Mafalde con punte di asparagi e pomodorini , un piatto light

Un primo light con le mafalde, con punte d’asparagi e pomodorini

Le mafalde con punte d’asparagi e pomodorini sono un piatto leggero e semplice, impreziosito da una pasta particolare. Come vedremo in seguito, le mafalde danno una marcia in più a questa pietanza piuttosto semplice ed essenziale.

Colorata di verde, bianco e rosso come la bandiera italiana, le mafalde con punte d’asparagi e pomodorini, sono un buon primo da servire tra primavera ed estate. Il gusto di pomodori ed asparagi viene unito ed arricchito dall’apporto del cipollotto e dall’aroma al limone, un tocco di freschezza agrumata che lascia il segno.

Una pasta speciale: le mafalde

Se non avete mai sentito parlare delle mafalde, questa ricetta può essere l’occasione giusta per approfondirne la conoscenza.

Le mafalde sono una pasta di origine campana, lunga, piatta, stretta e dai caratteristici bordi frastagliati. Inizialmente note con il nome “fettucce ricche” oppure “Manfredi” vennero infine ribattezzate “mafalde” o “reginette” in onore della principessa Mafalda di Savoia.

Alcune marche di pasta per definire questa stessa tipologia utilizzano il nome di “ricciarielli”, ma la sostanza non cambia. Siamo sempre di fronte ad un’importante pasta che si presta bene ai sughi, in particolare, le mafalde sono eccellenti per i ragù e non a caso in Campania si è soliti usarle in abbinamento ad un sugo di ricotta e ragù napoletano.

mafalde asparagi pomodorini ver

Esistono anche versioni più piccole, le mafalde corte, che conservano il tipico bordo arricciato ma sono di lunghezza notevolmente ridotta. Le stesse mafalde spezzate vengono spesso utilizzate per composizioni di pasta mischiata, rustiche e caserecce. Per questa ricetta abbiamo selezionato delle mafalde integrali che uniscono la particolare consistenza di questo formato ad una farina grezza particolarmente salutare.

Le pietanze della salute

L’asparago, più di altri ingredienti, si adatta e cambia sapore a seconda della ricetta in cui viene utilizzato. Ciò che rimane costante è il suo bagaglio di proprietà nutritive che ce lo fanno apprezzare ancora di più.

Gli asparagi sono in grado di stimolare la diuresi, purificare l’organismo e prevenire i tumori. Ma ciò non basta! Pare che, infatti, gli asparagi abbiano significativi effetti benefici sull’umore ed anche proprietà afrodisiache.

Si aggiungono al quadro salutare anche vitamine, fosforo, potassio, calcio e sali minerali. Per tutte queste ragioni mangiare queste mafalde integrali con gli asparagi ed i pomodorini ci da una carica in più! Perché non provare?

Ed ecco la ricetta delle mafalde, con punte d’asparagi e pomodorini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 240 gr. di mafalde Garofalo
  • 10 pomodorini ciliegini
  • 1 cipollotto
  • 500 gr. di asparagi
  • 2 cucchiai di capperi
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale
  • q. b. di origano

Preparazione:

Lavate gli asparagi e tagliate via le punte; cuocete le punte di asparago a vapore per circa 15 minuti. Nel frattempo, in un’altra pentola fate bollire dell’acqua lievemente salata e lessate le mafalde per il tempo indicato sulla confezione.

Dissalate i capperi sotto l’acqua corrente un paio di volte. Tritate finemente il cipollotto, lavate poi i pomodorini e tagliateli a spicchi. In un altro pentolino ponete un giro d’olio extravergine e, appena si è scaldato, versatevi il cipollotto tritato.  Unite dunque al cipollotto soffritto, i pomodorini tagliati e lasciate cuocere per circa 2 minuti.

Scolate la pasta al dente ed aggiungetela nella padella con cipollotto e pomodorini, facendo saltare il tutto per insaporire. Unite alla pasta gli asparagi precedentemente cotti al vapore, i capperi ed il succo di limone. Dopo aver mescolato spolverate a piacere un po’ origano sulla pasta e servite.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *