Scalogni glassati al vino rosso, un contorno gustoso

Scalogni glassati al vino rosso
Commenti: 0 - Stampa

Scalogni glassati al vino rosso, come si mangiano?

Gli scalogni glassati al vino rosso sono un’idea sfiziosa per un contorno semplice da preparare, ma in grado di stupire sotto tutti i punti di vista: estetica, gusto ed equilibrio. Sia chiaro, si tratta pur sempre di un contorno rustico, visti gli ingredienti in gioco, ma comunque in grado di incarnare lo spirito della tradizione culinaria italiana e di rendere onore a uno degli ingredienti più sottovalutati e probabilmente fraintesi della cultura gastronomica nostrana, lo scalogno appunto.

Perché gli scalogni glassati sono un ottimo contorno? In primis perché rappresentano una rivisitazione dello scalogno stesso, che in questo caso non si limita a fungere da “materiale per soffritto” ma anzi diventa l’ingrediente principale di una portata. Secondariamente perché è un contorno equilibrato, che esercita esattamente le funzioni che un contorno dovrebbe esercitare: riduce momentaneamente il senso della fame, premia il gusto, apre la strada a un primo e a un secondo decisamente più sostanziosi.

E poi è un contorno ipocalorico, almeno rispetto ad altri contorni più pesanti come quelli a base di affettati e formaggio, che tra l’altro chiamano a “gran voce” il consumo di pane. Gli scalogni glassati al vino rosso non apportano quantità eccessive di calorie, anzi queste sono nella maggior parte fornite dal burro, la cui presenza è comunque appena accennata, e dal vino impiegato in fase di sfumatura. Per il resto, non c’è nulla che possa far pensare a una portata calorica (manca persino l’olio, sostituito appunto dal burro).

Scalogno, un alimento sottovalutato

Di scalogno si sente parlare moltissimo, soprattutto tra chi bazzica in cucina più o meno professionalmente. Anzi, da qualche tempo è proposto come un sostituto della cipolla, un’alternativa da preferire. Tuttavia, non è chiaro il confine tra uso consapevole dello scalogno e il semplice “uso” per moda. In realtà, lo scalogno ha una sua precisa identità, e presenta alcune differenze importanti con la cipolla, a tal punto che il suo utilizzo va preferito a quello della cipolla, soprattutto se l’obiettivo è quello di realizzare un soffritto come si deve.

Scalogni glassati al vino rosso

Nello specifico, lo scalogno propone un sapore molto più delicato, più aromatico, forte di alcuni sentori agliosi. Inoltre, essendo meno pesante, non impatta molto sull’alito. La cipolla è più pungente, più pesante sotto tutti i punti di vista, dunque andrebbe utilizzata solo in caso di soffritti di cui si vuole un sapore deciso. E’ ovvio che per questa specifica ricetta, che trasforma il bulbo da condimento a ingrediente principale, vada utilizzata la variante più leggera, ovvero lo scalogno.

Tra l’altro il sapore dello scalogno viene comunque mitigato dalla presenza degli altri ingredienti, in primis dal burro, che rappresenta la base per il soffritto e che propone un approccio più morbido rispetto all’olio. In secondo luogo il vino rosso, di cui però parleremo più approfonditamente nel prossimo paragrafo.

Il particolare ruolo del vino rosso

Il vino rosso gioca un ruolo fondamentale nella ricetta degli scalogni glassati. Lo si evince innanzitutto dalla lista degli ingredienti, che impone l’uso di ben 100 ml, una quantità rilevante ed equivalente a poco meno di un bicchiere. Secondariamente perché il vino rosso, a prescindere dalle varietà, incide pesantemente su qualsiasi piatto. Lo fa dal punto di vista del sapore, certo, ma anche in termini di equilibrio tra i sapori. Non a caso, è utilizzato per sfumare, dunque per smorzare i sentori più pesanti, e in particolar modo pungenti o acidi, di alcuni ingredienti. Ebbene, il vino rosso agisce esattamente con questo scopo nella ricetta degli scalogni glassati.

Lo scopo del vino rosso è smorzare il gusto dello scalogno, che sebbene più leggero della cipolla rimane comunque forte. Ovviamente è il responsabile della sottile glassa che si forma a copertura dello scalogno, e che determina un impatto visivo davvero particolare. Infine, agisce anche e soprattutto in termini gustativi. Nonostante venga utilizzato soprattutto per la sfumatura, i sentori del vino rimangono e donano una potenza aromatica significativa allo scalogno. Per questi e altri motivi, gli scalogni glassati al vino rosso costituiscono un contorno semplice ma speciale, in grado di valorizzare, di fatto anticipandoli, i migliori pasti.

Ecco la ricetta degli scalogni glassati al vino rosso

Ingredienti per 4 persone:

  • 1/2 kg. di scalogni piccoli;
  • 100 ml di vino rosso corposo;
  • 30 gr. di burro chiarificato;
  • 1 spicchio di aglio;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Rimuovete la buccia dagli scalogni e dallo spicchio d’aglio. In un tegame dove avrete fatto sciogliere il burro, prima imbiondite lo spicchio d’aglio, poi soffriggete leggermente lo scalogno (a fiamma bassa) per circa cinque minuti.

Sfumate con il vino rosso e, una volta evaporato, coprite il tegame e continuate la cottura per circa mezz’ora, sempre a fuoco basso. Quando la cottura è terminata, aggiustate di sale e di pepe. Lasciate riposare per un paio di minuti e servite.

4.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

colazione per gli studenti

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti