bg header
logo_print

Pasta al forno con zucca ed Emmental, un primo delizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pasta al forno con zucca ed Emmental
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

La ricchezza nutrizionale della pasta al forno con zucca ed Emmental

La tradizione italiana vanta molte varianti di pasta al forno, noi abbiamo optato per la pasta al forno con zucca ed Emmental. La pasta al forno è nata come ricetta di recupero, ma è poi diventata un tipo di preparazione con una sua specifica identità, un’occasione per sperimentare sapori e dare sfogo alla fantasia in cucina.

La pasta al forno base è “rossa”, ovvero prevede l’uso del pomodoro. Questa, invece, è “bianca”, infatti la nostra pasta al forno con zucca ed Emmental non richiede l’utilizzo di sughi, che vengono  sostituiti dalla pancetta e dall’Emmental. Il risultato è una pasta al forno squisita, dal sapore acceso, in cui l’abbondante presenza del formaggio non copre gli altri sapori, bensì li valorizza.

Ricetta pasta al forno con zucca

Preparazione pasta al forno con zucca

  • Per la preparazione delle pasta al forno con zucca ed Emmental iniziate lavando accuratamente la zucca e rimuovendo eventuali resti di terriccio.
  • Poi dividete la zucca in due e rimuovete la parte centrale, quella con i filamenti e i semi.
  • Dividete la zucca in otto parti circa, cercate di ottenere pezzi più piccoli possibili in quanto sarà più facile rimuovere la buccia esterna (spessa e coriacea).
  • Per eliminarla utilizzate un coltello a lama lunga appoggiandovi su un tagliere in legno. Utilizzate il coltello seguendo la buccia dall’alto verso il basso, a questo punto girate il pezzo e ripetete l’operazione per pulire il lato opposto.
  • Una volta ottenuta la polpa, tagliatela a cubetti.
  • Poi fate rosolare i cubetti di pancetta senza aggiungere grassi, estraeteli dal tegame e metteteli da parte.
  • Nello stesso tegame rosolate la zucca, integrando con un mestolo di brodo e un po’ di noce moscata. Completata la cottura frullate la zucca insieme a 75 ml di panna.
  • Ora cuocete la pasta al dente in abbondante acqua salata, scolatela e amalgamatela con la crema di zucca, poi aggiungete la pancetta rosolata e mescolate per bene.
  • Distribuite la panna rimanente in un tegame e versateci la pasta, infine mettete sopra l’Emmental a fette.
  • Concludete con un’abbonante sventagliata di parmigiano e cuocete leggermente al forno a 180 gradi per 15 minuti, o fino a quando la pasta non si sarà ben dorata.
  • Servite il piatto caldo e buon appetito!

Ingredienti pasta al forno con zucca

  • 320 gr. di mezze maniche rigate consentite
  • 400 gr. di cubetti di zucca
  • 200 gr. di Emmental Bavarese a fette
  • 80 gr. di cubetti di pancetta
  • 100 ml. di panna consentita
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • un mestolo di brodo vegetale
  • un pizzico di noce moscata
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e di pepe.

Pasta al forno con zucca ed Emmental, un piatto semplice e gustoso

La pasta al forno con zucca ed Emmental è molto semplice da realizzare. L’unico elemento di difficoltà sta nella pulitura della zucca, che può essere un’operazione laboriosa. Ne vale però davvero la pena dal momento che la zucca – specie se unita alla panna, come in questo caso – aggiunge un tocco di gusto e dolcezza alla preparazione.

E poi è un alimento sano, ricco di vitamine e sali minerali, e in particolare di potassio e vitamina C. In quanto ad apporto calorico, poi, siamo su livelli molto bassi. Insomma, la zucca è uno degli alimenti che meglio degli altri coniuga gusto e leggerezza, versatilità e reperibilità. Di certo, sostituisce egregiamente il pomodoro.

Il segreto della pasta con Emmental e zucca

Il segreto di questa pasta al forno con zucca sta nell’utilizzo abbondante di latticini. Mi riferisco all’ Emmental Bavarese che coniuga comodità e gusto, il tutto all’insegna del rispetto della tradizione. Un altro ingrediente a base di latticini è la panna delattosata. Una panna solo all’apparenza uguale alle altre (anzi più buona), ma adatta anche a chi ha problemi di intolleranza, è infatti senza lattosio.

Pasta al forno con zucca ed Emmental

In questo modo, può essere tranquillamente consumata anche dagli intolleranti a questa sostanza. Tra l’altro, il processo di rimozione del lattosio è completamente naturale: si applica l’enzima lattasi al latte, provocando la scissione nei più digeribili galattosio e glucosio. Va specificato, poi, che tale processo non incide minimamente sul gusto.

La pancetta e le sue proprietà nutritive

Un posto di primo piano è ricoperto dalla pancetta, che è un compagno tutt’altro che sporadico della zucca, specie nelle ricette che riguardano i primi piatti. Nello specifico, la pancetta va rosolata e l’olio che scaturisce dalla sua rosolatura viene impiegato per cuocere la crema di zucca. La pancetta è un alimento molto apprezzato, ma non gode di una reputazione eccellente, infatti si ritiene che sia eccessivamente grassa, e quindi alquanto “dannosa”. Ma è veramente così?

Che sia grassa non ci possono essere dubbi. Il suo impatto, però, dipende dalle dosi. In merito a questa ricetta, posso assicurare che la quantità di pancetta è assolutamente equilibrata. Da qui a dire che fa male, però, ce ne passa! E’ pur sempre un prodotto della carne, dunque apporta la sua dose di proteine, inoltre è ricca di vitamine del gruppo B e di potassio. La quantità di nitriti e nitrati è generalmente inferiore a quella dei salumi.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari?

Giunti a questo punto è doveroso chiedersi: la pasta al forno con zucca ed emmental è adatta a chi soffre di intolleranze alimentari? Per rispondere è necessario distinguere tra le varie forme di intolleranza. Per quanto concerne i celiaci è necessario qualche adattamento, ovvero si deve sostituire la pasta “standard” con una variante gluten-free. A tal proposito avete solo l’imbarazzo della scelta tra paste con farina di grano saraceno, farina di riso, farina di mais, di teff etc.

Discorso simile per chi soffre di intolleranza al lattosio. Buona parte dei derivati del latte è privo naturalmente di questa sostanza. Sto parlando dell’Emmental, del burro chiarificato e del Parmigiano grattugiato. Lo stesso non si può dire della panna, ma niente paura è sufficiente utilizzare la panna senza lattosio per ovviare al problema.

Per inciso la panna senza lattosio, se è di qualità, presenta un sapore quasi del tutto sovrapponibile alla panna standard. D’altronde il processo di delattosamento è naturale e consiste nell’aggiunta dell’enzima lattasi nel latte. Semaforo verde, invece, per chi soffre di intolleranza al nichel, infatti la zucca non contiene questa sostanza. Fate solo attenzione al brodo vegetale, che in genere è realizzato con ingredienti ricchi di nichel (ne parliamo nel prossimo paragrafo).

Come preparare il brodo vegetale

Per quanto riguarda il brodo vegetale la tentazione è quella di utilizzare il classico dado, che è pratico e veloce. Vi consiglio però di fare un passo in più, preparando il brodo in prima persona. Non è affatto complicato e vi consentirà di avere il pieno controllo sul grado di densità, sulla qualità e sugli ingredienti. Per chi soffre di problemi legati al nichel questa non è una scelta, ma un obbligo. Di base tutti i tipi di brodo vegetale sono ricchi dell’allergene incriminato. Per fare in modo che non lo siano è necessario cambiare gli ingredienti.

A tal proposito ecco la ricetta di un brodo a basso contenuto di nichel, che ho pubblicato qui sul sito. Come vedrete il trucco sta nel trattare correttamente gli ingredienti e nel dosarli con cura, soprattutto in relazione all’acqua.

Il contributo della noce moscata

La pasta al forno con zucca ed Emmental è un piatto tutto sommato semplice e a tratti rustico. Non stupisce dunque un così moderato impiego di spezie. Di base si utilizza la sola noce moscata, che viene integrata durante la fase di cottura della zucca in concomitanza con il brodo vegetale. La noce moscata aggiunge brio alla ricetta, nonché un tocco pungente e un aroma inconfondibile. Insomma, contribuisce ad aumentare lo spessore organolettico della pasta al forno.

Fate però attenzione alle dosi, basta un pizzico di noce moscata. Se esagerate, rischiate di coprire gli ingredienti e andare incontro ad alcuni effetti lievemente allucinogeni. Per il resto la noce moscata si pone sullo stesso piano delle altre spezie, ossia funge da antinfiammatorio, è ricca di antiossidanti e contiene ottime quantità di vitamine e sali minerali. Infine, vi ricordo che la noce moscata contiene notevoli dosi di nichel.

FAQ sulla pasta al forno con zucca

Che tipo di pasta scegliere per la pasta forno?

Per la pasta al forno è necessario utilizzare la pasta corta, se possibile di dimensioni medio grandi, in modo che possa coprire per bene la teglia. A mio avviso le mezze maniche sono il formato più adatto, ma potete utilizzare anche i rigatoni e le penne.

Come si cuoce la pasta al forno?

La pasta va prima lessata in abbondante acqua salata, lasciandola molto al dente. La cottura verrà poi completata al forno, una volta assemblata insieme agli altri ingredienti.

Quanta pasta usare per la pasta al forno?

Il consiglio è di regolarsi come se si preparasse un normale primo di pasta, dunque vanno bene 80-100 grammi a porzioni. Ovviamente, considerando che da una teglia si ricavano in media tre porzioni, dovreste inserire dai 320 ai 400 grammi di pasta.

Ricette con zucca ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...