Risotto alla pizza, un’idea sfiziosa

Risotto come pizza
Commenti: 0 - Stampa

Risotto alla pizza: la ratio dietro questa particolare ricetta

Il risotto alla pizza non è solo un primo piatto squisito, è anche il frutto della creatività in cucina, quella creatività che non teme le commistioni anche ardite tra pietanze diverse. Come suggerisce il nome, la ricetta richiama la pizza, quindi a un simbolo della cultura gastronomica nostrana. Questo richiamo è inteso non solo dal punto di vista estetico, ma si esplica in una scelta di ingredienti particolari.

Il risotto alla pizza è infatti un risotto realizzato con gli stessi ingredienti della pizza, ovviamente rimaneggiati per adattarli al contesto. Per esempio, il basilico viene frullato, e lo stesso avviene per il pomodoro. Per il resto, colori e sentori sono gli stessi di una classica pizza all’italiana. Il risultato è eccellente, sia per il palato che per gli occhi.

Perché proprio il riso Carnaroli?

A parte gli ingredienti tipici della pizza, il risotto vede come protagonista il Carnaroli, che non è solo una delle tante varianti presenti nel nostro paese, ma la variante da risotto per eccellenza. Il Carnaroli non scuoce, assorbe in maniera eccellente i sapori, tiene anche le alte temperature e le cotture prolungate. Si sposa benissimo tanto con gli ingredienti vegetali quanto con quelli di origine animale. Queste caratteristiche, tra l’altro, tornano utili anche in fase di mantecatura.

Risotto come pizza

E’ un riso tutto italiano, frutto dell’ingegno del professor Carnaroli, che lo ha selezionato dalle varietà Vialone e Lencino poco più di settant’anni fa. E’ un riso perfetto, che è diventato una costante dei risotti italiani ma che si è saputo imporre anche sulle tavole estere.

Un approccio particolare alla questione latticini

Quando si parla di pizza per alcune persone scatta il campanello d’allarme. Non tanto per il presunto rischio di ingrassare, o per una concentrazione di grassi troppo elevata, quanto per la presenza della mozzarella. Il riferimento, ovviamente, è a chi soffre di intolleranza al lattosio, che spesso e mal volentieri deve rinunciare alla pizza per evitare di sentirsi male.

Anche la ricetta del risotto alla pizza prevede l’uso della mozzarella, ma è un uso intelligente che garantisce la possibilità di consumo anche a chi manifesta questo problema di intolleranza. Infatti, la mozzarella in questione è delattosizzata, ovvero non contiene lattosio. Il processo di estrazione di questa sostanza, è bene specificarlo, è stato realizzato secondo dinamiche del tutto naturali, senza l’impiego di prodotti chimici o artificiali.

Ecco la ricetta del risotto alla pizza

Ingredienti per 6 persone:

  • 480 gr. di riso Carnaroli Riserva San Massimo
  • 80 gr. di scalogno
  • 1 mestolino di brodo vegetale
  • 1 peperoncino piccante
  • 400 gr. di polpa di pomodoro
  • 1 cucchiaino di origano secco
  • 1 mazzetto di basilico
  • 80 gr. di acciughe sott’olio
  • 60 gr. di burro chiarificato
  • 80 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 200 gr. di mozzarella delattosata
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Per la preparazione del risotto alla pizza iniziate rimuovendo la buccia dallo scalogno, tagliatelo a julienne e fatelo rosolare per 20 minuti a fuoco basso in una casseruola con dell’olio. Fate raffreddare, filtrate l’olio e conservatelo. Cuocete a parte la polpa di pomodoro, utilizzando però parte dell’olio allo scalogno, aggiungete anche il peperoncino, l’origano e il sale. Una volta cotta la polpa, frullatela in modo che diventi completamente liquida. Frullate separatamente anche il basilico (con olio, sale e pepe) e le acciughe (con un po’ di brodo).

Tostate il riso in una casseruola utilizzando l’altra parte dell’olio allo scalogno, coprite con il brodo e cuocete. Dopo dieci minuti dall’inizio della cottura inserite la polpa frullata, sale e pepe, infine portate a cottura. Spegnete il fuoco e mantecate con burro e parmigiano. Impiattate il riso e decorate con la mozzarella a pezzi piccoli, il “frullato” di basilico e quello di acciughe.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti