Piadinelle farcite

Le preparazioni in cucina, come tutto del resto, non sono sempre le stesse: esistono piatti più impegnativi e ricercati, altri più semplici ma dal buon gusto, altri ancora che uniscono alla raffinatezza dei propri ingredienti una semplicità di preparazione che meraviglia: ebbene, le piadinelle farcite rappresentano proprio un esempio tipico di un piatto facente capo a questa terza categoria.

Almeno per una volta, potremmo fare a meno di sottrarre una fetta della nostra giornata da dedicare in cucina, perché se è vero che cucinare è un piacere è anche vero che, a volte, manca proprio il tempo o la volontà di farlo. E allora, ecco arrivare in nostro soccorso queste piadinelle tutt’altro che umili, perché realizzate con ingredienti altamente nobili, apprezzatissimi nella nostra cucina italiana.

Prosciutto crudo: il pregiato protagonista della nostra cucina mediterranea

Il prosciutto crudo è ormai divenuto il paradigma della nostra cucina mediterranea, non esiste stand enogastronomico nel quale non sia presentato, accompagnato magari da grissini e Grana Padano.

Frutto della nostra tradizione culinaria, nonché sottoposto, nel tempo, a sapienti innovazioni mirate ad ottimizzarne la conservazione, il prosciutto crudo vanta anche nobili proprietà nutritive.

Esso è infatti in grado di assicurare il giusto apporto energetico necessario per le prestazioni di ogni giorno, specie quelle sportive, in quanto ricchissimo di proteine, utili come noto per la salute e l’integrità della nostra muscolatura, per altro facilmente digeribili, caratteristica questa che lo rende cibo ideale per l’alimentazione di tutti, anziani e bambini compresi.

Il prosciutto crudo è altresì ideale per chi è carente in ferro e, contrariamente a quello che potrebbe pensarsi, anche per tutti coloro che hanno necessità di mantenere sotto controllo il tasso dei trigliceridi nel sangue.

Peculiarità degli altri ingredienti

Anche gli altri ingredienti chiamati ad accompagnare questo fantastico, celere e pur raffinato piatto sono molto peculiari, oltre che notevolmente apprezzati dal consumatori: basti pensare alla scamorza affumicata, sottoposta ad un meticoloso e lento processo in grado di renderla preziosa e gustosa e più vulnerabile ai batteri o, ancora, pensiamo all’insalata songino, anche nota come valerianella, l’insalata dalle piccolissime dimensioni ed dal grande gusto, che, con le sue foglie carnose, si rivela ricca di nutrienti importanti che ne fanno un vero toccasana per il nostro organismo, basti solo pensare alla sua capacità di favorire la circolazione del sangue, rinforzare i vasi capillari, nonché alle sue capacità diuretiche e depurative che la rendono ingrediente perfetto per i nostri contorni.

Ma vediamo nello specifico come preparare questo piatto così rapido nella realizzazione e goloso.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 piadinelle senza glutine
  • 8 fette di prosciutto crudo
  • 1 pezzo emmenthal
  • foglie di insalata

Preparazione

Tagliate l’emmenthal a fette.  Lavate e tagliate il pomodoro a fette. Scaldate bene una padella antiaderente prima di mettere a cuocere una piadinella. Adagiatevi sopra le fettine di emmenthal  e quando vedete che comincia a sciogliersi aggiungete il prosciutto crudo, l’insalata e il pomodoro. Richiudetela e rigiratela. Lasciate in padella ancora qualche istante e servite ben calda.

Potete sostituire il prosciutto con tutti i salumi che avete a portata di mano e l’emmenthal con caprino, scamorza, mozzarella, gorgonzola.

Potete aggiungere per farcire fette di pomodoro oppure delle zucchine o melanzane grigliate.

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *