Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Aceto al dragoncello

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino

L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla combinazione di un paio di ingredienti, ma che può regalare dei momenti all’insegna della buona tavola, nonché una ventata di freschezza e novità in quanto a condimenti. La ricetta consiste nel versare i rametti di dragoncello in un barattolo o in una bottiglia, riempirlo con l’aceto classico e lasciar riposare il tutto per qualche settimana. Ovviamente, maggiore è il periodo di infusione e maggiore sarà l’intensità dell’aceto.

L’aceto al dragoncello segue il canovaccio degli aceti aromatizzati, una categoria che può regalare molte soddisfazioni in cucina e dare vita ad abbinamenti particolari, capaci di stuzzicare il palato. Proprio agli abbinamenti, però, occorre prestare parecchia attenzione. Essendo un aceto aromatizzato non può essere utilizzato per tutte le pietanze, come si farebbe con il classico aceto di vino. Il consiglio è di prediligere quei piatti che naturalmente si sposano bene con il dragoncello. Dunque, i secondi di carne o di pesce e le insalate molto corpose. Io lo uso spesso per condire il pesce al cartoccio e la selvaggina, e mi trovo davvero bene. Anche sulle patate fa la sua bella figura, specie se si tratta di patate novelle. Ho scoperto che è ottimo per sciogliere la senape in polvere di tipo inglese quindi ideale per preparare la salsa alla senape.

Un approfondimento sul dragoncello

L’ingrediente principale di questo aceto è proprio il dragoncello. Molti di voi non lo conoscono, e d’altronde non figura tra i protagonisti della cucina italiana, a dispetto delle soddisfazioni che è capace di regalare. Vale la pena, dunque, approfondire un po’ l’argomento. Il dragoncello è una pianta aromatica, che si presenta con dei rametti ricchi di foglioline oblunghe. Quando lo si impiega crudo, quindi non sottoposto a un trattamento, si scelgono ovviamente le foglioline. In questo caso, invece, si utilizzano i rametti interi, in quanto lo scopo è quello di innescare un processo di infusione che insaporisca in modo intenso l’aceto di vino. Il dragoncello può essere considerato alla stregua del prezzemolo, dell’origano e del rosmarino. Tuttavia, in quanto ad aroma, non assomiglia a nessuno dei tre.

dragoncello

In un certo senso il dragoncello è unico, ma il suo impiego in cucina non è granché diffuso. Il motivo risiede nella tradizione, che lo vede più come una pianta officinale che come una spezia. In effetti, esercita delle importanti proprietà benefiche. In primo luogo aiuta a digerire, in virtù di un’abbondanza straordinaria di fibre e della presenza di alcune sostanze specifiche. Combatte anche le infiammazioni, specie quelle alla prostata e all’apparato urinario, e allevia il mal di gola e la tosse. Contiene anche molte sostanze che aiutano a prevenire le forme tumorali e giovano al cuore e alla circolazione. Insomma, le foglie di dragoncello sono una sorta di toccasana, che vengono preparate sotto forma di infuso e decotto. A tal proposito, infusi e decotti non sono la stessa cotta. Negli infusi l’ingrediente viene fatto riposare per qualche minuto nell’acqua bollente, mentre nei decotti l’ingrediente cuoce in abbondante acqua.

Le proprietà dell’aceto di vino

L’aceto di vino è l’altro ingrediente principale dell’aceto al dragoncello. Il suo ruolo è semplice, ossia assumere gli aromi e le proprietà del dragoncello. Per farlo, è necessario lasciare in infusione il rametto in una bottiglia per almeno due o tre settimane. L’aceto di vino, che figura tra i condimenti simbolo della gastronomia italiana, è un condimento atipico, in quanto può fungere anche da risorsa per la conservazione di alimenti. D’altronde, buona parte delle tradizioni italiane si basano proprio sulla conservazione sotto aceto. Al di là di ciò, l’aceto di vino è un ingrediente prezioso, anzi è decisamente valido dal punto di vista nutrizionale. In primo luogo, a differenza del vino vero e proprio, è poco calorico: 100 grammi apportano solo 19 kcal. Secondariamente, è ricco di sali minerali, come il calcio, il ferro, il magnesio, il potassio e lo zinco.

Il calcio giova alla salute delle ossa, contribuendo a prevenire le patologie a carico dell’apparato scheletrico. Il ferro regola l’ossigenazione del sangue, mentre il magnesio funge da ricostituente. Il potassio, infine, interviene in molti processi organici legati alla circolazione. L’aceto di vino contiene anche tracce di vitamina C, indispensabile per rafforzare il sistema immunitario.

L’importanza della sterilizzazione

Una fase fondamentale nella ricetta dell’aceto al dragoncello è la sterilizzazione. Per la precisione vanno sterilizzati il contenitore e il suo coperchio. Potete utilizzare indifferentemente le bottiglie o i barattoli, ma dovrete seguire sempre il medesimo procedimento. La sterilizzazione avviene, di norma, mediante bollitura. Se per esempio optate per i barattoli, dovete porli separati in una pentola colma d’acqua e farli bollire per almeno mezz’ora. Solo in questo modo potrete essere sicuri dell’assenza di batteri o altri microbi, che potrebbero intaccare i vostri alimenti.

Esistono altri metodi per sterilizzare, il primo consiste nella “cottura” al forno, che deve avvenire per poco tempo a temperature basse e di poco superiori a quelle dell’essiccazione. I più avventurosi utilizzano anche il forno a microonde, ma in questo caso è necessario regolare alla perfezione la durata, in quanto vi è il rischio che i vetri si rompano o si rovinino.

Un’altro condimento che si può preparare con quest’erba è il burro al dragoncello. Il burro al dragoncello è un’alternativa gradevole al burro classico. Fa parte della categoria dei burri aromatizzati, che apre scenari suggestivi in quanto a sapori, colori e applicazioni in cucina. Come tutti i burri aromatizzati, è anche molto semplice da preparare. L’unico ostacolo, se si può chiamare tale, riguarda le dosi. E’ bene che queste siano proporzionate con estrema precisione, in quanto vi è il rischio che il burro risulti squilibrato, e quindi sostanzialmente inservibile.

Ecco la ricetta dell’aceto al dragoncello:

Ingredienti:

  • 1 lt. di aceto di vino bianco,
  • 5 o 6 rametti di dragoncello.

Preparazione:

Per la preparazione dell’aceto al dragoncello iniziate sterilizzando il contenitore e il relativo coperchio o tappo. Potete utilizzare indifferentemente un barattolo o una bottiglia di vetro. Sciacquate i rametti di dragoncello e mettetene cinque o sei nel contenitore. Se desiderate un aceto dal sapore più intenso, spezzate i rametti prima di inserirli.

A questo punto versate l’aceto fino a coprire interamente il dragoncello. Etichettate e chiudete bene la bottiglia e lasciate riposare in un posto fresco e asciutto per circa 3 settimane. Più lo farete riposare e più forte sarà il suo sapore. L’aceto al drangoncello lo potete utilizzare per condire le insalate o contorni.

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Corzetti con porcini

Corzetti con porcini, un primo rustico e raffinato

Corzetti con porcini, un primo ricco ma leggero I corzetti con porcini sono un primo piatto che riconcilia con la più antica tradizione italiana, infatti sono realizzati con ingredienti semplici,...

Brodo di tè al crisantemo con animelle

Brodo di tè al crisantemo con animelle, un...

Brodo di tè al crisantemo con animelle, una preparazione insolita Il brodo al tè al crisantemo con animelle di agnello è una preparazione particolare, che va oltre la tradizione italiana e sfocia...

Pimpinella o sanguisorba

Pimpinella o sanguisorba, una pianta davvero versatile

Un focus sulla pimpinella La pimpinella è una pianta aromatica da sempre utilizzata nella cucina popolare e nella medicina naturale. Si presenta con un fusto eretto e sottile, dominato da foglie...

Pesto di aglio orsino

Pesto di aglio orsino, un’ottima variante da gustare

Usi e differenze del pesto di aglio orsino Oggi vi propongo il pesto di aglio orsino, un pesto diverso dal solito, sebbene vi siano dei punti in comune per quanto concerne il procedimento. Le...

Budino con ribes e fiori di ibisco

Budino con ribes e fiori di ibisco, un...

Budino con ribes e fiori di ibisco, il dessert per tutte le occasioni Il budino con ribes e fiori di ibisco è un’idea simpatica per un dessert che rispetta la tradizione dolciaria italiana ma,...

Erba pepe

Erba pepe o santoreggia, una pianta aromatica davvero...

Una pianta aromatica dai mille usi L’erba pepe, anche nota come santoreggia o erba dei satiri, è una pianta aromatica molto conosciuta dalle nostre parti e diffusa soprattutto nell’Appennino...

19-10-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti