Pizzette di melanzane, un antipasto tipico calabrese

Pizzette di melanzane
Stampa

Pizzette di melanzane, un antipasto davvero squisito

Le pizzette di melanzane sono un antipasto molto corposo tipico della cucina calabrese e siciliana. Sono esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia delle pizzette in cui l’impasto è sostituito da fette di melanzana. Proprio la melanzana è la protagonista di questa semplice ricetta. D’altronde stiamo parlando di un ortaggio che spicca per la versatilità, come dimostrano le numerose ricette in cui gioca un ruolo decisivo. Ovviamente non è il suo unico merito, infatti possiede proprietà nutrizionali di tutto rispetto, che ne fanno un alimento salutare. Il riferimento è in particolar modo alle antocianine, sostanze responsabili della colorazione tendente al violaceo. Le antocianine svolgono un’importante funzione antiossidante, dunque riducono lo stress ossidativo, contrastano gli effetti dei radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Le melanzane, come qualsiasi ortaggio che si rispetti, sono ricche di sali minerali e vitamine. Si segnalano, inoltre, buone dosi di potassio, vitamina C, vitamina K e J. L’apporto calorico è davvero minimo, pari a 18 kcal per 100 kcal (praticamente un record nel mondo vegetale). In occasione di questa ricetta, le melanzane vanno semplicemente tagliate a fette, poi vengono incise diagonalmente per favorire la cottura e passate al forno per una decina di minuti. Dopodiché vanno arricchite come se fossero una pizza, dunque con salsa di pomodoro, olio, mozzarella e altri condimenti.

Gli insospettabili benefici delle acciughe

Le pizzette di melanzane hanno numerose varianti, e d’altronde il margine di discrezione è davvero ampio, come per la pizza del resto. Tuttavia, vi consiglio di mantenervi sui sapori tradizionali condendo le pizzette di melanzane con le acciughe. Stiamo parlando di una specie ittica non solo gustosa, ma anche preziosa dal punto di vista nutrizionale, più di quanto si possa immaginare. Il contenuto di grassi delle acciughe è tutt’altro che trascurabile, ma si tratta di grassi buoni, che giovano alla salute. Tra questi, spiccano gli acidi grassi omega tre, che impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, sul sistema nervoso centrale e sulla funzione visiva.

Pizzette di melanzane

Tra i sali minerali troviamo il fosforo, che come sicuramente già saprete migliora le performance cognitive. Invece, tra le vitamine abbondano quelle gruppo B. Le acciughe, inoltre, non sono molto caloriche, infatti il prodotto fresco apporta 96 kcal per 100 grammi, mentre quello sott’olio ne apporta circa 200 (dipende da come sono sgocciolate). In occasione di questa ricetta le acciughe vanno aggiunte sopra il pomodoro e la mozzarella, dopo aver cotto le melanzane.

Il contributo dei capperi

Anche i capperi giocano un ruolo di primo piano nella ricetta delle pizzette di melanzane. D’altronde, fanno spesso coppia con le acciughe nella pizza vera e propria, ma anche nei primi e nei secondi. I capperi impattano in maniera decisa dal punto di vista organolettico, ma si caratterizzano anche per delle buone proprietà nutrizionali. Il riferimento è alla presenza di molte sostanze antiossidanti, alcune di queste piuttosto rare nel mondo vegetale. Dunque i capperi si pongono come alimento anti-cancro e da questo punto di vista sono anche migliori delle melanzane.

I capperi spiccano anche per il contenuto di vitamine e sali minerali. Ottimo, infatti, è l’apporto di potassio, ferro, fosforo, vitamina C, vitamina A, vitamine del gruppo B (tiamina, riboflavina e niacina). Non trascurabile è anche l’apporto della vitamina E, che a sua volta ha importanti funzioni antiossidanti. Come molti alimenti di origine vegetale anche i capperi sono ricchi di fibre, che rappresentano un toccasana per l’apparato digerente. L’apporto calorico, infine, è molto contenuto: un etto di capperi apporta solo 33 kcal. L’unico difetto dei capperi è l’abbondanza di sodio, che è rilevante anche nella variante fresca non conservata sotto sale.

Ecco la ricetta delle pizzette di melanzane:

Ingredienti:

  • 3 melanzane tonde,
  • 180 gr. di polpa di pomodoro Nichel Free,
  • 150 gr. di mozzarella consentita,
  • qualche acciuga,
  • 1 cucchiaio di capperi,
  • 1 cucchiaio di olive verdi,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • 1 rametto di timo,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle pizzette di melanzane iniziate lavando le melanzane, poi asciugatele e ricavatene delle fette sottili dallo spessore di circa 10 mm. Ora adagiate le fette di melanzane su una teglia coperta con carta da forno e applicate dei tagli obliqui superficiali. Condite ciascuna fetta con mezzo cucchiaio di olio e cuocete al forno (già riscaldato a 180 gradi) per 15 minuti circa.

Intanto preparate i condimenti. Fate a pezzettini molto piccoli la mozzarella (dopo averla sgocciolata per bene). Poi prendete una ciotola e mescolate la polpa di pomodoro con un po’ di sale e un filo d’olio extravergine di oliva. Una volta che le melanzane sono cotte, conditele come se fossero una pizza: applicate dunque un po’ di pomodoro, la mozzarella fatta a pezzi, qualche cappero, le acciughe, un’oliva, un po’ di timo e pochissimo olio. Riponete la teglia in forno e cuocete ancora per circa 12 minuti a 180 gradi. Sfornate le pizzette di melanzane e servite.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


04-09-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti