Sformato di radicchio e patate, un mix di bontà

Sformato di radicchio e patate
Commenti: 0 - Stampa

Sformato di radicchio e patate: perfetto per i pranzi in famiglia.

Sformato di radicchio e patate, un mix di salute e bontà a non finire!. Cambiare è sempre la scelta migliore per evitare la monotonia a tavola e in famiglia e perciò, se siete abituati ai pranzi insieme come quelli della domenica, delle festività e delle occasioni speciali, lo sformato di radicchio e patate è perfetto per tutti e offre non solo un buon sapore, ma anche tanti benefici per la salute. Inoltre, i gusti dei due ingredienti principali si esalteranno a vicenda, creando così un piatto che attrae sotto molti punti di vista.

Siete pronti per provarlo? Ecco tanti buoni motivi per preparare questa ricetta e tutte le indicazioni che vi aiuteranno a portare in tavola lo sformato di radicchio e patate.

Tutto quello che dovreste sapere sul radicchio

Il radicchio è un ortaggio molto buono, sia da crudo che da cotto, che veniva utilizzato in cucina fin dall’antichità. Inizialmente, lo consideravano un cibo per i poveri ma, con il tempo, i greci e i romani notarono che il radicchio presenta alcune proprietà da non sottovalutare, e da quel momento iniziarono a dare molta più importanza a questo alimento.

Le potenzialità di questo ortaggio dipendono essenzialmente dalla grande quantità di acqua in esso contenuta, ma anche dal notevole apporto di proteine, minerali, vitamine e di alcuni aminoacidi importanti per il benessere e il corretto funzionamento del nostro organismo. Grazie a tutte queste sostanze, il radicchio vanta di interessanti proprietà rilassanti, purificanti, digestive, antiossidanti e depurative.

In più, è fondamentale sapere che si tratta di un alimento ipocalorico e per questo è consigliato a tutti, anche ai pazienti diabetici (nel radicchio è presente una buona quantità di inulina che aiuta il corpo nell’assorbimento degli zuccheri). Infine, è utile sapere che consumare questo ortaggio è un bene per la salute delle ossa e della vista, ma anche per favorire la perdita di peso.

Le proprietà delle patate

Alla bontà e ai benefici del radicchio, aggiungiamo il gusto e le proprietà delle patate. Queste ultime si identificano tra gli alimenti più amati e coltivati nel modo, nonché come i tuberi più famosi in assoluto. Esistono diverse varietà di patate ma, qualunque sia la scelta, possiamo sempre contare su un alimento composto in prevalenza da acqua e in minor parte da amido e fibre.

Inoltre, è opportuno ricordare che la patata offre una buona quantità di e vitamine essenziali per il nostro organismo. Tutte queste componenti donano a questo tubero tantissime proprietà, come quelle depurative, diuretiche, antitumorali e sedative. Le patate si rivelano un toccasana anche per i pazienti diabetici, per le persone che soffrono di anemia o ipertensione. Ma andiamo a scoprire tutti i passaggi per preparare un gustoso sformato di radicchio e patate.

Qualche regola per star bene

Per cercare di vivere meglio dovremmo seguire sane regole di vita:

  1. Mangiare principalmente vegetali, insalate soprattutto.Numerosi studi confermano i benefici di una dieta a base vegetale: miglioramento della pressione sanguigna, diminuzione del rischio di malattie cardiache,diminuzione del colesterolo e un migliore controllo del peso.
  2. Mangiare carne proveniente da allevamenti sostenibili: Acquistare carne, pollame e pesce da allevamenti sostenibili, dove controllano l’alimentazione degli animali e utilizzano metodi naturali, fa bene alla nostra salute e a quella dell’ambiente.
  3. Mangiare a colori. I colori di molte verdure riflettono le diverse sostanze fitochimiche antiossidanti in essi contenuti, così più verdure di colore diverso consumiamo più siamo sicuri di assumere nutrienti preziosi e diversificati.
  4. Ridurre al minimo il consumo di farina bianca.Più bianco il pane più male fa, meglio prediligere cereali e farine integrali.
  5. Non dimentichiamoci degli omega 6 e omega 3. Se c’è un cibo che si dovrebbe mangiare è l’umile sardina. Le sardine sono uno degli alimenti più sani che possiamo consumare secondo molti esperti. Questi pesciolini, infatti, sono una delle migliori fonti di grassi omega-3 e vitamina D.
  6. Evitare l’uso di zucchero bianco.Per dolcificare bevande e dolci meglio optare per dolcificanti alternativi e naturali come il miele biologico o lo sciroppo d’acero; non sono raffinati, offrono piccole quantità di antiossidanti e non causano aumenti di glicemia.
  7. Preferire cibi locali e di stagione.Frutta e verdura di stagione , come qualsiasi altro prodotto, possibilmente di produzione locale, conservano più facilmente la maggior parte dei loro nutrienti rispetto a quelli importanti.
  8. La colazione, il pasto più importante. Chissà quante volte lo avete sentito, tutti i nutrizionisti sono d’accordo, la prima colazione è il pasto più importante della giornata. Una sana colazione è vitale per aiutare il metabolismo ad avviarsi nel modo giusto, a migliorare la funzione cognitiva e ad aiutarci a fare scelte alimentari migliori per tutta la giornata. Il pasto ideale comprende proteine, grassi sani, e alcuni carboidrati complessi.
  9. Eliminare i cibi spazzatura o se proprio non resistiamo prepariamoli a casa.Patatine, dolci, un bel big mac … piccoli peccati di gola che rendono migliore la vita. Non dobbiamo necessariamente farne a meno. Se proprio non resistiamo possiamo prepararli a casa, non è così difficile. In questo modo abbiamo il controllo sugli ingredienti e sulle quantità di sale e zuccheri.
  10. Non trascurare allergie alimentari e intolleranze.Tenete sempre sotto controllo la vostra dieta se soffrite di qualche tipo d’intolleranza o allergia alimentare. Ricordatevi che, anche se soffrite di disturbi lievi, i cibi che il vostro organismo non tollera nel lungo periodo potrebbero portarvi a disturbi più seri.

Ed ecco la ricetta dello Sformato di radicchio e patate

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di radicchio rosso
  • 500 g di patate
  • 200 g di yogurt greco consentito
  • 2 scalogni
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • rosmarino, salvia, sale e pepe q.b.

Preparazione

Per preparare lo sformato di radicchio e patate, potrete iniziare con il mondare il radicchio rosso e tagliarlo a listarelle. Poi, tritate gli scalogni e metteteli in una padella con l’olio. Non appena saranno appassiti, sarà il momento di incorporare il radicchio e regolare sale e pepe, per poi lasciar cuocere per circa una decina minuti a fuoco basso e mescolando ogni tanto.

Nel frattempo, sbucciate le patate e tagliatele a fette di circa mezzo centimetro di spessore e mettetele a mollo per 5 minuti in una pentola con un po’ d’acqua leggermente salata in ebollizione. Preparate la pirofila ricoprendola con carta da forno bagnata e strizzata, e versate sul fondo di essa un po’ di yogurt, poi metà delle patate e metà del radicchio. Dopodiché fate un altro strato di yogurt, uno di radicchio, uno di patate e terminate con lo yogurt.

Come tocco finale, spolverizzare lo sformato di radicchio e patate con rosmarino e salvia in polvere. Infornate a 180°C per 25 minuti. In poco tempo, riuscirete a mettere in tavola un piatto perfetto, digeribile e dal gusto particolarmente coinvolgente.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-02-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti