Bollicine con spuma di frutta frizzante, fresco aperitivo

Bollicine con spuma di frutta frizzante
Commenti: 0 - Stampa

Bollicine con spuma di frutta frizzante, gustoso e fresco

Le bollicine con spuma di frutta frizzante rappresentano un’ottima idea per un aperitivo diverso dal solito, una bevanda fresca, colorata e salutare. Vista la sinfonia di colori, l’aperitivo è consigliabile anche per i buffet di carnevale, la festa “colorata” per eccellenza. Cosa hanno di speciale le bollicine con spuma di frutta frizzante? Gli elementi notevoli sono numerosi, ma qui ne cito in particolare uno: la sifonatura. La ricetta originale prevede l’uso del sifone, che consente di insufflare anidride carbonica in maniera uniforme, dunque ricreare l’effetto frizzante o delle vere e proprie spume. Certo, soprattutto se volete produrre la spuma dovrete pazientare un po’, poiché il processo non è proprio immediato, ma ne vale decisamente la pena.

Le bollicine con spuma di frutta frizzante hanno come protagonista la frutta. La ricetta comprende svariati frutti, e nello specifico i frutti di bosco, il kumquat e l’uva rossa. Del kumquat parlerò nel prossimo paragrafo. In questo vorrei soffermarmi sull’uva rossa. Essa viene infatti data un po’ per scontata, e quindi spesso se ne disconoscono i benefici. Tra questi spicca senz’altro la concentrazione di antiossidanti e di vitamina A. L’uva rossa è anche un antivirale naturale, non a caso emergono, di tanto in tanto, studi che dichiarano le virtù del vino rosso nel contrasto a questo o a quel virus. Quindi, perchè privarci proprio dell’uva rossa nel nostro aperitivo? L’uva rossa, nella ricetta delle bollicine con spuma di frutta, viene “resa frizzante” per mezzo del sifone e posta in uno spiedino, a mo’ di decorazione.

Cos’è lo xantano e perché è stato utilizzato

Nella nostra ricetta delle bollicine con spuma di frutta abbiamo utilizzato lo xantano, un ingrediente che probabilmente non avrete sentito spesso nominare. Infatti, non è un ingrediente così diffuso, anzi è in realtà di nicchia, utilizzato da pasticceri e barman. Lo xantano è un addensante, vagamente paragonabile alla gelatina, ma meno invasivo in termini di sapore. Nella ricetta delle bollicine con spuma di frutta gioca un ruolo fondamentale in quanto viene inserito nel sifone insieme alla purea di frutti di bosco. Il suo scopo, dunque, è di rendere la purea frizzante, spumosa, ma anche morbida e leggermente elastica. In questo modo si produce un gradevole contrasto quando si mescola al prosecco. Ovviamente, per ottenere questo risultato è bene non esagerare, nello specifico non andare oltre i 2 grammi.

Bollicine con spuma di frutta frizzante

Lo xantano, però, fa anche bene alla salute. In primis giova all’apparato digerente e facilita la digestione. Da questo punto di vista, si comporta un po’ come le fibre. Lo xantano, poi, equilibra l’assorbimento di zuccheri e grassi. Ciò produce risvolti positivi, ovvero il controllo del colesterolo e della glicemia. Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo su livelli molto bassi: 76 kcal per 100 grammi. In ogni caso, le calorie si limitano sempre a pochi grammi di prodotto.

Kumquat, il mandarino cinese dalle eccellenti proprietà

Il nostro sfizioso antipasto di bollicine con spuma di frutta si arricchisce con un altro alimento non molto conosciuto, il kumquat. Si tratta di un frutto esotico, non molto diffuso in Italia (non si trova spesso nei supermercati). Il kumquat è chiamato il mandarino cinese, un agrume che si caratterizza per la buccia prevalentemente lisca (un unicum per la sua categoria) e per la forma leggermente allungata. Le dimensioni sono davvero contenute, e spesso non vanno oltre quelle di una grande oliva La scorza è sottile e insolitamente dolce, dunque può essere consumata insieme alla polpa. Questa si distingue per la freschezza ma soprattutto per l’asprezza, dunque propone un contrasto davvero interessante.

Per quanto riguarda le proprietà nutrizionali, il kumquat si comporta più o meno come tutti gli altri agrumi. Di conseguenza, contiene molta vitamina C. I kumquat si caratterizzano anche per la presenza di acido folico, ferro, manganese e calcio. Sono noti per le proprietà antimicrobiche, antibatteriche, antinfiammatorie e antitumorali. Non a caso, il consumo di kumquat fa parte della medicina tradizionale cinese (non riconosciuta da quella ufficiale). Nella ricetta delle bollicine con spuma di frutta, il kumquat viene trattato insieme all’uva, tagliato in due, reso frizzante dal sifone e infilato sullo spiedino per essere posto come decorazione.

Ecco la ricetta delle bollicine con spuma di frutta:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 bottiglia di prosecco;
  • 3 dl. di purea di frutti di bosco;
  • 2 gr. di xantano;
  • 100 gr. di uva rossa;
  • 100 gr. di kumquat;
  • 1 mazzetto di menta.

Preparazione:

Per la preparazione della bollicine con spuma di frutta iniziate tagliando in due l’uva e il kumquat, e rimuovendo i semi. Poi inserite le frutta in un sifone insieme alla menta sminuzzata e caricate il sifone di anidride carbonica; infine fate riposare in frigo per circa 60 minuti. Ora inserite nel mixer la purea di frutti di bosco insieme allo xantano e versate il composto nel sifone, caricate il gas e fate riposare in frigorifero. Nella fase successiva scaricate il gas dal sifone e recuperate la frutta diventata ormai frizzante e infilatela sugli spiedini. Infine riempite i bicchieri con il prosecco, sifonate la spuma di frutta e servite con gli spiedini che avete preparato.

5/5 (420 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

torta di pere

Torta ripiena di pere, un dessert ottimo per...

Torta ripiena di pere, un dolce semplice ma ricco di gusto. La torta ripiena di pere è un dolce che assomiglia a una crostata. Differisce da quest’ultima, però, per la presenza della pasta...

Budino al cioccolato per Carnevale

Budino al cioccolato per Carnevale, un dolce colorato

Budino al cioccolato per Carnevale, un dessert speciale con il minimo sforzo Il budino al cioccolato, come tra l’altro suggerisce il nome, è un dessert perfetto per rendere speciali le feste di...

Semifreddo al profumo di arancia

Semifreddo al profumo di arancia, un dessert colorato

Semifreddo al profumo di arancia, perché è così speciale? Il semifreddo al profumo di arancia ha tutte le carte in regole per essere “il dessert” ideale per Carnevale. In primis è colorato,...

Migliaccio di Carnevale

Migliaccio di Carnevale, dolce perfetto per le feste

Migliaccio di Carnevale, un dolce ottimo con il minimo sforzo Oggi vi presento il migliaccio di Carnevale, una torta che molti di voi già conosceranno, anche perché è una delle più famose in...

Stelle ripiene di castagne

Stelle ripiene di castagne per un Carnevale diverso

Stelle ripiene di castagne e uvetta, dei dolcetti colorati e deliziosi Le stelle ripiene di castagne e uvetta sono dei dolcetti squisiti e dal grande impatto visivo, da proporre in particolar modo...

Cocktail ananas e semi di chia

Cocktail analcolico con ananas per un momento di...

Le particolarità del cocktail analcolico con ananas e semi di chia Il cocktail analcolico con ananas e semi di chia è una bevanda che procede da una particolare selezione degli ingredienti....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti