Pesto trapanese: un condimento semplice

pesto trapanese
Commenti: 0 - Stampa

Una ricetta assolutamente da provare: il pesto trapanese

Il pesto trapanese è un condimento tradizionale originario di Trapani dalle origini molto antiche: in particolare risale a secoli fa, quando alcune navi genovesi provenienti da Oriente portarono la loro tradizionale agliata ligure, a base d’aglio e noci, nel porto di Trapani. A questa preparazione dal sapore assai intenso i trapanesi aggiunsero prodotti tipici della loro terra, cioè il pomodoro e le mandorle, dando così vita al pesto alla trapanese.

La comodità di questa preparazione è legata al fatto di poter essere realizzata prima per poi essere utilizzata quando si vuole al bisogno. Una cena non prevista, un pranzo veloce acquistano così un sapore unico, per un’esperienza di profumi e sapori di indicibile originalità, quella che solo i condimenti salutari ricchi di gusto possono garantire. Basta con i condimenti già pronti zeppi di conservanti. Con le nostre mani possiamo preparare di tutto, anche un’altra variante: il pesto di pistacchio.

Quando un semplice condimento può stravolgere i piatti…

Una terra baciata dal sole qual è la Sicilia, fertile e generosa, prodiga e ricca, non poteva non regalare un prodotto così ricco dal punto di vista organolettico. Il pesto trapanese attinge tutto il buono della cucina siciliana, non a caso conosciuta in tutto il mondo. Preparare dei vasetti da tenere pronti all’uso davvero mette insieme comodità e gusto, disponibili in tutte le stagioni.

Di preparazioni simili a quella che andiamo a presentare oggi ve ne sarebbero davvero tante, ma poche sono in grado di eguagliare questo condimento dal sapore autentico e tipico della tradizione. Ve n’è un altro che merita di occupare un posto privilegiato nelle nostre dispense, sempre all’insegna dei sapori di Sicilia: il pesto siciliano con pomodori secchi.

pesto trapanese

I mille benefici nutrizionali del pesto trapanese

Questo preparato è ideale per condire la pasta, in particolare quella corta, dando vita a dei primi piatti eccezionali, dal grande sapore e dal gusto molto intenso, con tutti i benefici nutrizionali legati agli ingredienti. L’aglio è, infatti, il più potente antibiotico naturale esistente in natura, le mandorle sono una fonte inestimabile di vitamina E, di grassi insaturi e di fibre, che ne fanno un alimento consigliato nella dieta di chi pratica sport o di chi si trova in convalescenza.

Il pesto trapanese rappresenta una buona occasione per aggiungere alla nostra dieta le tanto raccomandate mandorle, spezza fame dai grandi benefici per la nostra salute. Da non trascurare l’importante presenza di pomodori, ricchi di licopene utile a preservare la salute della pelle e della vista. Vanto della nostra dieta mediterranea, questi ortaggi conferiscono al pesto quel tocco in più che dona non solo sapore, ma anche consistenza, la stessa che rende questo condimento versatile, magico ed unico nel suo genere.

Ed ecco la ricetta del pesto trapanese

Ingredienti per 1 vasetto

  • 12 pomodori maturi
  • 3 spicchi di aglio
  • 10 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • qualche foglia di basilico
  • 70 gr. di mandorle
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate le foglie di basilico e stendetele su di un canovaccio ad asciugare.Fate bollire dell’acqua e scottate le mandorle per circa 2 minuti.

Scolatele e pelatele sotto l’acqua corrente. Lavate e incidete una croce sui pomodori prima di scottarli per circa 2 minuti in acqua bollente.Scolate e lasciate intiepidire prima di togliere la buccia.Lasciate sgocciolare e tagliate a pezzetti.Foderate una teglia con l’apposita carta da forno e tostate le mandorle a 160 gradi per circa 10/12 minuti.

Spegnete il forno e lasciate intiepidire.Versate le mandorle nel mixer e azionate e tritate velocemente.Non devono diventare farina. Dopodiché spezzettale con le mani.Versate nel mix i pomodori, il basilico spezzettato, un pizzico di sale, una macinata di pepe e l’aglio tritati.Amalgamate velocemente e aggiungere le mandorle e l’olio a filo fino a raggiungere la cremosità desiderata.

5/5 (454 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

pesto di zucchine

Pesto di zucchine, una variante gustosa e delicata

Pesto di zucchine, una salsina multiuso Il pesto di zucchine non ha nulla da invidiare al classico pesto alla genovese. Anche perché condivide molto con quest’ultimo, persino il basilico....

burro alle ortiche

Burro alle ortiche, un condimento speciale

Burro alle ortiche, un’idea originale Il burro alle ortiche è una preparazione spalmabile dal gusto particolare in quanto si regge su una combinazione originale: quella tra il burro e l’ortica....

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti