bg header
logo_print

Gnocchi al radicchio e zafferano, un primo rustico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gnocchi al radicchio e zafferano
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (12 Recensioni)

Gnocchi al radicchio e zafferano, pochi ingredienti per un primo delizioso

Gli gnocchi al radicchio e zafferano si inseriscono nel solco dei primi piatti all’italiana, ma apportano comunque qualche innovazione. Tanto per cominciare il condimento si regge quasi unicamente sul radicchio, un ortaggio che è apprezzato per la sua versatilità. Troviamo anche la panna, la cui presenza nei primi piatti è spesso osteggiata, tuttavia in questo caso fa la sua bella figura. Infine troviamo un utilizzo abbastanza particolare delle spezie, soprattutto dello zafferano. Lo zafferano è considerata in genere una spezia adatta al riso, ma in questo caso interagisce alla perfezione con la verdura e di conseguenza con gli gnocchi.

Particolare è anche la decorazione, infatti troviamo l’immancabile Parmigiano grattugiato, ma anche la granella di nocciole. Quest’ultima crea un bel contrasto a livello di texture in virtù della sua naturale croccantezza. Le nocciole sono facoltative, dunque potete anche non inserirle ottenendo un piatto ugualmente delizioso.

Ricetta gnocchi al radicchio

Preparazione gnocchi al radicchio

Per preparare gli gnocchi al radicchio e zafferano dovrete iniziare dal condimento. In una padella scaldate due cucchiai di olio e fate sciogliere una noce di burro, poi soffriggeteci leggermente il radicchio tagliato a listarelle. Ora aggiungete la panna, lo zafferano sciolto in poca acqua e condite con un po’ di sale, infine fate cuocere per 20 minuti.

Cuocete gli gnocchi fino a quando non saliranno a galla (bastano pochissimi minuti), poi fateli saltare nella padella con il condimento per qualche decina di secondi a fiamma alta. Distribuite gli gnocchi nei piatti di portata, condite con il Parmigiano e con la granella di nocciole (se la gradite).

Ingredienti gnocchi al radicchio

  • 0
  • 5 kg. di gnocchi di patate
  • 1 cespo di radicchio
  • 1 bustina di zafferano
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 2 cucchiai di panna consentita
  • 20 gr. di burro chiarificato
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale
  • una manciata di granella di nocciole (facoltativo).

Il ruolo della panna negli gnocchi al radicchio e zafferano

L’ingrediente più particolare di questi gnocchi al radicchio e allo zafferano è la panna da cucina. La panna è un ingrediente da usare con moderazione in questo primo piatto in quanto è capace di coprire gli altri sapori. Tuttavia, in questa ricetta il condimento si regge quasi unicamente sul radicchio, che ha un sapore molto spiccato e in grado di equilibrarsi con quello della panna. Anzi, forma con quest’ultima un binomio interessante, che crea una bella sensazione già al primo assaggio. Il tutto è impreziosito dallo zafferano, una spezia che vanta due funzioni: insaporire e colorare i piatti. Infatti bastano pochi grammi di questa spezia per conferire una bella tonalità arancione ai piatti, specie se prevedono un condimento liquido o denso (come in questo caso).

Anche il burro gioca un ruolo fondamentale per il condimento di questi gnocchi al radicchio. Nello specifico, funge da base (insieme all’olio) per la cottura del radicchio. Vi consiglio di utilizzare solo il burro chiarificato in quanto è l’unico capace di resistere alle elevate temperature senza produrre sgradevoli sentori di bruciato.

Le proprietà nutrizionali del radicchio

Vale la pena parlare anche del radicchio, uno degli ingredienti principali di questi gnocchi al radicchio e zafferano. Il radicchio si fa apprezzare per la sua versatilità, a tal punto che può essere consumato a mo’ di contorno o partecipare – anche da protagonista – a ricette più complesse. E’ facile da cuocere in quanto, pur essendo abbastanza coriaceo, ci mette davvero poco ad ammorbidirsi.

Gnocchi al radicchio e zafferano

Il radicchio è anche un toccasana per la salute, soprattutto nelle varianti più rossastre e violacee in cui è ricco di antocianine, delle sostanze che aiutano a prevenire il cancro e rallentano l’invecchiamento. Per il resto troviamo le vitamine e i sali  minerali tipici delle verdure. Il riferimento è alla vitamina C (che fa bene al sistema immunitario) e al potassio, che fa bene alla circolazione. Non manca nemmeno la rara vitamina K, che impatta in modo positivo sulla densità del sangue. Per quanto concerne l’apporto calorico siamo su livelli molto bassi, pari a 20 kcal per 100 grammi.

Come preparare gli gnocchi di patate?

Come si preparano gli gnocchi al radicchio e zafferano? O meglio, come si preparano gli gnocchi in generale? Alcuni nemmeno si pongono questa domanda in quanto sono soliti acquistarli direttamente al supermercato. Vi consiglio, però, di prepararli in casa, anche perché sono molto semplici e richiedono poco tempo. Esistono gnocchi di zucca e di altri ortaggi, ma in questo caso andrebbero utilizzati i classici gnocchi di patate, che hanno un sapore versatile e alquanto gustoso.

L’aspetto più complesso della preparazione riguarda la proporzione degli ingredienti. Di base per ogni etto di farina sono necessari tre etti di patate e un uovo. Il procedimento è semplice: si fanno bollire le patate, poi si lasciano raffreddare e si schiacciano con la farina. Infine si aggiunge un pizzico di sale, le uova e si impasta il tutto. Dopo aver ottenuto un impasto compatto si ricavano delle striscioline, che vengono tagliate per corto. A questo punto i vostri gnocchi sono pronti per essere cotti. La cottura richiede pochi minuti, basta attendere che gli gnocchi emergano a fior d’acqua per essere scolati.

Ricette di gnocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (12 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...