bg header

Insalata di trofie con pomodorini, funghetti e rucola

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

insalata di trofie con pomodorini

Insalata di trofie che bontà!

Oggi abbiamo scelto di preparare delle splendida insalata di trofie con pomodorini, funghetti e rucola, un primo piatto fresco, saporito, nutriente e sfizioso. Con le insalate di pasta ci si può davvero sbizzarrire. Le combinazioni possibili sono pressocché infinite, tra condimenti e formati di pasta.

Questo piatto, come vedrete, è ricco di sapori e condimenti ma facilissimo e piuttosto veloce da preparare.

Peperoni, pomodorini, funghetti, olive e rucola, sono tutti ingredienti degni di essere protagonisti anche da soli e adatti a pietanze eccellenti. Messi assieme, però, il risultato è ancor più delizioso! Con questa insalata di trofie possiamo comporre un pranzo speciale, in pochi minuti. Come ogni insalata di pasta, anche in questo caso, possiamo decidere se consumarla a casa, oppure – a necessità – in ufficio, in spiaggia, a scuola, all’università, al parco, ecc. Quante possibilità per un solo piatto e poi, che bel sapore.

Pomodori: ottima fonte di antiossidanti

pomodori sono l’ortaggio principe della dieta mediterranea, nondimeno è un ingrediente ricorrente in molte altre tradizioni gastronomiche. Il motivo è semplice, è buono, nutriente, versatile e fa molto bene alla salute. Tra le altre cose, è ricco di vitamina C ed E. Inoltre è ricco di antiossidanti come il licopene, il quale giova alla salute del cuore, contrasta gli effetti dei radicali liberi e aiuta a prevenire il cancro. Contiene anche tanti carotenoidi che stimolano la produzione di  vitamina A. I pomodori sono un toccasana anche per l’apparato cardiovascolare, in quanto abbassano il colesterolo cattivo e aiutano a prevenire la pressione alta. Il tutto al costo di un apporto calorico davvero basso.

Il pomodoro, per quanto venga considerato un ortaggio, in realtà è un frutto e più propriamente una bacca. Cresce soprattutto nei climi mediterranei, leggermente caldi e umidi. La qualità del frutto dipende principalmente dalla ricchezza del suolo e della sua capacità di trattenere l’acqua.

Le più diffuse e conosciute varietà di pomodori

Il pomodoro è coltivato in maniera intensiva al di fuori delle Americhe da quasi mezzo millennio, dunque non stupisce la quantità di varietà attualmente a disposizione. Ecco una rapida panoramica di quelle più diffuse.

  • Costoluto. Si caratterizza per le coste laterali, una polpa piuttosto soda (e succosa) e un sapore deciso. E’ utilizzato soprattutto per le insalate.
  • San Marzano. E’ una delle varietà più apprezzate. Molto succoso e leggermente dolce; è particolarmente indicato per le salse.
  • Cuor di bue. E’ una delle varietà più coltivate, si caratterizza per una polpa molto soda e per l’assenza di filamenti. E’ il classico pomodoro da insalata.
  • Piccadilly. Varietà di pomodorini molto coltivata, è apprezzata per il suo sapore dolce, da spendere soprattutto nella preparazione di insalate.
  • Datterini. Varietà ascrivibile alla categoria dei pomodorini da mensa, si adatta sia alla produzione di salse che al condimento a crudo, piuttosto che alle insalate.
  • Pachino. Varietà coltivata soprattutto in Sicilia, racchiude in sé tutte le caratteristiche migliori delle altre tipologie di pomodorini. Ottimo sia come condimento che come ingrediente da insalata.
  • Piennolo: Il pomodorino del Piennolo è una varietà molto particolare, non solo rispetto al pomodoro classico. Si caratterizza, infatti, per un sapore molto dolce, che se da un lato gli conferisce un surplus di gusto a tratti sorprendente (soprattutto per chi non è abituato) dall’altro determina una certa versatilità.
  • Kumato:  sono un po’ più dolci rispetto ai pomodori rossi, e presentano persino qualche nota lievemente acidula
  • Yoom. È una varietà e un prodotto registrato. Infatti, ha fatto la sua comparsa solo nel 2019, frutto della “sapienza botanica” del produttore Syngenta. Si caratterizza per il colore viola, determinato da un’abbondanza di antocianine, e per un sapore equilibrato, tra l’acidulo e lo zuccherino.

Che si mangia oggi?

Si avvicina l’ora di pranzo e non avete ancora deciso cosa mangiare? Nessun problema, presto detto e presto fatto! L’insalata di trofie con pomodorini, funghetti e rucola, è un piatto che sarà bello e pronto in circa 20 minuti, incluso il tempo di lessatura della pasta. Il risultato non suggerisce certo la semplicità del piatto. Tanti sapori assieme, in perfetto equilibrio ed ogni ingrediente col proprio apporto nutrizionale.

Pensiamo per esempio ai peperoni, presenti rossi e gialli in questo piatto, ricchissimi di vitamine C, A e potassio. Oppure ai pomodorini, anch’essi ricchi di vitamine E, B, D, acido ascorbico e sali minerali come ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio. Il consumo di pomodorini favorisce dunque la digestione, effetti antiossidanti e vitaminizzanti. L’ideale insomma per restare in forma, fortificare l’organismo e ricaricarci per il resto della giornata.

insalata di trofie con pomodorini

Insalata di trofie: un fresco primo per tutte le occasioni

Preparando l’insalata di trofie con pomodorini, funghetti e rucola, prepariamo un primo piatto fresco e saporito, perfetto per l’estate proprio perché si prepara in poco tempo e non troppo caldo da mangiare. Potrete tranquillamente preparare nei momenti liberi l’insalata e servirla a tavola quando vi è più comodo, senza preoccuparvi troppo perché servendola fredda sarà sempre perfetta.

Una comodità da non sottovalutare, proprio nella bella stagione, quando il caldo ci porta a stare spesso a mare o in piscina, riducendo di fatto il tempo da dedicare ai fornelli. Un’ottima idea dunque anche da sfruttare in vacanza, quando possiamo cucinare nell’angolo cottura di un residence o di un B&B. 

Ed ecco la ricetta dell’ insalata di trofie con pomodorini, funghetti e rucola:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di trofie consentite
  • 8 pomodorini rossi e 8 pomodorini gialli
  • 10 olive nere denocciolate
  • 1 peperone rosso e 1 peperone giallo
  • 2 cucchiai di funghetti sott’olio
  • qualche  fogliolina di maggiorana fresca
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 50 gr. di rucola
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Lavate e tagliate i pomodorini a spicchietti. Lavate il peperone, liberatelo dai semini e dalle parti bianche, riducendolo a dadini. Scolate bene i funghetti dall’olio di conserva.  Tagliate a rondelle le olive. Lavate e mondate la rucola prima di tagliuzzarla finemente. Lavate la maggiorana. Tagliate i funghetti a metà.

Versate in un’insalatiera i pomodori, i peperoni, le olive,  i funghetti, la maggiorana e la rucola. Condite il tutto con sale, pepe, olio e succo di limone. Mescolate e mettete da parte per circa 10 minuti.

Nel frattempo dedicatevi alla cottura delle trofie in abbondante acqua leggermente salata. Scolate le trofie al dente e passatele sotto l’acqua fredda.  Versate le trofie nell’insalatiera e mescolate con cura. Il piatto è pronto, buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Bowl con capesante

Bowl con capesante, come valorizzare il celebre mollusco

Le proprietà del riso venere Il riso gioca un ruolo di fondamentale importanza per la bowl con capesante, infatti funge da base e allo stesso tempo da fonte di carboidrati. Il consiglio è di...

logo_print