Blue hawaiian, versione azzurra della piña colada

Blue hawaiian
Commenti: 0 - Stampa

Blue hawaiian, un cocktail tropicale

Avete mai sentito parlare del Blue hawaiian? Chiudete gli occhi per un momento e immaginate di trovarvi su una spiaggia paradisiaca delle Hawaii. All’improvviso il cameriere vi serve una bevanda dal colore azzurro acceso. Ecco a voi il famoso Blue hawaiian, un cocktail preparato a base di rum bianco, Blue Curaçao, sciroppo di cocco e una spruzzata di succo d’ananas. La versione blu della famosa piña colada.

Se volete riportare le onde e le spiagge delle Hawaii direttamente a casa vostra, vi svelo le dosi e la semplicissima preparazione di questo cocktail dal colore inteso, da riproporre a fine serata o durante un aperitivo con gli amici. Per rendere ancora più esotico il momento, non dimenticate di decorare il bicchiere con dei pezzi di frutta e uno stecchino con  un ombrellino colorato. Se volete offrire un’alternativa senza alcol ai vostri ospiti, provate a elaborare anche il cocktail analcolico zenzero e cannella che vi ho già proposto su Nonna Paperina.

Il segreto del Blue Hawaiian: il Blue Curaçao

Qual è l’origine del Blue hawaiian? Tutto nacque con il Blue Curaçao. Un rappresentante di questa bevanda sfidò il barman dell’Hilton Hawaiian Village (Waikiki, Hawaii), Harry Yee, a creare un nuovo cocktail a base di Blue Curaçao. Era il 1957. Da quel momento, il Blue hawaiian si è trasformato in un cocktail molto richiesto soprattutto durante l’aperitivo, magari a bordo piscina. Senza dubbio, è una bevanda che riporta all’estate, grazie alla sua freschezza e al sapore del cocco e dell’ananas.

Cos’è esattamente il Blue Curaçao? La sua storia inizia addirittura nel 1500, quando gli spagnoli decisero di piantare gli aranci di Valencia nell’Isla de Curaçao, nel Mar dei Caraibi. Tuttavia, le arance nate non avevano assolutamente un sapore gradevole. Qualcuno però, si rese conto che la buccia di questi frutti, se fatta essiccare, poteva essere la giusta base per un liquore, chiamato proprio Curaçao. Anche se il suo colore è trasparente, vengono utilizzati dei coloranti per dare un aspetto diverso a questa bevanda, fra cui il blu.

Blue hawaiian

È arrivato il momento di preparare l’aperitivo!

Ora che ne sapete di più sulle origini e sulla storia del Blue hawaiian, non resta che mettervi all’opera ed elaborare questo cocktail tropicale. Non sarà difficile reperire gli ingredienti principali visto che li potrete trovare in qualsiasi supermercato ben fornito. Prima di prepararlo, però, è arrivato il momento di pensare agli snack da preparare per i vostri ospiti. Sul sito di Nonna Paperina potrete trovare tantissime ricette per i vostri stuzzichini e per tantissime salse.

Non esagerate con gli snack perché, solitamente, l’aperitivo, soprattutto se fatto a casa, serve semplicemente a godersi un momento di relax con gli ospiti prima di cena (o prima di pranzo). Scegliete preferibilmente stuzzichini sani, facendo attenzione alle eventuali intolleranze alimentari di ciascuno. Vi ho proposto in passato, ad esempio, le chips di caco o i vol au vent con avocado salmone e fragole. Le possibilità sono infinite per celebrare un aperitivo con gli amici e per sorseggiare allegramente un Blue hawaiian!

Ed ecco la ricetta del Blue hawaiian

Ingredienti

  • 5 cl di rum bianco Bacardi
  • 5 cl di Blue Curaçao
  • 1 cl di sciroppo di cocco
  • 1 spruzzata di succo d’ananas

Per la guarnizione: 1 ciliegia al Maraschino

Preparazione

Mettete dei cubetti di ghiaccio in un bicchiere di tipo highball. Aggiungete il rum, il Blue Curaçao e lo sciroppo di cocco. Infine unite il succo d’ananas a ri­empite e decorate con la ciliegia al Maraschino.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Liquore alla menta

Liquore alla menta, un drink dal profumo intenso

Liquore alla menta, un liquore facile da fare in casa Il liquore alla menta segue il canovaccio di quasi tutti i liquori fatti in casa. Il procedimento è infatti simile. Si tratta di macerare in...

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti