bg header
logo_print

Pesto di capperi e acciughe, un condimento speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pesto di capperi e acciughe
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Pesto di capperi e acciughe, una variante davvero gustosa

Il pesto di capperi e acciughe è una gradevole alternativa al pesto alla genovese. Rispetto a quest’ultimo esprime una sapidità più accentuata, dovuta ai capperi ma a cui contribuiscono anche le acciughe. Il sapore è comunque affine agli altri tipi di pesto in quanto la lista degli ingredienti comprende comunque il basilico e l’olio. Non troviamo invece il Parmigiano, quindi mancano i sapori di latte che vengono accennati nella ricetta originale.

Il pesto di capperi e acciughe “funziona” esattamente come il pesto di basilico, ossia è un ottimo condimento per la pasta. Tra l’altro si sposa alla perfezione con l’acqua di cottura della pasta stessa, aggiungendone un po’ diventa più morbido e più vicino a una salsa come consistenza. Può essere anche utilizzato per arricchire le tartine e per preparare degli antipasti semplici ma deliziosi.

Ricetta pesto di capperi e acciughe

Preparazione pesto di capperi e acciughe

Per preparare il pesto di capperi e acciughe dovrete partire dalle mandorle.

  • Disponete le mandorle in una teglia da forno.
  • Tostatele per 15 minuti a 180 gradi.
  • Ponete in ammollo i capperi e sciacquateli più volte.
  • Una volta che i capperi sono stati dissalati, asciugateli per bene con la carta assorbente. Poi versate i capperi in un robot da cucina.
  • Aggiungete il basilico ben lavato e diviso in foglie.
  • Aggiungete anche le mandorle e le acciughe
  • Incorporate l’olio extravergine di oliva.
  • Frullate in modalità pulse, in modo da verificare di volta in volta la consistenza. In alternativa, azionate il dispositivo pochi secondi per volta.
  • Fermate il robot quando la salsa è diventata sufficientemente densa e omogenea. Il pesto è pronto per essere gustato.

Ingredienti pesto di capperi e acciughe

  • 150 gr. di capperi sotto sale
  • 10-12 acciughe di Cetara
  • 60 gr. di mandorle spellate
  • 1 mazzetto di basilico
  • q. b. di olio extravergine di oliva.

Un focus sui capperi

Tra i protagonisti di questo pesto di capperi e acciughe spiccano proprio i capperi. Sono alimenti ricorrenti nella cucina italiana e in particolare del sud Italia. I capperi sono molto versatili e fungono quasi da spezia, infatti vengono aggiunti nei primi, nei secondi di carne e di pesce, oltre che nei contorni, sulla pizza e sulle torte salate.

L’unico elemento di difficoltà riguarda il dissalamento dei capperi, infatti vengono conservati spesso sotto sale. Un metodo sicuro per dissalarli per bene è la combo, ossia più fasi di ammollo e risciacquo. In alternativa potete porre i capperi in una colino a maglie strette e lasciarli sotto l’acqua corrente per un po’ di tempo.

I capperi si fanno apprezzare anche per le proprietà nutrizionali, infatti contengono molti antiossidanti, che rendono meno probabile la comparsa del cancro in virtù della capacità di neutralizzare i radicali liberi. I capperi sono anche ricchi di vitamina C e vitamina A, che fanno bene al sistema immunitario e alla vista (come anche alla pelle). Non mancano poi i sali minerali tipici degli alimenti vegetali, come il potassio, il magnesio e il manganese.

Quali acciughe utilizzare?

Tra gli ingredienti più peculiari di questo pesto di capperi spiccano le acciughe, che mancano nella ricetta originale. Proprio grazie ai filetti di acciughe, il pesto diventa più sapido ma anche più corposo. L’elemento ittico si fa sentire e impreziosisce al meglio questo condimento. Le acciughe sono molto indicate per la preparazione di salse in quanto tendono a sciogliersi molto facilmente. Spesso non è necessaria nemmeno una fonte di calore.

Le acciughe vantano uno spessore nutrizionale ottimo, in linea con quello degli altri pesci azzurri. Il riferimento è all’abbondanza di proteine, di vitamina D (che fa bene al sistema immunitario), di fosforo (che potenzia le facoltà mentali) e di acidi grassi omega tre. Questi ultimi aumentano l’apporto calorico ma proteggono il sistema cardiovascolare.

Quali acciughe utilizzare? Per questa ricetta vi propongo le acciughe di Cetara, originarie del salernitano. Queste acciughe spiccano per il sentore umami, che unisce l’acidulo, il dolciastro e il sapido. Per inciso, le acciughe di Cetara sono più proteiche di quelle comuni.

Pesto di capperi e acciughe

Il ruolo delle mandorle nel pesto di capperi e acciughe

Il pesto di capperi e acciughe vanta anche il contributo delle mandorle. Si tratta di una innovazione, visto che nella ricetta originale si utilizzano i pinoli. La scelta delle mandorle punta all’equilibrio tra i sapori. Le mandorle, infatti, propongono sentori tra l’amarognolo e il dolce che compensano la sapidità dei capperi e delle acciughe. Le mandorle vanno tostate prima di essere usate, in questo modo si migliora la resa e si facilita l’amalgama con gli altri ingredienti.

Per quanto concerne l’apporto nutrizionale, le mandorle si pongono sullo stesso piano della frutta secca. Si segnalano, infatti, buone dosi di vitamina E, che funge da antiossidante e incide in modo positivo sulle performance del sistema immunitario. Troviamo anche il magnesio, che mantiene elevati i livelli energetici dell’organismo. Infine ottimo è l’apporto di grassi benefici, che contribuiscono a un discreto apporto calorico: circa 600 kcal per 100 grammi.

Come aromatizzare il pesto di capperi e acciughe?

Nonostante sia spinto da una forte componente sapida, il pesto di capperi e acciughe esprime equilibrio e semplicità. Questi valori sono declinati anche nella scelta degli aromi, che vedono come protagonista il solo basilico. Le foglie di basilico sono un ingrediente essenziale, così come lo sono nel pesto alla genovese.

Nonostante l’abbondanza di ingredienti, il sapore del basilico emerge chiaramente. Non c’è niente di cui stupirsi, stiamo parlando di una delle piante aromatiche più forti e più versatili.

In genere per un pesto di 200 grammi (adeguato a condire 4 porzioni di pasta) andrebbe impiegato un mazzetto di basilico, dunque una quantità rilevante.

Il basilico vanta proprietà nutrizionali eccellenti. Reca con sé il classico carico di vitamine e sali minerali tipico delle specie vegetali, ma in aggiunta apporta il calcio e gli acidi grassi omega tre. Il calcio, per inciso, fa bene alle ossa e ai denti.

Ricette di pesto ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Chutney al tamarindo

Chutney al tamarindo, la salsa agrodolce per carne...

Scopriamo insieme le proprietà del tamarindo Vale la pena approfondire il tamarindo, protagonista indiscusso di questo chutney. E’ un frutto diverso dagli altri, sia per l’aspetto che per il...

salsa al rafano

Salsa al rafano, l’intingolo scandinavo per le carni...

Le proprietà del rafano Vale la pena parlare del rafano, che è il vero protagonista di questa salsa. E’ una radice molto versatile che, se opportunamente grattugiata, può fungere da spezia o da...

Aceto al corbezzolo

Aceto al corbezzolo, ottimo per verdure e contorni

Come scegliere il corbezzolo Al fine di preparare un buon aceto al corbezzolo è opportuno scegliere con cura il frutto. Per questo tipo di aceto andrebbero impiegati i corbezzoli poco maturi,...