si usa il bourbon o rye whiskey. La ricetta di questo drink fu poi condivisa con Harry McElhone, barman dell’Harry’s New York Bar a Parigi, uno dei bar più famosi della metropoli francese. McElhone se n’innamorò tanto da inserirla nel suo libro “Barflies and Cocktails”, edito nel 1927.

Come degustare il Boulevardier

Oggi, questo drink francese è molto amato da bartender e avventori. Grazie al suo stile, accattivante e torbido allo stesso tempo, ottiene notevole successo nei locali di tutto il mondo. Intenditori e appassionati ne apprezzano l’equilibrio sapiente tra i tre ingredienti. Per preparare il Boulevardier, uno dei cocktail preferiti dagli amanti di vermouth e whisky, occorre quindi fare molta attenzione alla miscelazione dei tre elementi. E per dare un tocco di sapore e gusto in più, nel vostro aperitivo non fate mancare una ciliegina al maraschino e un pezzo di scorza di limone, a mo’ di guarnizione. Grazie alle sue note agrodolci complessive, il Boulevardier è la scelta perfetta per il vostro aperitivo, da sorseggiare assolutamente in buona compagnia.

Ecco la ricetta del Boulevardier:

Ingredienti:

  • 3 cl di bourbon whisky
  • 3 cl di vermouth dolce
  • 3 cl di bitter Campari
  • una ciliegina al maraschino
  • la scorza di un limone
  • q.b. ghiaccio

La preparazione del Boulevardier:

Per prima cosa, riempite un mixing glass con del ghiaccio. In seguito, occorrerà versarvi il bourbon whisky, il vermouth dolce e il bitter Campari, nelle dosi indicate nella ricetta. Dopo aver unito i tre ingredienti, potrete mescolare. Infine, versate il tutto in una coppa.

Servite guarnendo con una ciliegina al Maraschino e la scorzetta di un limone.

Buon drink!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


29-08-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti