Frittelle con ganache al cioccolato per un Carnevale diverso

Frittelle con ganache al cioccolato
Commenti: 0 - Stampa

Gusto e allegria con le frittelle ricoperte con ganache al cioccolato

Le frittelle ricoperte con ganache al cioccolato e zuccherini sono dolcetti colorati, gustosi e nemmeno troppo pesanti. Visto il loro aspetto visivo, decisamente “allegro” li consiglio in particolare per carnevale. Sono anche piuttosto semplici da preparare, per quanto contemplino la presenza di numerosi ingredienti. Vi basterà seguire alla lettera le indicazioni che vi dirò tra poco per realizzare delle frittelline davvero gustose e dalle resa estetica molto gradevole.

Per quanto riguarda il metodo di cottura non c’è alternativa, vanno fritte! Molte volte vi ho presentato come metodo alternativo la cottura al forno, ma in questo caso non è possibile, a meno di non stravolgere completamente la ricetta. Per quanto riguarda invece la ganache, che forse è l’unico elemento di difficoltà, il consiglio è di prestare molto attenzione quando realizzate il trito di cioccolato, che deve essere piuttosto fino in modo da consentire la creazione di una crema il più possibile omogenea.

Il segreto delle frittelle ricoperte con ganache al cioccolato

Il vero segreto delle frittelle ricoperte con ganache al cioccolato non sta né nella ganache né nei zuccherini, che pure fanno la loro parte in termini di impatto visivo. Il segreto di questa ricetta è il latte Accadì di Granarolo. Si tratta di un latte particolare, più leggero della media, gustoso, genuino e realizzato con la migliore materia prima. E’ la dimostrazione della capacità di granarolo di offrire solo il meglio sapendo coniugare leggerezza e gusto.

Frittelle con ganache al cioccolato

Il punto di forza del latte Accadì è la totale assenza di lattosio. In questo modo può essere consumato – e con esso anche la ricetta – dagli intolleranti a questa sostanza. Non dovete pensare al processo di rimozione del lattosio come a un qualcosa di artificioso o, peggio, chimico. Esso consiste in una reazione del tutto fisiologica, che avviene nell’organismo di chi può digerire il latte. In parole povere questa reazione ha come protagonista l’enzima lattasi, in grado di provocare la scissione del lattosio in galattosio e glucosio.

I tanti pregi della farina di riso

L’altra protagonista di queste frittelle con ganache è la farina di riso. Si tratta di una farina particolare, che può essere consumata anche dai celiaci e dagli intolleranti al glutine. La farina di riso, infatti, non contiene questa sostanza. In tal modo, le frittelle ricoperte con ganache al cioccolato e zuccherino diventano dolcetti a prova di intolleranza e disturbi dell’assorbimento, quindi un ricetta completamente libera dal lattosio e dal glutine.

Non dovete pensare però alla farina di riso come a un mero surrogato. Infatti, si tratta di un ingrediente dotato di una specifica identità, dal gusto riconoscibile, dal buon potenziale pianificatorio e dalle importanti capacità nutrizionali. Per esempio, contiene meno grassi rispetto alle tradizionali farine bianche. La quantità di proteine, poi, non è affatto trascurabile, mentre è eccellente quella di sali minerali e vitamine. In quanto ad apporto calorico, si pone sullo stesso piano delle altre farine, dunque supera le 350 kcal per 100 grammi.

Ecco la ricetta delle frittelle ricoperte con ganache al cioccolato:

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 275 gr. di farina di riso finissima;
  • 1 uovo grande;
  • 1 bicchiere di latte Accadì;
  • 100 gr. di zucchero;
  • 1 bustina di lievito;
  • una punta di estratto di vaniglia;
  • 1 fiala di aroma di limone;
  • 1 litro di olio di girasole;
  • un pizzico di sale;
  • q. b. di zuccherini colorati.

Per la ganache:

  • 250 gr. cioccolato fondente 70%;
  • 200 ml di panna fresca Accadì;
  • 20 gr. di burro chiarificato freddo.

Preparazione:

Per la preparazione delle frittelle con ganache iniziate versando in una ciotola lo zucchero, l’uovo e la vaniglia. Mescolate questi ingredienti con una frusta e aggiungete gradualmente circa 135 grammi di farina continuando a mescolare. Infine versate il latte e mettete un po’ di sale. Mescolate con energia fino a quando non avrete ottenuto un composto sufficientemente liquido. Poi inserite anche il lievito, l’aroma di limone e la parte restante di farina. Inserite il composto nella planetaria e fate mescolare per pochi minuti. Dopo questa fase, se il composto risulterà ancora troppo liquido, aggiungete un altro po’ di farina. Ora fate scaldare l’olio e quando è ben caldo versate un cucchiaino di impasto. Ripetete il gesto fino a quando tutto l’impasto non sarà terminato. Non appena le frittelle cominciano a salire in superficie e ad apparire ben dorate, estraetele e posizionatele sulla carta assorbente.

Per quanto riguarda la ganache, iniziate tritando il cioccolato e scaldando la panna a bagnomaria. Non appena la panna diventa ben calda, versate il cioccolato tritato e scioglietelo utilizzando un leccapentole. Il composto deve diventare cremoso e abbastanza denso. Ora spegnete la fiamma e versateci il burro freddo sciogliendolo con il leccapentole. Una volta che il composto è pronto, passate le frittelle prima nel composto di cioccolato e poi negli zuccherini (che avrete messo in una ciotola a parte). Avete a disposizione due alternative: o passare le frittelle nel composto nella loro interezza (ad immersione) o solo un lato (come vedete in foto). Posizionate su una gratella per far raffreddare prima di servire.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-02-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

torta di pere

Torta ripiena di pere, un dessert ottimo per...

Torta ripiena di pere, un dolce semplice ma ricco di gusto. La torta ripiena di pere è un dolce che assomiglia a una crostata. Differisce da quest’ultima, però, per la presenza della pasta...

Budino al cioccolato per Carnevale

Budino al cioccolato per Carnevale, un dolce colorato

Budino al cioccolato per Carnevale, un dessert speciale con il minimo sforzo Il budino al cioccolato, come tra l’altro suggerisce il nome, è un dessert perfetto per rendere speciali le feste di...

Semifreddo al profumo di arancia

Semifreddo al profumo di arancia, un dessert colorato

Semifreddo al profumo di arancia, perché è così speciale? Il semifreddo al profumo di arancia ha tutte le carte in regole per essere “il dessert” ideale per Carnevale. In primis è colorato,...

Migliaccio di Carnevale

Migliaccio di Carnevale, dolce perfetto per le feste

Migliaccio di Carnevale, un dolce ottimo con il minimo sforzo Oggi vi presento il migliaccio di Carnevale, una torta che molti di voi già conosceranno, anche perché è una delle più famose in...

Stelle ripiene di castagne

Stelle ripiene di castagne per un Carnevale diverso

Stelle ripiene di castagne e uvetta, dei dolcetti colorati e deliziosi Le stelle ripiene di castagne e uvetta sono dei dolcetti squisiti e dal grande impatto visivo, da proporre in particolar modo...

Bollicine con spuma di frutta frizzante

Bollicine con spuma di frutta frizzante, fresco aperitivo

Bollicine con spuma di frutta frizzante, gustoso e fresco Le bollicine con spuma di frutta frizzante rappresentano un’ottima idea per un aperitivo diverso dal solito, una bevanda fresca, colorata...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti