Olio aromatizzato alle arance, un condimento agrumato

Olio aromatizzato alle arance
Commenti: 0 - Stampa

Olio aromatizzato alle arance, un condimento davvero speciale

L’Olio aromatizzato alle arance è un condimento davvero particolare in grado di stuzzicare il palato. Rappresenta una gradevole variazione sul tema del classico olio extravergine di oliva . E’ molto semplice da realizzare, benché richieda l’utilizzo di un dispositivo particolare, ossia il sifone. Si tratta di una specie di contenitore oblungo nel quale vengono inseriti gli alimenti. Il sifone contiene anche un gas compatibile con le esigenze alimentari, che viene caricato al momento del suo utilizzo; dopodiché il sifone viene lasciato in frigorifero. La sua funzione di base consiste nel creare delle spume, insufflando dell’aria negli alimenti.

Tuttavia, con qualche accortezza in più, può essere impiegato per garantire una maggiore amalgama tra gli ingredienti. E’ quanto accade in occasione di questa ricetta. L’obiettivo, infatti, non è creare una mousse, bensì un composto estremamente amalgamato, necessario per ottenere un condimento il più possibile uniforme, e dunque in grado di valorizzare degnamente le preparazioni. La texture dell’olio aromatizzato all’arancia deve essere liscia e uniforme. Per il resto la ricetta è veramente un gioco da ragazzi.

Come utilizzare l’olio aromatizzato?

Questa domanda sorge spontanea nel caso dell’olio aromatizzato all’arancia, come per qualsiasi condimento sui generis. In effetti, l’olio aromatizzato alle arance rappresenta una strana variazione per molti di voi, abituati tradizionalmente al classico olio extravergine di oliva. Ovviamente le applicazioni possono variare rispetto al condimento originario, anche perché l’olio assume un gradevole e forte aroma all’arancia. In linea di massima, l’olio aromatizzato alle arance è ottimo su tutte quelle preparazioni che, almeno ipoteticamente, si sposano con i sentori di questo agrume.

Olio aromatizzato alle arance

Dunque, è possibile utilizzare per le insalate realizzata con la frutta, meglio ancora se agrumi. Allo stesso modo, l’olio aromatizzato all’arancia può essere impiegato per valorizzare i secondi agrodolci, che giocano sul contrasto dei sapori e contengono arance o semi-preparati a base di arance. Ad ogni modo è concesso un certo margine di discrezione, quindi potete sfruttare la vostra creatività, purché accompagnata da un serio ragionamento sui rapporti tra sapori e sentori.

Quali arance usare per questo tipo di olio?

Si fa presto a dire arance, tuttavia esistono numerose varietà, ciascuna con le proprie caratteristiche. E’ legittimo chiedersi, dunque, quale varietà sia più adatta alla preparazione dell’olio aromatizzato all’arancia. In realtà, non esiste la varietà perfetta, ma molte possono essere chiamate in causa. Iniziamo con l’elencare le caratteristiche. Ebbene, una buona arancia da impiegare per la preparazione di questo tipo di olio, dovrebbe avere una buccia spessa e ben separata dall’albedo. In caso contrario, correte il rischio di incorporare un po’ di albedo, che renderebbe amaro l’olio. Ovviamente, la buccia deve essere molto aromatica, dal momento che l’aroma si basa essenzialmente su questo ingrediente.

Alla luce di queste indicazioni, potrebbero essere prese in considerazione le arance Belladonna. Certo, non sono tra le arance più diffuse, anche perché la loro coltivazione rende davvero poco, ma sono preziose sia per creare preparazioni di questo tipo che per i liquori. In alternativa, potrebbe andare bene anche il classico Tarocco. Le Clementine non sono consigliate, vista la loro buccia sottile, ma possono comunque andare bene. E sicuramente meglio utilizzare arance particolarmente mature, nelle quali la buccia viene tolta con molta facilità e senza coinvolgere l’albedo.

Una variante possibile potrebbe essere quella di sostituire le scorze di arance con qualsiasi altro agrume vi ispira. Io ho provato a farlo con il pompelmo e il bergamotto. Questi oli aromatizzati li utilizzo per le insalate e i carpacci freschi.

Ecco la ricetta dell’Olio aromatizzato alle arance:

Ingredienti per una bottiglietta:

  • 40 ml. di olio extravergine di oliva,
  • 200 gr. di scorze di arancia.

Preparazione:

Per al preparazione dell’olio aromatizzato all’arancia iniziate sbucciando le arance con un pelapatate senza toccare l’albedo, ossia la parte bianca tra la scorza e la polpa. Poi inseritele nel sifone e versate l’olio extravergine d’oliva, infine caricate il gas. Occorre lasciare in infusione per almeno un paio d’ore. Trascorso questo lasso di tempo, scaricate il sifone e filtrate l’olio aromatizzato che avete ottenuto. Poi versatelo nella bottiglietta e conservatelo in frigo fino al suo utilizzo.

5/5 (401 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata con radicchio e pesce spada

Insalata con radicchio e pesce spada, davvero proteica

Insalata con radicchio e pesce spada, un contorno colorato e nutriente L’insalata con radicchio rosso e pesce spada non è la classica insalata. D’altronde, la lista degli ingredienti spicca per...

Bollicine con spuma di frutta frizzante

Bollicine con spuma di frutta frizzante, fresco aperitivo

Bollicine con spuma di frutta frizzante, gustoso e fresco Le bollicine con spuma di frutta frizzante rappresentano un’ottima idea per un aperitivo diverso dal solito, una bevanda fresca, colorata...

Crostino di panettone con crema

Crostino di panettone con crema di mascarpone

Il panettone e l'usanza milanese di San Biagio Questa ricetta rievoca una delle feste tipiche di Milano, che molti di voi non conoscono. Sto parlando della festa di San Biagio, che cade il 3...

Pesche con spuma di cioccolato

Pesche con spuma di cioccolato, un abbinamento unico

Pesche con spuma di cioccolato bianco e lime, top Le pesche con spuma di cioccolato bianco e lime sono un dessert molto bello da vedere e buono da gustare. Inoltre è semplice da realizzare,...

nitro al caffe

Nitro al caffè con spuma al pistacchio, un...

Nitro al caffè con spuma al pistacchio, un’idea davvero geniale Il Nitro al caffè con spuma al pistacchio è un dessert delizioso, ideato di recente dal famoso chef milanese Danilo Angè. E’...

Insalata di puntarelle ai lamponi

Insalata di puntarelle e lamponi, contorno delicato

Insalata di puntarelle e lamponi e spuma di yogurt, un contorno elegante di alta cucina. L’ insalata di puntarelle e lamponi e spuma di yogurt non è un'insalata come le altre. In primis perché...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti