Filetto di orata in crosta di patate per Pasqua

Filetto d’orata in crosta di patate
Commenti: 0 - Stampa

Un delizioso filetto con contorno di patate, fave, asparagi e piselli.

L’ispirazione per questo filetto di orata in crosta di patate è nata pensando alla Pasqua, vagando con la mente alla ricerca di un secondo piatto che potesse piacere a tutti ma restare comunque piuttosto leggero e semplice da preparare. Tuttavia, nulla lo vieta, questo stesso filetto può essere proposto e riproposto come secondo, a pranzo o a cena, in qualsiasi occasione.

L’orata è senza dubbio uno dei pesci più versatili da utilizzare in cucina ed il suo sapore delicato si sposa bene con diversi tipi di cottura e condimenti. In questo caso, abbiamo deciso di abbinare i filetti di orata ad una selezione di verdure, nutrienti e saporite. Ogni ingrediente in quest’ottica da il suo contributo allo spettacolo finale. Ed ecco che fave, asparagi, piselli ed anche la panatura di patate, compongono un mix vincente per questo piatto.

Tra le altre doti di questo prodotto ittico spunta la bassa concentrazione di colesterolo (solo 65 milligrammi ogni 100 grammi). Inoltre, a tutto ciò che avete appena letto, potete aggiungere un’ampia varietà di sali minerali, come calcio e fosforo, e una notevole quantità di vitamine del gruppo B. Secondo le ricerche, l’orata può servire per combattere l’arteriosclerosi e le malattie del fegato, ed è molto indicata per i bambini e per gli adolescenti, in quanto utile per la loro crescita.

Tra le proprietà e i valori nutrizionali dell’orata possiamo quindi riscontrare molti elementi positivi, ma ci sono alcune (contro)indicazioni delle quali dobbiamo tenere conto: per essere perfetta sotto ogni punto di vista, dev’essere fresca e di qualità. Anche la provenienza conta molto. Infatti, l’eventuale presenza di agenti particolarmente inquinanti nelle acque dove è stata pescata può fare la differenza e lo stesso vale per quanto riguarda l’alimentazione se proviene da un allevamento. In pratica, sarà necessario fare un acquisto ponderato e tutto andrà bene!

Che si mangia a Pasqua? Una proposta light, finalmente!

È passato un altro anno e come ogni anno neanche il tempo di capacitarcene che arriva già Pasqua! Ed eccoci qui, puntuali come ogni volta, a chiederci cosa sarebbe meglio preparare per il classico pranzo in famiglia. Chi ci sarà? Come componiamo il menù? Com’è andata l’anno scorso? I giorni di festa sono spesso l’occasione per lasciarci andare alla golosità, preparando piatti ultra-calorici e complessi, ma questa volta abbiamo deciso di stupire tutti con un secondo leggero ma gustoso.

Filetto d’orata in crosta di patate

A Pasqua, stavolta, proponiamo un delizioso filetto di orata in crosta di patate, una leccornia light che piacerà a tutti e senza richiedere trasgressioni alla dieta! Preparare questo nostro secondo sarà piuttosto pratico e semplice, con ingredienti facilmente reperibili e tempi di preparazione veloci, così da consentire anche agli “addetti alla cucina” una giornata di relax. Che ne pensate? Sarà l’idea giusta, anche per voi?

Le proprietà del filetto di orata

L’orata è uno dei pesci maggiormente apprezzati del Mediterraneo. I suoi filetti vengono utilizzati per la composizione di molte ricette, sempre vincenti, sia nelle cucine più rustiche che in quelle più raffinate. Questo pesce è reperibile nei mercati a prezzi piuttosto accessibili, fatto dovuto ad una relativa semplicità d’allevamento.

Occorre tuttavia sottolineare che l’orata d’allevamento presenta circa il 20% di grassi in più rispetto ad una pescata in natura. È in ogni caso un pesce adatto alle diete ipocaloriche ed ipercolesterolemia. Il consumo d’orata garantisce all’organismo vitamine e proteine, oltre che acidi grassi polinsaturi. Io mi rivolgo al mio pescivendolo di fiducia e sono sicura del pesce che acquisto e me lo faccio anche sfilettare!

Ed ecco la ricetta del filetto di orata in crosta di patate:

Ingredienti per 6 persone:

  • 6 filetti di orata
  • 400 gr. di fave
  • 400 gr. di piselli
  • 500 gr. d’ asparagi
  • 500 gr. di pomodorini datterini
  • 1 arancia
  • 600 gr. di patate
  • 1 mazzetto di timo
  • 40 gr. di burro chiarificato
  • 1 mazzetto di menta
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • q. b. di pepe

Preparazione:

Pulite gli asparagi e sgusciate fave e piselli. Ponete il tutto a cuocere in una pentola con dell’acqua fredda salata e, quando saranno cotti, raffreddateli velocemente versandoli in acqua e ghiaccio. Scolate il tutto e tenete fave, piselli ed asparagi da parte. Lavate i pomodorini e tagliateli a metà. Disponete i pezzetti di pomodorino su di una placca ricoperta da carta da forno e conditeli con sale, pepe, olio e la scorza grattugiata di un’arancia.

Sbucciate le patate e grattugiatele grossolanamente, condendole poi con sale, pepe e timo tritato. Rimuovete con attenzione tutte le spine presenti nei filetti d’orata e copriteli con le patate tritate. In una padella con un po’ d’olio, rosolate i filetti per fissare meglio le patate. Predisponete poi una placca con carta da forno ed adagiate i filetti completandone la cottura al forno, per 10 minuti a 180°. Ponete fave, piselli ed asparagi in una padella e rosolateli con burro, menta, sale e pepe. A questo punto gli ingredienti sono pronti per essere impiattati, quindi disponete i filetti d’orata in crosta di patate con accanto il loro accompagnamento di verdure. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone. Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti