Filetto di orata al forno con peperoni e pallotte di riso

Filetto di orata al forno con peperoni

Filetto di orata al forno con peperoni e pallotte di riso. La differenza tra un cuoco e un bravo cuoco sta nella cura del dettaglio. “Impiattare” come si deve non è monopolio dei grandi chef, ma è un arte che si può imparare

Anche se la vista è sicuramente il primo dei sensi  che usiamo in cucina, curare l’aspetto di come si presenta il cibo è sicuramente il secondo oltre che un modo per esprimersi creativamente.

Pensate semplicemente a quanti bambini si rifiutano di mangiare perché quello che hanno nel piatto che hanno davanti ha un colore che non gli piace o un odore sgradevole?

Credo anche che sia azzardato affermare che il modo con cui si presenta in tavola un piatto esprime molto, se non tutto,  del carattere di chi ha cucinato.

Ecco quindi le basi per poter impiattare con un certo criterio, oltre che buongusto.  Sicuramente come prima cosa  ci deve essere un giusto contrasto di colori piacevole da vedere. Pensate a un petto di pollo lesso, che io detesto,  se fosse  circondato da fettine di pomodoro distribuite su un letto di zucchine cotte al vapore, potrebbe perdere l’aspetto da “ospedale”.

E una semplicissima mousse di castagne può arricchirsi in tutti i sensi con una contorno di biscotti sbriciolati e tostati.

Se il è  tondo la pietanza va messa nel centro, la salsa va messa intorno e l’elemento decorativo va messo nella parte superiore. Ultimamente ho capito quante possibilità decorative in più abbiamo se usiamo dei piatti rettangolari o quadrati che ci permettono di utilizzare anche linee diagonali e croci.

Ho imparato durante la preparazione dei piatti per il libro, che per decorare i piatti si possono usare delle semplici erbette aromatiche oppure i fiori di frutta e verdura intagliati: ad esempio l’erba cipollina può essere usata per legare piccoli fagottini.

Ma non solo, anche le creme, le marmellate e i sughetti possono venirci in aiuto per colorare un piatto: una crema di peperoni sparsa a goccioline per decorare il piatto, oltre che a donare un buon sapore, ha davvero un bell’impatto visivo.

Filetto di orata al forno con peperoni e pallotte di riso per il tuo pranzo di oggi. E’ una ricetta semplice ma che ti frà fare un figurone.

Ed ecco la ricetta del Filetto di orata al forno con peperoni e pallotte di riso

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 filetti di orata da circa 200 g cadauno
  • 3 peperoni gialli
  • 2 spicchi d’aglio
  • rosmarino
  • sale

per le pallotte di riso

  • 500 gr. di riso
  • 500 gr.di ricotta delattosata Accadi
  • 4 uova di media grandezza
  • 150 gr. di parmigiano reggiano grattugiato 36 mesi
  • 100 gr. pane grattugiato di riso
  • 1/2 peperone giallo
  • sale

Preparazione

Cuocete il riso al dente, scolate e fate raffreddare.Mettete i peperoni interi nel forno accendendo il grill superiore e appena cominceranno ad appassire, toglieteli dal forno e spellateli.Tagliateli a striscioline eliminando i semi e i filamenti bianchi interni. Conditeli con un pò d’olio e gli spicchi d’aglio affettati finemente e tritati. Lasciateli a marinare mentre preparate il pesce e le pallotte di riso

In una teglia rivestita di carta da forno adagiate i filetti , salateli e passate in forno già caldo a 200° per una ventina di minuti.

In una terrina sbattere le uova, aggiungete il riso, la ricotta, il formaggio, il pane grattugiato, il timo tritato, i peperoni tagliati a dadini piccolo e un po’ di sale.

Amalgamare bene il tutto; con l’impasto ottenuto formare delle pallotte di media grandezza e sistemarle sulla teglia in forno per una ventina di minuti

Quando avete tutto pronto cominciate ad impiattare il tutto, disponete i peperoni marinati come letto dell’orata che arrotolerete intorno a se stessa e servite con le pallotte di riso

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salmone al pino mugo

Salmone al pino mugo, un secondo dal gusto...

Salmone al pino mugo, un secondo di pesce davvero particolare. Il salmone al pino mugo è un secondo di pesce dal sapore delicato e allo stesso tempo estremamente aromatico. Di base si tratta di un...

Pallotte cacio e ova

Pallotte cacio e ova, un piatto della cucina...

Pallotte cacio e ova, una pietanza rustica Le pallotte cacio e ova sono una specialità abruzzese della tradizione contadina. Sono realizzate con ingredienti semplici e reperibili, come vuole la...

Zucchine tonde ripiene con hummus

Zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa, un...

Zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa, un’idea davvero originale Le zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa sono e una variante molto gustosa delle classiche zucchine ripiene. Le...

Coda di vitello con salvia e patate

Coda di vitello con salvia e patate, un...

Coda di vitello con salvia e patate, una peculiarità della cucina popolare La coda di vitello con salvia e patate è un particolare secondo piatto. In primo luogo perché è realizzata con la coda...

Bogia con pure di zucca e patate

Bogia con purè di zucca e patate, un...

Bogia con purè di zucca e patate, un piatto tradizionale Oggi vi presento una ricetta che mi sta particolarmente a cuore, una pietanza che richiama alla mente dei preziosi ricordi: la bogia con...

Scaloppine al vino bianco

Scaloppine al vino bianco e funghi, un classico...

Scaloppine al vino bianco e funghi, un’alternativa gustosa Le scaloppine al vino bianco e funghi sono un secondo piatto di carne leggermente diverse dalla ricetta classica, ma in grado comunque di...

06-02-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti