Spaghetti al pesto di capperi, coloratissimi e deliziosi

Spaghetti al pesto di capperi
Stampa

Spaghetti al pesto di capperi, un primo speciale

Gli spaghetti al pesto di capperi e scaglie di mandorle sono un primo piatto colorato, gustoso e sostanzioso. Sia chiaro, ciò non significa che siano anche calorici, in quanto ad apporto calorico non vanno oltre un piatto di pasta al pesto tradizionale. Tuttavia, sono in grado di offrire molto dal punto di vista organolettico, principalmente grazie all’aggiunta di alcuni ingredienti, che fanno solo apparentemente da contorno o da guarnizione finale. Il riferimento è ai pomodori datterini e alle stesse scaglie di mandorle, che vengono aggiunte alla fine. Entrambi gli ingredienti apportano molti elementi utili all’organismo, oltre a garantire colore e gusto.

Per quanto riguarda il pesto, quello di capperi presenta alcune differenze con il tradizionale pesto di basilico. E’ infatti leggermente più sapido, più corposo, più forte sotto il profilo gustativo, ma non meno aromatico. Anche perché nella preparazione gioca un ruolo di primo piano anche l’origano fresco, che garantisce sentori piuttosto decisi. Sotto il profilo della texture, invece, non si segnalano grandi differenze, almeno a prima vista, il pesto di capperi appare quasi indistinguibile rispetto al pesto di basilico. Si tratta comunque di un’alternativa gustosa, persino più sana se si considerano le proprietà nutrizionali del cappero (che superano, seppur di poco, quelle del basilico).

Datterino, una variante speciale del pomodoro

Uno dei protagonisti, per quanto intervenga nella fase finale della preparazione, è il pomodoro datterino. E’ una varietà di pomodoro tra le più conosciute, sebbene dia il meglio di sé soprattutto se coltivato in alcune zone, e nello specifico nella costa orientale della Sicilia. Il pomodoro datterino si presenta come una bacca di dimensioni assai più contenute rispetto al pomodoro classico, e dalla forma leggermente allungata. Si caratterizza anche per una buccia estremamente sottile, che lo rende perfetto per la preparazione di sughi, piuttosto che per le insalate. Il sapore vira leggermente sul dolce e si distingue quindi per una certa delicatezza.

Il pomodoro datterino vanta delle eccellenti proprietà nutrizionali. In primis, come tante altre specie di pomodoro, è ricco di licopene, una sostanza che protegge l’apparato cardiocircolatorio e contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo. E’ ricco anche di folati, elementi che agevolano le funzioni cognitive e, allo stesso tempo, stimolano la produzione di globuli rossi. Ottimo anche l’apporto di minerali, in particolare di potassio, e di fibre, che aiutano la digestione. Del datterino sono apprezzate le funzioni diuretiche e depurative, che lo rendono un frutto capace di apportare parecchi benefici all’organismo, oltre a garantire gusto, colore ed eleganza sul piano gastronomico.

Spaghetti al pesto di capperi

I benefici dell’acciuga, alimento sottovalutato

Un ruolo fondamentale per la ricetta degli spaghetti al pesto di capperi e scaglie di mandorle è giocato dalle acciughe. Anche perché in realtà si dovrebbe parlare di pesto di capperi e acciughe. Questo ingrediente, infatti, viene frullato insieme ai capperi al fine di creare il pesto. Si tratta di un’aggiunta non casuale, dal momento che questo abbinamento si ritrova in molte preparazioni, e rappresenta un condimento ideale persino per la pizza.

L’acciuga aggiunge corpo, gusto e sapidità, senza ovviamente esagerare, da questo e da tanti altri punti di vista si presenta come un alimento sottovalutato, probabilmente perché considerato “povero”. L’acciuga, se è vero che costa poco, è comunque in grado di apportare molto in termini nutrizionali. Innanzitutto è povera di grassi, e i pochi che contiene fanno parte della categoria dei “grassi buoni”. Tra questi, gli acidi grassi omega 3, che esercitano una funzione protettiva nei confronti dell’apparato cardiocircolatorio e nella diminuzione del colesterolo cattivo.

L’apporto di proteine è sostenuto, nonché paragonabile a quello della carne. L’apporto calorico, invece, è contenuto: 100 grammi di acciughe contengono solo 130 kcal, dunque sono ottime anche per le diete dimagranti (tutt’al più a fare ingrassare sono alcune preparazioni sott’olio). Si segnala, infine, la presenza della vitamina E, di alcune vitamine del gruppo B e di minerali quali il ferro, il fosforo, il calcio e il potassio.

Ecco la ricetta degli spaghetti al pesto di capperi e scaglie di mandorle

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di spaghetti consentiti;
  • 16 datterini;
  • 4 cucchiai di capperi;
  • 2 filetti di acciuga;
  • 3 cucchiai di scaglie di mandorle;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • qualche fogliolina di origano fresco;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Fate cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. Nel frattempo versate in un mixer i capperi ben lavati, le acciughe, due cucchiai di mandorle, olio ed origano fresco. Azionate il mixer e frullate fino a quando non avrete ottenuto una crema.

Se notate che il pesto sta venendo troppo asciutto, aggiungete alla bisogna un po’ di acqua di cottura della pasta. Scolate gli spaghetti al dente e versateci sopra il pesto di capperi, guarnite con i pomodorini datterini (fatti a fette o a cubetti) e qualche scaglia di mandorle.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


27-01-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti