Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane
Commenti: 0 - Stampa

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito

Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il merito va ad una lista di ingredienti che non lascia nulla al caso, puntando sul binomio pesce-verdure. Il protagonista della ricetta è comunque il pesce spada, una specie ittica tra le più amate e alla portata di tutti. Si fa apprezzare sia per il sapore deciso, che per una consistenza che richiama la carne di manzo e di suino. E’ anche molto versatile, a tal punto che può essere cotto alla griglia, in umido o al forno. In questo caso viene brasato su un letto di verdure (cipolle, sedano e pomodori).

Il pesce spada spicca anche per le proprietà nutrizionali. E’ vero, contiene più grassi di quanto ci si aspetterebbe da una pesce, ma si tratta di grassi salutari, il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che esercitano un impatto benefico sull’apparato cardiovascolare, sulle funzioni visive e su quelle cognitive. Inoltre è ricco anche l’apporto di sali minerali, con il fosforo a fare la parte del leone. Per inciso, il fosforo potenzia le capacità mnemoniche e favorisce la concentrazione. Non mancano, infine, le vitamine, benché siano presenti quasi esclusivamente quelle del gruppo B. L’apporto calorico è superiore a molti altri pesci, ma non eccessivo: 170 kcal per 100 grammi.

L’impatto organolettico delle melanzane

Nella ricetta del pesce spada con melanzane, queste ultime sono un elemento davvero importante. Incidono dal punto di vista organolettico in virtù di un sapore deciso ma allo stesso tempo equilibrato, capace di valorizzare senza coprire. Nello specifico di questa ricetta, le melanzane vanno fritte a parte e unite solo successivamente al mix di pesce spada e verdure. La cottura delle melanzane deve essere breve e moderata, infatti se vengono sottoposte ad una cottura prolungata si scuociono facilmente e perdono tutto il loro sapore.

Pesce spada con melanzane

La presenza delle melanzane è giustificata non solo per il loro impatto organolettico, ma anche per le proprietà nutrizionali. In primis sono ricche di antocianine. Queste sostanze sono responsabili della tonalità tendente al violaceo ed esercitano una funzione antiossidante, che contribuisce a ridurre lo stress ossidativo. Per il resto, le melanzane sono un’ottima fonte di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alle vitamine C, J, B, al potassio, al fosforo e al magnesio. Essendo ricchissime di acqua, fungono anche da moderato diuretico. Infine, possiedono un apporto calorico davvero ridotto, pari a 18 kcal per un etto di melanzane.

Gli insospettabili pregi dei pomodori

I pomodori sono essenziali nella ricetta del pesce spada con melanzane. In primo luogo, tingono di un gradevole rosso il pesce spada. Secondariamente, rilasciano un delizioso sughetto, molto gradevole al palato. Ma i benefici dei pomodori non finiscono qua, anche perché figurano tra gli alimenti più salutari in assoluto. Il riferimento è in particolare al licopene, un antiossidante che agisce da precursore vitaminico. Il licopene è presente soprattutto nella buccia, proprio per questo è sempre sconsigliato pelare i pomodori.

I pomodori contengono anche altri antiossidanti, come la luteina e la zeaxantina, entrambi capaci di proteggere gli occhi dalle radiazioni luminose. Sono ricchi di vitamine e sali minerali, in particolare abbondano di vitamina C (più delle arance) e di vitamina K, che esercita una funzione antiemorragica e osteo-protettiva. I pomodori, poi, sono ricchi anche di potassio, fosforo e folati. Questi ultimi stimolano la sintesi della vitamina B9, che a sua volta è essenziale nella produzione dei globuli rossi. Vista l’abbondanza di acqua, i pomodori sono anche dei buoni diuretici. Niente affatto trascurabile, invece, il contenuto di fibre. L’apporto calorico, infine, è davvero basso, pari a 18 kcal per 100 grammi di prodotto.

Ecco la ricetta del pesce spada con melanzane:

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di pesce spada a fette,
  • 2 melanzane,
  • 1 gambo di sedano,
  • 1 cipolla,
  • 250 gr. di pomodori,
  • 1 rametto di origano fresco,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del pesce spada con melanzane iniziate lavando le melanzane e facendole a dadini, poi affettate la cipolla e il sedano, infine riducete a pezzetti i pomodori. Ora fate a tocchetti il pesce spada e scaldate un po’ d’olio in una padella antiaderente in cui friggerete le melanzane.

In una padella a parte versate la cipolla, i pomodori e il sedano. Poi unite il pesce spada e fate rosolare abbondantemente, rigirando spesso (dovrebbero bastare un paio di minuti). Infine, aggiungete un po’ di sale, un po’ di pepe e continuate la cottura a fiamma bassa per circa 5 minuti. A questo punto unite le melanzane fritte e cuocete tutto insieme per un minuto. Concludete guarnendo con un po’ di origano fresco e servite.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti