Insalata con radicchio e pesce spada, davvero proteica

Insalata con radicchio e pesce spada
Commenti: 0 - Stampa

Insalata con radicchio e pesce spada, un contorno colorato e nutriente

L’insalata con radicchio rosso e pesce spada non è la classica insalata. D’altronde, la lista degli ingredienti spicca per creatività, e per la presenza di alcuni cibi sui generis, almeno per un’insalata. Il riferimento è al pesce spada, ma anche al cestino di pane. Esso viene utilizzato come mezzo di impiattamento ed è idoneo al consumo. Si tratta di una soluzione elegante, gustosa e in grado di migliorare l’impatto visivo della pietanza. A tal proposito, vi consiglio di utilizzare il cestino di pane di Unica, un’azienda che ha puntato molto su questo prodotto. Il cestino di pane di Unica è adatto sia al dolce che al salato, dal momento che non contiene sale. E’ realizzato con le migliori materie prime e con un processo di produzione spiccatamente artigianale. Ovviamente, non contiene conservanti o grassi idrogenati.

L’altro ingrediente che spicca è il radicchio rosso. Si tratta di una verdura che apporta vitamina C, sali minerali e potassio. Il colore rosso è dovuta alla presenza delle antocianine, formidabili antiossidanti che giovano all’organismo in quanto contrastano i radicali liberi e aiutano a prevenire il tumore. L’apporto calorico del radicchio rosso, proprio come le verdure della medesima categoria, è sostanzialmente trascurabile. Va segnalato, infine, l’olio aromatizzato all’arancia. Esso funge da ingrediente di supporto alla cottura del pesce spada ma viene impiegato anche come condimento finale della nostra insalata con radicchio. La sua funzione è duplice, da un lato aiuta a cuocere, dall’altro apporta un sentore agrodolce che valorizza l’insalate. La ricetta dell’olio aromatizzato all’arancia è davvero semplice, in quanto si tratta di lasciare in infusione nel sifone per qualche ora le bucce dell’arancia (prive di albedo) e l’olio.

Tutte le proprietà nutrizionali del pesce spada

Il pesce spada è uno degli ingredienti principali di questa insalata con radicchio rosso, anche perché aggiunge gusto e proteine. Proprio l’apporto proteico è una delle caratteristiche più apprezzate del pesce spada. Un etto di prodotto, infatti, apporta ben 23 grammi di proteine, più della carne di maiale o di manzo per intenderci. Ma questo non è l’unico pregio del pesce spada. Si segnalano, infatti, grandi concentrazioni di sali minerali e vitamine. Il riferimento è al fosforo, che migliora le performance cognitive, ma soprattutto alla vitamina D, che è molto rara e rafforza il sistema immunitario (più di quanto faccia la C).

Insalata con radicchio e pesce spada

Il pesce spada contiene mediamente più grassi di molti altri pesci (circa il 4%), tuttavia si tratta di grassi buoni, che giovano alla salute. D’altronde, è ricco di acidi grassi omega tre, che impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare e sulla funzione visiva. L’unico effetto collaterale risiede nell’apporto calorico, che si aggira sulle 180 kcal per 100 grammi. In occasione di questa ricetta, il pesce spada va tagliato a dadini e cotto nell’olio aromatizzato all’arancia.

Cosa sapere sulle uova di quaglia

Un altro alimento sui generis dell’insalata con radicchio rosso e pesce spada è l’uovo di quaglia. Stiamo parlando di uova dal sapore pungente, ma apprezzabili da tutti i palati. Inoltre, sono mediamente più piccole di quelle di gallina. In occasione di questa ricetta, vanno semplicemente cotte in acqua bollente, sbucciate e mescolate agli altri ingredienti.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le uova di quaglia si difendono molto bene. Contengono buone dosi di fosforo, calcio e potassio, inoltre apportano anche discrete quantità di proteine e vitamine. A differenza delle uova di galline, contengono il colesterolo buono (HDL) e sono prive del colesterolo cattivo (LDL). L’albume è particolarmente nutriente anche perché contiene enzimi in grado di scongiurare alcune patologie batteriche. L’apporto calorico, infine, è identico a quello delle uova classiche: 160 kcal per 100 grammi.

Questa è una delle prime ricette che mi sono fatta quando mi hanno dato l’elenco delle cose che potevo e non potevo mangiare. Ricordo ancora quella sera. In un primo momento pensai di dover fare la fame tanto era corto l’elenco dei cibi concessi. Per i cibi non permessi avevo 4 fogli mentre per quelli che avrei dovuto mangiare per al meno 6 mesi una pagina scarsa. Non si sono scoraggiata. Sono andata a fare la spesa e messo nel carrello solo i cibi consigliati e tornata a casa mi sono detta: Tizy inventa qualcosa di buono e mangiabile per tutti. E cosi feci la mia prima insalata a basso contenuto di nichel.

Ecco la ricetta dell’insalata con radicchio rosso e pesce spada:

Ingredienti:

  • 1 cestino di pane consentito Unica,
  • 1 cespo di radicchio rosso,
  • 2 uova di quaglia,
  • 1 arancia,
  • 100 gr. di pesce spada a dadini,
  • 1 cucchiaio di olio aromatizzato all’arancia (vedi ricetta),
  • qualche fogliolina di menta.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata con radicchio e pesce spada iniziate facendo bollire le uova di quaglia per tre minuti. Raffreddatele immediatamente, poi mettetele sotto l’acqua fredda e sgusciatele. Ora lavate il radicchio e fatelo a pezzi di circa 2-3 centimetri. Lavate l’arancia, rimuovete la buccia e tagliatela a spicchi, infine affettate finemente la buccia stessa.

Fate il pesce spada a pezzi, poi passatelo in padella con l’olio aromatizzato all’arancia per 5 minuti affinché si cuocia bene. Ora trasferite il radicchio nel cestino di pane, poi unite le uova, gli spicchi d’arancia e il pesce spada che avete preparato. Valorizzate il tutto con l’olio aromatizzato all’arancia e condite con un po’ di sale. Infine, decorate con le fettine di scorza di arancia e qualche fogliolina di menta.

5/5 (417 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...

insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini

Insalata di riso rosso con cannellini, un piatto...

Insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini, un pasto completo e veloce L’insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini è un’insalata di riso che si discosta da quelle tradizionali....

Insalata di ananas e gamberi

Insalata di ananas e gamberi, un pasto completo

Insalata di ananas e gamberi, un piatto dagli ottimi ingredienti L’insalata di ananas e gamberi è un piatto squisito, leggero e completo. Lo considero un po’ la mia salvezza, in quanto fa parte...

Insalata di riso con verdure e menta

Insalata di riso con verdure e menta, un...

Insalata di riso con verdure, un’alternativa alla classica insalata di riso L’insalata di riso con verdure, più che una pietanza, è un invito alla creatività. Proprio per questo, vi propongo...

Insalata di pasta con melanzane grigliate

Insalata di pasta con melanzane grigliate, un piatto...

Una lista di ingredienti ben ponderata L’insalata di pasta con melanzane grigliate e hummus di ceci è un piatto tipicamente estivo, per quanto apprezzabile anche in altri periodi dell’anno....


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti