Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake
Commenti: 0 - Stampa

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione

L’Hawaiian Guava Cake è l’ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria nostrana, propone sentori particolari e squisitamente esotici. E’ infatti una torta tutto sommato “classica”, ma con ingredienti davvero speciali. Il procedimento non si discosta dalle torte all’italiana, a tal punto da richiedere una planetaria dotata di frusta e di pala. La lista degli ingredienti prevede qualche l’aggiunta del concentrato di guava. La guava è un frutto coltivato soprattutto in Brasile e in Messico. Tuttavia, dalle nostre parti si trova facilmente sotto forma di concentrato o di succo. La guava è un frutto apprezzabile non solo per il gusto e per il colore (tendente al rosa), ma soprattutto per le sue proprietà nutrizionali.

Infatti è ricca di vitamina C, più di qualsiasi altro agrume, un pregio considerevole visto l’impatto di questa sostanza sul sistema immunitario. La guava contiene anche tanta vitamina E, che esercita una funzione antiossidante e la preziosa vitamina A. Tra i nutrienti spicca la quercetina, un potente antiossidante, e un ottimo apporto di sali minerali, in particolare di potassio. La guava è poco calorica, benché sia un frutto tropicale: un etto di frutto contiene solo 68 kcal.

Perché abbiamo scelto il burro chiarificato?

La Hawaiian Guava Cake richiede un ingrediente essenziale per la sua preparazione, ossia il burro. Tuttavia, fate molta attenzione al tipo di burro da utilizzare. Di solito si usa il burro standard, ma in questo caso è da preferire assolutamente il burro chiarificato, ovvero il burro privato della caseina. Questa sostanza, infatti, non tollera le alte temperature, generando per questo dei sentori tendenti al bruciato. Inoltre, il sapore del burro standard è alquanto deciso, quindi rischia di coprire gli altri ingredienti.

Il burro chiarificato, invece, ha un gusto tendenzialmente neutro che si abbina perfettamente con qualsiasi tipo di ingrediente, in una prospettiva di massima resa in fase di cottura. Certo, è tecnicamente più calorico, ma in genere si usano porzioni davvero minime. Per esempio, in questo caso è sufficiente poco più di un etto per una torta da 6-8 persone.

Una glassa davvero speciale

Uno dei punti di forza di questa Hawaiian Guava Cake è la glassa. La torta, infatti, si caratterizza per un colore rosa chiaro, dovuto principalmente alla copertura. La glassa è realizzata con del colorante alimentare e con il concentrato di guava, che si distingue per le sue tonalità cromatiche. La consistenza, poi, è data dal formaggio cremoso e dalla panna, che rendono il dolce ancora più morbido e gustoso. Il risultato è comunque straordinario, sia dal punto di vista gustativo che dal punto di vista della texture, che risulta davvero gradevole al palato.

Il procedimento, in realtà, non è semplice ed è quasi più difficile preparare la glassa della torta. Vi assicuro, però, che ne vale proprio la pena. Ad ogni modo, si inizia creando un composto di panna montata e formaggio cremoso, arricchito successivamente con lo zucchero. Ad essa si aggiungono il colorante alimentare e il concentrato di guava, che conferiscono sapore e colore. Mi raccomando, la glassa va distribuita sulla torta solo quando quest’ultima si è completamente raffreddata.

La ricetta originale

Ecco la ricetta della Hawaiian Guava Cake:

Ingredienti per 6-8 persone:

  • 320 gr. di mix farina per dolci La Veronese,
  • 2 cucchiaini e mezzo di lievito in polvere,
  • tre quarti di cucchiaino di sale,
  • 115 gr. di burro chiarificato a temperatura ambiente,
  • 250 gr. di zucchero semolato,
  • 6 albumi d’uovo grandi,
  • 60 cl. di olio di semi,
  • 240 ml. di latte intero consentito,
  • 240 gr. di concentrato di guava,
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia,
  • 4 gocce di colorante alimentare rosso.

Per la glassa:

  • 240 ml. di panna da montare consentita,
  • 230 gr. di formaggio cremoso senza lattosio a temperatura ambiente,
  • 100 gr. di zucchero semolato,
  • 1 pizzico di sale,
  • 3 gocce di colorante alimentare rosso,
  • 120 ml. di concentrato di guava.

Preparazione:

Per la preparazione della Hawaiian Guava Cake iniziate preriscaldando il forno a 250 gradi. Poi coprite con la carta da forno una teglia media (circa 22 x 33 cm), lasciando un po’ di carta in eccesso dai lati. Ora prendete una ciotola e mettete la farina, il lievito e il sale. Mescolate per bene il tutto, fino a quando gli ingredienti non saranno amalgamati. Versate il burro nel contenitore di una planetaria dotata di pala e aggiungete lo zucchero, poi azionate a velocità media per 3 minuti. Unite gli albumi a tre riprese, facendo passare un minuto tra l’una e l’altra. Poi abbassate la velocità, unite l’olio di semi e attendete un altro minuto. In una ciotola a parte sbattete il latte insieme alla vaniglia, al concentrato di guava e al colorante alimentare.

A questo punto unite alla planetaria il contenuto delle due ciotole (quella liquida con il latte e quella secca con le farine). Alternate le due componenti gradualmente e mescolate tra un’aggiunta e l’altra. Ora versate il composto nella teglia e cuocete per circa 30 minuti, fino a quando lo stecchino inserito al centro risulterà asciutto. Fate raffreddare per 15 minuti, poi fate riposare la torta su una gratella. Per preparare la glassa, procedete come segue. In una planetaria con accessorio a frusta, versate la panna e fatela montare fino a quando non sarà diventata spumosa (dovrebbero bastare 2 minuti). Poi aumentate la velocità per altri 3 minuti fino a quanto la panna risulterà ben montata. Ora mettete la panna in una ciotola e unite il formaggio cremoso, poi posizionate la ciotola nel robot da cucina con accessorio a paletta e azionate per altri 3 minuti a velocità media.

Ora unite lo zucchero e il sale, aumentando la velocità al massimo. Dovrebbero bastare 2-3 minuti per ottenere un composto molto spumoso. Poi abbassate la velocità e unite il colorante alimentare. Unite anche il concentrato di guava in quattro riprese, mescolando abbondantemente tra l’una e l’altra (in questa fase raschiate le pareti della ciotola con una spatola). Continuate azionando il robot a massima velocità e continuate fino a quando il composto non sarà omogeneo e abbastanza liscio (occorrono circa 2 minuti). In alternativa potete usare anche il succo di guava, in questo caso scaldatelo per 40 minuti per ridurlo di circa la metà. In seguito, lasciatelo raffreddare completamente. Ora spalmate la glassa sulla torta con una spatola, lisciando per bene la superficie (bordi compresi). Fate raffreddare per 2 ore e servite il vostro Hawaiian Guava Cake.

5/5 (514 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti